LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Concorso beffa per i restauratori
Edek Osser
Il Giornale dell'Arte, n. 392 1/12/2018

Roma. Da un anno i candidati aspettavano lesito del concorso Ripam-Mibact (bando del 2016) per lassunzione di 80 funzionari restauratori. Quando, il 20 novembre scorso, sono state pubblicate le graduatorie, i restauratori diplomati alla Scuola di Alta Formazione (Saf) del Mibac prima del 2009 che avevano partecipato al concorso hanno fatto una (per loro amara) scoperta: il punteggio assegnato per il loro titolo è Zero. Per quanto importante fosse la loro esperienza e brillanti gli esami sostenuti al concorso, nella graduatoria quello Zero alla voce titoli li ha penalizzati.

Una situazione paradossale che declassa lélite del restauro italiano e il prestigio stesso dellIscr negli anni precedenti al 2009, quando i suoi metodi e la qualità di quel diploma erano un modello in tutto il mondo. Particolare inquietante: la commissione esaminatrice del Mibac ha preso la decisione di valutare Zero, cioè non esistente, il diploma Saf trascurando o mal interpretando una serie di norme in vigore, con una votazione a maggioranza (due su cinque hanno votato contro).

Eppure il problema della equiparazione del diploma Saf ante 2009 alla laurea magistrale Lmr-02 era stato risolto senza possibilità di dubbi e dopo lunga attesa (il primo riconoscimento delleccellenza di quel titolo era già contenuto nel Codice dei Beni Culturali del 2004) dal decreto del 21 dicembre 2017 firmato dagli allora ministri Dario Franceschini per il Mibac e Valeria Fedeli per il Miur, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 6 luglio 2018. Dunque tutto era chiaro ben prima della pubblicazione della graduatoria finale. Come è stato possibile non tenerne conto creando unevidente ingiustizia? Era stato consultato lufficio giuridico del Mibac?

La palese contraddizione partiva dalle stesse regole di accesso al concorso del 26 aprile 2016 (che riguardava lassunzione di 500 funzionari e tra questi 80 restauratori): tra i requisiti era prevista la laurea specialistica o magistrale o diplomi di laurea equipollenti e anche diploma delle Scuole di alta formazione e di studio che operano presso lIstituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, e appunto il riconoscimento della qualifica di restauratore ai sensi dellart. 182 del Codice dei Beni culturali e del paesaggio. Non solo, la stessa commissione aveva chiarito e scritto che i titoli Saf sarebbero stati ritenuti validi per lattribuzione del punteggio finale. Del resto, i diplomati Saf erano stati ammessi in base alle regole stesse del bando di concorso e soltanto nella fase di valutazione finale il loro titolo è evaporato.

Non possiamo dunque essere sicuri che i restauratori assunti siano davvero i migliori e che non siano stati invece scartati altri candidati per unerrata interpretazione delle norme. La graduatoria pubblicata è comunque ufficiale e sono in corso le procedure per lassunzione al Mibac dei vincitori. Ma è soltanto linizio di una ennesima battaglia di ricorsi alla giustizia amministrativa e richieste in autotutela dei restauratori discriminati perché le graduatorie vengano corrette. I Tar avranno lavoro per i prossimi mesi.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/concorso-beffa-per-i-restauratori/130235.html


news

09-11-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 9 NOVEMBRE 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news