LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma. Dèi, ninfe e imperatori risorgono dal buio. Ecco il tesoro dei Torlonia
CARLO ALBERTO BUCCI E FRANCESCO ERBANI
Repubblica, 07/12/2018

È la più grande collezione privata di arte antica. È stata nascosta per oltre quarantanni. Ora
La porta in fondo allatrio luminoso di Palazzo Torlonia siamo in via della Lungara, a Roma, ai bordi di Trastevere dà su un largo corridoio appena rischiarato da una luce fioca e incerta. Le pareti sono ingombre di mobiletti metallici. Su alcuni sono depositate valigie e faldoni gonfi di carte. E poi spiccano, alternandosi sopra gli ingressi alle cantine, un filare di scaldabagni e una serie di mascheroni in gesso. Il corridoio prosegue verso il cortile interno, ma noi ci fermiamo davanti a una porta blindata. Due colpi con le nocche, un rumore ferroso di serratura, la porta si spalanca e la luce inonda il corridoio.

Il laboratorio di restauro è tinteggiato di un bianco sfolgorante. E si fa quasi fatica a tenere gli occhi aperti. Addossate alle pareti, avvolte in coperte di cellophan, le statue sono fresche di ripulitura. Lo sconcerto emotivo le fa apparire bianche smaglianti. E la stessa candida, illusoria impressione rilasciano i busti sistemati su una mensola. Anna Maria Carruba, responsabile del loro restauro, solleva delicatamente il velo di plastica e i marmi sembra che respirino. Sono anni che Carruba, fra le più esperte restauratrici italiane, cura i capolavori della Collezione Torlonia insieme alle sue giovani collaboratrici e li prepara per la mostra che, se tutto va come dovrebbe andare, si inaugurerà il prossimo autunno a Palazzo Caffarelli.

È il primo passo che compiranno in pubblico un centinaio delle 623 sculture di una delle più importanti e compatte collezioni al mondo di opere di età classica. Ma che negli stanzoni qui a fianco, con le pareti dipinte di un rosso ormai sfiorito, sono rimaste rinchiuse per oltre quarantanni, dopo che il principe Alessandro Torlonia le sfrattò dal piano superiore di questo palazzo a un centinaio di metri da Regina Coeli. Il principe aveva chiesto lautorizzazione per riparare il tetto. E invece realizzò novanta appartamenti al posto dei locali in cui suo nonno, che si chiamava come lui, nel 1875 aveva organizzato un museo. Quel Museo Torlonia, aperto solo a pochi, che ancora figura in alcune mappe per turisti.

Antonio Cederna se ne fece una malattia, scrisse decine e decine di articoli. Quelle sculture sfumavano nella leggenda, erano documentate in un gigantesco catalogo del 1881, ma nessuno più aveva potuto vederle. Per la prima volta oggi le stanze al piano terra di Palazzo Torlonia si aprono a qualcuno che non sia della famiglia Torlonia o della Soprintendenza, che non siano le restauratrici, o larcheologo Carlo Gasparri e lo storico dellarte Salvatore Settis, i due curatori della mostra. Ed è Settis, che ci guida in queste stanze insieme ad Alessandro Poma Murialdo, nipote del principe Torlonia e presidente della Fondazione che gestisce il patrimonio darte di famiglia, a spiegare il senso di un inedito non solo per i cronisti: Vedete questo bassorilievo che raffigura le attività di un porto, con imbarcazioni piccole e grandi, con le onde e le vele decorate, Nettuno e altri dèi e con uno strano occhio che sembra un simbolo apotropaico? È un marmo greco, unopera celebre che compare nei manuali. Nessuno laveva mai visto dal vivo. Neanche Ranuccio Bianchi Bandinelli, che lha pubblicato. Neanche io. E dire che dal restauro si evidenziano persino sopravvivenze di colori. È come se queste sculture emergessero ora da uno scavo archeologico.

Ci aggiriamo in un ambiente diviso in due parti. In una è organizzato il laboratorio, asettico e febbrile luogo di studio e di lavoro. Oggi sono tre le restauratrici allopera. Una si applica alla coppia di guerrieri, uno dei quali firmato dal greco Philoumenos, unaltra a un busto di Adriano giovane in marmo nero, unaltra ancora sta stuccando i bordi della Tazza di Cesi, una vasca di quasi due metri di diametro, raffigurata dai pittori fiamminghi che dal Cinquecento la potevano ammirare negli orti della famiglia Cesi.

La Tazza Cesi è ancora nel vecchio stanzone dove il principe Torlonia accatastò le sculture. A questo ambiente si accede da un varco aperto nel muro, ancora troppo stretto perché la Tazza, monumentale coppa, possa attraversarlo e che dunque andrà allargato. È un grande camerone appena illuminato dalle lampadine. È uguale a come figura nellunica fotografia che documentava la condizione in cui versava la Collezione Torlonia. Cederna riuscì a procurarsela e più volte lha pubblicata. Quando entrai qui dentro la prima volta rimasi senza parole, mi venne da piangere davanti a questo incanto, racconta Carruba. Centinaia di statue erano coperte di polvere. Ma questa coltre si è cristallizzata e le ha preservate. Il principe Torlonia aveva chiuso la collezione in una specie di tomba. Questi ambienti erano stati sigillati e fu alzato un muro portante per sostenere gli appartamenti del piano di sopra. Cera ununica piccola porta, lì in fondo. E davanti era stata piazzata lincombente statua di un santo. Come a impedire laccesso a questo scrigno di atleti, imperatori e matrone. Non entrava nessuno. Erano lontane dagli occhi di tutti, ma le sculture sono perfettamente conservate.

Nello stanzone il tempo sembra congelato. Ora che le statue destinate alla mostra sono state spostate nel laboratorio, quelle rimaste qui sono addossate luna allaltra, non cè spazio per muoversi. Fra le sculture si aprivano corsie di passaggio che sono occupate da lastre di marmo e da frammenti provenienti, forse, dal Palazzo Torlonia che un tempo era a piazza Venezia e che fu demolito nel 1901 per far posto allAltare della Patria. Nessuno, tantomeno i Torlonia, conoscono la provenienza con precisione. Sulle mensole in alto giacciono decine e decine di busti, accostati in doppia, persino terza fila. Sembrano calchi in gesso, alcuni raffigurano antenati di famiglia (il capostipite, Marin Tourlonias, arrivò a Roma dallAuvergne nel 1750, vendeva tessuti e fece fortuna con leredità di un cardinale di cui divenne cameriere e che gli lasciò unazienda e un banco prestiti: da lì iniziò lescalation finanziaria del casato).

Nel laboratorio, invece, sfilano in ordine i pezzi pregiati della collezione. Le opere già restaurate sono una settantina, sono imballate e sembrano una bizzarra composizione darte contemporanea, con il bigliettino che pende da un braccio. Sotto la plastica sfilano volti levigati, capigliature ricciolute, barbe austere, le pose canoniche di un Ercole, di Venere e di Minerva, i busti femminili Livia, Agrippina maggiore, Messalina e quindi i ritratti degli imperatori, una galleria con Vespasiano, Tito, Domiziano, Adriano, Antonino Pio e Marco Aurelio. A loro volta, appena ripuliti e spolverati, attestano la storia dei restauri e delle manipolazioni praticate nei secoli.

Davanti a un Ercole con la clava composto di tanti frammenti assemblati, Settis spiega: NellOttocento erano richieste opere che apparissero integre anche se non lo erano. Per cui i restauratori compivano innesti con statue delle stesse dimensioni, non necessariamente dello stesso soggetto. E avevano abilità nel celare, fingere, nascondere. Questa statua-mosaico è un monumento di tale gusto. Marmi di vari statue ricomposti come in un mostro di Frankenstein. Il collage è talmente estremo che non vale la pena di stemperare lo stacco tra le varie membra con un colore uniformante. Vedremo se esporla in mostra. Ci andrà con sicurezza la Fanciulla da Vulci, una testa di ragazza che sembra uscita da un atelier novecentesco. E con lei uscirà da questi stanzoni unallegra pattuglia di opere mai viste prima per una mostra che, si può immaginare, segnerà unepoca.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news