LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

NAPOLI - Paolo Giulierini "Ma Comune e Regione devono parlarsi solo così la cultura ci salverà"
Antonio Ferrara
02 dicembre 2018 LA REPUBBLICA



Parla di una rivoluzione culturale in atto a Napoli, Paolo Giulierini, direttore del Museo archeologico nazionale che è a Palermo per l'inaugurazione della mostra "Palermo capitale del Regno. I Borbone e l'archeologia a Palermo, Napoli e Pompei" al Museo Salinas. Si dice meno pessimista di Riccardo Muti che ha parlato di città abbandonata nella sua intervista a Repubblica, e individua nella conflittualità Regione-Comune l'anello debole della catena del riscatto, così come in quella corsa ai festival piuttosto che a infrastrutture e servizi per i turisti.

Direttore, Riccardo Muti parla di "un'Italia che ha dimenticato i suoi doveri verso Napoli". Lei da tre anni guida l'Archeologico, che idea ha?

Qui si respira aria di un cambiamento culturale di cui avremo percezione completa tra dieci anni: allora comprenderemo quello che sta accadendo oggi. Sta maturando una riforma dei beni culturali dal basso, attraverso l'adesione di molte associazioni e di soggetti come la Paranza. Siamo di fronte a una sperimentazione che è diventata un modello per tutti. Il capitale umano qui è di prim'ordine.

Perché allora c'è tanto degrado se ci sono questi fermenti? Dove si interrompe il circuito virtuoso che descrive?

C'è il degrado perché la capacità di crescita nella città passa da un programma di trasformazione condiviso tra le istituzioni; serve una collaborazione più stretta e meno belligerante tra gli enti locali territoriali. Penso al tema del completamento della rete delle metropolitane che è a un punto di snodo, al fatto che Msc venga qui, all'aeroporto che è un modello, alle potenzialità dell'alta velocità che ci collega con tutta Italia in poche ore, all'attrattiva del porto. Ecco, ci sono tutte le precondizioni, però manca una condivisione di lungo periodo degli obiettivi.

"Vorrei si parlasse di Napoli per la sua ricchezza" ha ripetuto Muti. Pensiamo al Centro storico di Napoli patrimonio Unesco...

Appunto. I vantaggi dell'essere sito Unesco non sono sfruttati a pieno, bisogna puntare di più sull'integrazione. Stiamo facendo ora un programma di quartiere per gestire la Galleria Principe di Napoli con il Comune. Sono questi gli esempi da seguire: problemi, soluzioni e azioni.

Vede in giro una "caduta di valori"?

Io direi che a Napoli mancano soprattutto valori "monetari": un problema è che qui mancano, a differenza di Torino o Milano, le fondazioni bancarie e la loro disponibilità economica. Ora anche la storia del Banco di Napoli non aiuta affatto. Non so se senza l'apporto di tante fondazione in altre zone del Paese si potrebbe fare tutto quello che si fa. Detto questo, tuttavia, a differenza di città come Firenze, la forza di Napoli è che qui ci sono ancora i napoletani, sopravvivo i valori della loro storia e tradizione. Napoli è in grande crescita. Queste risorse vanno coordinate, messe in ordine, serve più decoro cittadino, più servizi turistici, ma servirebbe un accordo tra Regione e Comune che in queste ore non è pensabile.

Lei descrive una realtà viva, piena di competenze e capacità.

Eppure l'impatto di tutto questo sulla gestione ordinaria della città non si vede o non trova rappresentanza: dove è l'intoppo?

C'è una difficoltà a decidere gli obiettivi; sulle infrastrutture c'è un lavoro, ma serve una politica che si occupi di più di decoro, rifiuti. Se la città vuole svoltare, deve sapere che lavorare per tenere pulite le strade e le facciate dei palazzi è come fare una grande mostra su Canova. Se si vuole puntare sul turismo e sulla cultura, servono pochi obiettivi condivisi: il decoro dei palazzi, la pulizia delle strade, la sicurezza, gli investimenti sulle nuove tecnologie.

Ciò che è competitivo resta però isolato, dai musei come il Mann e Capodimonte che raccolgono i frutti della riforma Franceschini alle porte di ingresso alla città, come aeroporto e stazioni. Cosa manca?

Penso che le istituzioni non debbano gareggiare tra loro a fare festival o iniziative simili, ma - per esempio - dovrebbero investire sul Centro storico in maniera strutturale. Napoli non ha bisogno di mostre continue, deve essere un luogo dove poter arrivare e dove muoversi in sicurezza. Ecco: meno festival, più infrastrutture e servizi.

La cultura la fanno gli enti culturali, come il San Carlo, i musei, le biblioteche, le università, il Conservatorio, le scuole, i teatri, il sistema dell'informazione, il cinema e così via. Serve un cambio di strategia.

Direttore Giulierini, tanti giovani vanno via da qui però...

Di per sé non è un male, se non c'è costrizione. Anche a Napoli ci sono modelli formativi di grande spessore, la scuola diplomatica napoletana è dietro molto del nostro corpo diplomatico. Non è una perdita per la città se giovani brillanti lavorano all'estero, anzi dovrebbero essere ambasciatori di Napoli, come il maestro Muti fa ad altissimi livelli: egli è l'espressione migliore della napoletanità che è nel mondo, e come lui tanti altri potrebbero diffondere la conoscenza della città. La capacità di affermarsi dei giovani napoletani e italiani all'estero la vedo in un'ottica positiva. Per questo serve che si parli sempre più all'estero delle nostre ricchezze, come ha ricordato Muti su Repubblica .



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news