LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sylvain Bellenger: "Il degrado sta soffocando la città. Muti ha ragione: dobbiamo reagire"
Antonio Ferrara
La Repubblica - Napoli 3/12/2018

Parla di un "degrado che cresce", di una città dove "i giovani sono ai margini", ma anche di un "rapporto straordinario di Napoli con un maestro come Muti", anche se la mancanza di dialogo tra Comune e Regione pesa, e come, sui destini di tutti. Sylvain Bellenger dirige il Museo e il Bosco di Capodimonte dal 2015 ed è un grande amico di Muti. "Ricordo quando ho conosciuto Riccardo a Chicago, dove io ero all'Art Institute. La sua assistente e capo staff Emily Master mi chiamò: "Il maestro vuole vedere il presepe napoletano comprato da un francese". Risposi: "Certo, quando?". "Tra un quarto d'ora". Il museo è infatti di fronte alla sede della Chicago Symphony Orchestra. Muti entrò nella sala del museo dov'è il presepe e disse: "Sento profumo di mandarino, perché per me Natale è il profumo del mandarino". Una cosa dolcissima e grande".


Non a caso il maestro ha regalato al premier Conte, a de Magistris e al prefetto Pagano un mandarino alla prima di "Così fan tutte", come ha raccontato nella sua intervista a "Repubblica".

"Un gesto bellissimo, come un Re Mago direi... Molto simbolico. L'amore di Riccardo per la sua città è lo stesso che ritrovo in tutti i napoletani. Tutti hanno un rapporto di amore/odio con essa. La fascinazione di Napoli è unica: nella libreria della stazione di piazza Garibaldi c'è un'ampia sezione dedicata alla storia e all'identità di Napoli, con oltre 300 titoli: ecco, in nessuna altra libreria della stazione principiale nel mondo trovi una sezione così vasta dedicata alla città, non a Parigi, non a Berlino".


Eppure, le parole del grande direttore non sono tenere per i cittadini e le istituzioni.

"Nella sua passione amorosa, Muti dice cose coraggiose con le quali i napoletani devono fare i conti. Il degrado della città peggiora di anno in anno. Sono andato nel centro storico: i napoletani scrivono il nome delle fidanzate o del cane sui monumenti, sulle porte. Il Conservatorio è in una situazione indegna, Muti ha ragione. C'è l'ipocrisia di chi dice che quella è street-art, ma non è vero. Al degrado si aggiunge una forma di turismo low-cost che ormai sta invadendo Napoli in modo incontrollabile, ma porta a una trasformazione negativa della città: il centro storico è impercorribile. E non c'è la forza di dire che tutto questo si deve organizzare".


Che fare, direttore Bellenger?

"Lottare contro i graffiti è difficile, serve una maggiore sorveglianza. Ricordo che l'unica città che aveva una situazione simile era Varsavia prima della caduta del muro di Berlino, perché non c'era libertà di espressione. Ora, non mi pare che Napoli soffra di mancanza di espressione, mentre i giovani soffrono di abbandono economico e politico grave. Stiamo sacrificando la terza generazione di giovani napoletani, nelle stesse strutture culturali non ci sono i giovani nei posti di comando. In Italia e a Napoli i giovani non hanno accesso al potere, c'è una gerontocrazia che soffoca tutto".


Parigi è scossa dai gilet gialli, perché non qui?

"Perché l'Italia non ha la stessa tradizione politica, le polemiche spesso sono fine a se stesse, c'è un atteggiamento passivo. Le grandi democrazie del mondo vivono tutte la stessa crisi, frutto della globalizzazione che porta benessere a pochi e disuguaglianze a tanti. E sono loro che soffrono e si ribellano".


Anche qui i gilet gialli?

"No, perché la rabbia si esprime in maniera permanente, e spesso senza voglia di cambiare. Ritorno sui graffiti: sono espressione di frustrazione che viene da noia, da mancanza di lavoro, da un mondo giovanile maltrattato dalla società. Se non hai una famiglia alle spalle, è tutto complicato".


La famiglia salvezza e condanna dell'Italia?

"Direi di sì. Io a 17 anni ero già indipendente, facevo piccoli lavori, e venivo incoraggiato dai miei genitori, sempre vigili però su quanto accadeva. Qui le persone a 40 ancora non sono autonome".


Ieri sera, ultima di "Così fan tutte", gli spettatori dei palchi hanno appeso uno striscione: "Maestro Muti, torna"...

"Bello. Sabato sera sono stato al San Carlo, la cosa che mi ha colpito è come la città abbraccia il maestro, nonostante le critiche pesanti ma giuste; è un uomo esigente verso se stesso e verso gli altri, ma è così orgoglioso della storia di Napoli. Si percepiva sabato sera al San Carlo una cosa unica per Napoli".


Muti ha detto: "L'Italia si è disinteressata di Napoli".

"Riccardo ha ragione, trovo forme di razzismo orrendo in altre zone d'Italia dovute all'ignoranza: non conoscono la città, sono pieni di pregiudizi".


Paolo Giulierini su "Repubblica" ha sottolineato la necessità che Regione e Comune si parlino per il bene di Napoli. E Bellenger che ne pensa?

"È grave che i nostri politici non abbiamo saputo mettere la loro missione al di sopra dell'ego personale: questo danneggia la vita quotidiana di tutti. A Napoli serve un intervento di manutenzione costante, che chiamerei domestica: è incomprensibile che la città sia in queste condizioni. Quando arrivi all'aeroporto vedi spazzatura, senza parlare delle periferie. Forse, se fossi un italiano del Nord avrei anche io la stessa reazione negativa verso la città. Manca la politica di base, la gestione ordinaria. Il più grave danno è la mancanza di armonia tra Regione e Comune, i momenti migliori per la città sono stati quando questa c'era".


Che esempio può venire da Capodimonte e dai musei?

"Ho proposto al sindaco di mettere cartelli con informazioni storiche su edifici e monumenti. Se sei informato, eviti il mix di incoscienza e ignoranza che è dietro i graffiti. Nel Bosco di Capodimonte abbiamo risolto il problema con tre azioni: un'alternativa ai ragazzi per giocare a calcio invece di farlo sui giardini davanti al palazzo; la partecipazione dei cittadini attraverso campagne come Adotta una panchina e un albero; l'informazione puntuale con cartelloni sui lavori in corso nel bosco e sul tipo di alberi".


Lo sa che Muti ha detto che ora Capodimonte è meglio di Versailles?

"(Ride). Il comportamento del pubblico è cambiato totalmente, anche perché vedono il direttore che se c'è una carta a terra si china, la raccoglie e la mette nel cestino".


E il progetto sulla musica che vede Muti coinvolto?

"Va avanti. Vogliamo creare una fondazione - che spero sarà la Fondazione Riccardo Muti - che si occupi della musica napoletana e avrà sede nel Bosco: puntiamo alla digitalizzazione di tutte le partiture, a raccogliere antichi strumenti musicali, un progetto che si fa insieme al Conservatorio, valorizzando collezioni di partiture che sono in chiese e monasteri. La digitalizzazione è il futuro del patrimonio culturale".

https://napoli.repubblica.it/cronaca/2018/12/03/news/sylvain_bellenger_il_degrado_sta_soffocando_la_citta_muti_ha_ragione_dobbiamo_reagire_-213249930/


news

11-12-2018
Rassegna Stampa aggiornata al giorno 11 dicembre 2018

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

04-04-2018
VIII edizione del Premio Silvia Dell'Orso: il bando (scadenza 30/9/2018)

29-03-2018
Comitato per la Bellezza: A Palazzo Nardini chiedono già affitti altissimi ai negozi

25-03-2018
Lettera aperta di Archeologi Pubblico Impiego - MiBACT ai Soprintendenti ABAP

25-03-2018
A Foggia dal 5 aprile rassegna Dialoghi di Archeologia

23-03-2018
Comitato per la Bellezza e Osservatorio Roma: Tre richieste fondamentali per salvare Villa Borghese e Piazza di Siena

Archivio news