LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PIEMONTE - Chi è Turetta il supermanager voluto da Roma
Marina Paglieri
06 dicembre 2018 la Repubblica



Un curriculum nelle istituzioni, da grand commis di Stato, quello di Mario Turetta, approdato alla direzione della Reggia di Venaria, nel gennaio 2015, sulla poltrona fino ad allora occupata da Alberto Vanelli. Un' eredità pesante, di cui lui dimostra ben presto di esser all'altezza, nonostante le polemiche che avevano accolto una nomina arrivata non per bando, ma su pressioni del Ministero dei beni culturali.

Nato ad Alpignano nel 1958, laureato in sociologia, una carriera iniziata al comune di Chieri, con una parentesi alla Fondazione Rosselli, approdato a metà anni 90 al Dipartimento funzione pubblica e affari regionali della Presidenza del Consiglio dei ministri, già dirigente della Regione, Turetta ha iniziato a occuparsi di beni culturali nel 2004, quando per tre anni è stato direttore del Mibac per il Piemonte.

Fin da allora ha rivelato spiccate doni manageriali, non così scontate nel settore: a lui si deve la nascita di quel Polo Reale che aspirava a riunire in un'unica struttura le collezioni già dei Savoia sparse tra Palazzo, Armeria e Biblioteca Reale, Galleria Sabauda e Museo di Antichità. I prodromi di quei Musei Reali che sarebbero divenuti nel 2014, con la riforma Franceschini, un'unica realtà, dotata di autonomia gestionale ed economica, affidata alla direzione di Enrica Pagella. Nel periodo alla direzione regionale, Turetta gestisce un'ostensione della Sindone, nel 2015, e porta avanti il restauro della cappella di Guarini.

Buone relazioni, anche politiche, modi diretti e facilità nella comunicazione - molto buoni i suoi rapporti con i giornalisti Turetta è stato nel 2014 il "piemontese dell'anno" per il sondaggio di Repubblica Torino. Gli si riconoscono visioni e capacità nella riorganizzazione dei beni culturali: sotto di lui la Reggia conferma il successo e approda nel 2016 a quel milione di visitatori che sembrava impossibile da raggiungere. Un dato che replica anche l'anno successivo.

Lavorerò nei prossimi tre anni perché Venaria diventi a tutti gli effetti il portale delle residenze sabaude. Partendo dalla dimora di segno più forte', si potrà valorizzare l'intero sistema, rafforzarne brand e identità, creare un'offerta turistica: il resto, dai servizi comuni ai collegamenti tra i siti, non sarà che una conseguenza. È una questione di mercato: il business nasce dove la richiesta è alta. Questo aveva detto Turetta alla nomina alla direzione della Reggia. Ma tre anni dopo un processo che aveva sempre avuto il segno più subisce una battuta d'arresto.

Nel luglio 2017 si volta pagina con la modifica dello Statuto della Reggia e la nascita del Consorzio delle Regge reali sabaude, cui partecipano Mibact, Regione, Comune di Venaria, Compagnia di San Paolo e Fondazione 1563 per l'arte. Turetta è nominato direttore a gennaio 2018 , di nuovo con polemiche, e ancora una volta per precisa volontà del ministro Franceschini, che lo indica come unico candidato.

Plaude la Regione, e in particolare l'assessora Antonella Parigi, che appoggia la nomina in vista di risultati comuni ( la pentastellata Francesca Frediani non è d'accordo e accusa Turetta di "una gestione autoritaria dei complessi sabaudi"). Ora, a un anno e mezzo dalla nascita, quel circuito non è decollato. Il Mibac non ha dismesso i castelli di Aglié e Moncalieri, la Palazzina di Stupinigi non è entrata in una sorta di gestione comune. E' vero, l'attuale ministro, Alberto Bonisoli, non mette certo il Consorzio delle Regge tra le priorità. Ma qualcuno, soprattutto nell''ambito della Compagnia, lascia capire che l'attuale direttore è troppo ligio ai regolamenti e prende poche iniziative. Ma questo potrebbe essere solo uno dei motivi alla base dello scontro in atto.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news