LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brindisi candida la via Appia a Patrimonio dell'umanità Volpe: "Scelta strategica"
Lucia Portolano
05 dicembre 2018, La Repubblica



L'antica via Appia candidata ad ottenere il riconoscimento di sito Unesco, patrimonio mondiale dell'umanità. La giunta comunale di Brindisi ha deliberato di candidare all'Unesco la via Appia antica con le sue colonne romane che si affacciano sul porto di Brindisi e segnano la fine della regina viarum, ma anche l'inizio dei collegamenti, con i paesi del Mediterraneo orientale. Una strada che segna una fine ma anche un inizio. Un asse viario che attraversa campagne e città di quattro regioni italiane: Lazio, Campania, Basilicata e Puglia. Una strada di collegamento lunga circa 540 chilometri tra Roma e Brindisi, la cui costruzione inizia nel 312 avanti Cristo, per volontà di Appio Claudio, politico e letterato romano, e viene completata a Brindisi all'inizio del II secolo avanti Cristo. La candidatura della via Appia a sito Unesco è stata già deliberata dal Comune di Benevento, oggi si si aggiunge quella di Brindisi che rafforza la proposta. Tutta la documentazione dovrà essere presentata dai Comuni ai ministero dei Beni culturali entro il 20 febbraio prossimo. Negli ultimi anni storici e archeologi hanno portato alla ribalta l'importanza di quella che è stata la prima grande strada d'Europa. Il giornalista e scrittore Paolo Rumiz ha raccontato attraverso un grande reportage pubblicato su Repubblica il suo viaggio a piedi da Roma a Brindisi accompagnato da tre compagni di avventura.

Uno scrigno di cose belle e ignorate - ha detto Rumiz ma anche di brutture che, dal secondo dopo guerra, hanno condannato questa via all'oblio. Un itinerario turistico e culturale che potrebbe rappresentare una grande ricchezza per l'Italia. Secondo l'archeologo Giuliano Volpe, docente dell'Università di Foggia, la via Appia è stata la grande rete mondiale di collegamenti prima dell'invenzione di internet.

Questa via non solo è stato un asse fondamentale per la viabilità Roma Brindisi e il collegamento con l'Oriente spiega Volpe - ma ha rappresentato un fondamentale contatto tra persone e merci. Candidare oggi la via Appia significa riconoscere l'importanza della necessità dei collegamenti tra le persone, le idee, e le civiltà. L'archeologo propone una valorizzazione dell'antica via per recuperare aree dell'Italia meridionale che sono state lasciate al degrado. La valorizzazione del passato per riscoprire il presente. "Sono felice di questa candidatura aggiunge Volpe - perché può essere una maniera per ripercorrere buona parte dell'Italia, con le sue campagne e le sue città. Bisogna recuperare l'idea di un viaggio che viene fatto attraversando paesi diversi, e non camminando in autostrada. Un viaggio per la conoscenza. E questo potrebbe essere un modo per valorizzare il paesaggio dell'Italia meridionale attraverso il recupero di aree ormai degradate. È necessario recuperare quei paesaggi perché sono ricchissimi di storia e beni culturali. Il lavoro di Paolo Rumiz ha permesso di riscoprire proprio questo viaggio ed ha dimostrato l'esistenza di questo importante asse viario.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news