LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma, l'eredità Torlonia: "Le firme sono vere, archiviate il caso"
Francesco Salvatore, Giuseppe Scarpa
La Repubblica - Roma 24/11/2018

Per la procura di Roma il caso sul testamento dei Torlonia non esiste. O meglio, la vicenda dei presunti falsi compiuti in relazione alla gestione delle società di famiglia, aperta dopo la morte del principe Alessandro Torlonia, non si sarebbero mai verificati. Lo scorso 12 ottobre il pm Maurizio Arcuri ha chiesto l'archiviazione del caso ( a carico di ignoti) per due reati: falsità materiale e falsità ideologica.

L'input agli inquirenti per indagare su questa vicenda era arrivato da Carlo Torlonia, primogenito del principe Alessandro, in lite sull'eredità col fratello e le due sorelle. Carlo riteneva che qualche cosa nel governo degli immensi possedimenti familiari - poco prima della morte del padre avvenuta all'età di 92 anni il 28 dicembre 2017 - fosse andato storto. Un patrimonio che comprende numerose società agricole, immobiliari, finanziarie e che ha, come principale gioiello, la Banca del Fucino.

Carlo Torlonia, nell'esposto, non avrebbe indicato i presunti autori dei falsi. Avrebbe, però, suggerito due circostanze che renderebbero sospette tutte le operazioni compiute dal padre tra luglio e dicembre del 2017, che hanno poi determinato l'aumento di capitale da 50 milioni di euro della Banca del Fucino.

Ovvero cinque firme apocrife del padre sui fogli di presenza e di delega alle riunioni dei soci dell'istituto di credito. Il secondo elemento, sempre per il primogenito, riguarda invece lo stato di salute del padre. Incapace - in sintesi - di compiere qualsiasi azione autonomamente. Ebbene, sulla base di questi due elementi, si sono mossi gli investigatori: in poco tempo i carabinieri, coordinati dal pm Arcuri, hanno sconfessato la tesi di Carlo.

Le firme sulle deleghe e sui fogli di presenza alle assemblee dei soci del defunto principe sono autentiche, come sostenuto dal consulente tecnico nominato dalla procura. E, soprattutto, lo stato di salute del principe era ottimo, come ha riferito l'ultimo medico che lo ha avuto in cura. Lo specialista, sentito dai militari, ha spiegato che l'ultranovantenne nell'ultima fase della sua esistenza era estremamente lucido, prenotava da sé le visite.

Ed è sulla base di questi elementi che il pm ha chiesto l'archiviazione. Sarà adesso il gip a dover decidere. Gli esiti a cui è arrivata la procura potrebbero incidere anche sul profilo civile, dove i fratelli Torlonia si stanno dando battaglia a suon di carte bollate. Mercoledì il giudice Fulvio Vallillo ha disposto il sequestro del patrimonio di famiglia composto da palazzi e dalla collezione d'arte. Anche in questo caso è stato il primogenito ad impugnare il testamento e a dare così il via all'azione giudiziaria.

Il resto dei familiari - Paola, Francesca e Giulio Torlonia, insieme ad Alessandro Poma Murialdo - fanno sapere a Carlo "che agiranno con fermezza in ogni sede anche per tutelare la figura del genitore, principe Alessandro Torlonia".

https://roma.repubblica.it/cronaca/2018/11/24/news/roma_l_eredita_torlonia_le_firme_sono_vere_archiviate_il_caso_-212468144/


news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news