LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Gasdotto Tap, falda inquinata e ulivi espiantati: 15 indagati per reati ambientali
di CHIARA SPAGNOLO
17 dicembre 2018 LA REPUBBLICA



Tra gli indagati figurano il country manager Italia Michele Elia oltre ad imprenditori e rappresentanti delle ditte che stano eseguendo i lavori


LECCE - Quindici indagati per i presunti illeciti commessi nella costruzione del gasdotto Tap a Melendugno: dai vertici italiani della multinazionale a quelli delle ditte che finora hanno effettuato i lavori, compresa Saipem, incaricata della realizzazione del microtunnel. Lavviso di conclusione indagini è firmato dal procuratore della Repubblica di Lecce, Leonardo Leone de Castris, e dalla pm Valeria Farina Valaori, che hanno definito contestualmente tutti i tronconi investigativi sullinfrastruttura energetica tanto contestata in Salento.

I reati ipotizzati vanno dal deturpamento di bellezze naturali alla violazione del Codice dei beni culturali, fino inquinamento della falda acquifera sotto il cantiere di San Basilio.

Tra gli indagati figurano il country manager di Tap Italia Michele Mario Elia (già manager di Ferrovie dello Stato); i rappresentanti legali della società Luca Schieppati e Elisabetta De Michelis; il project manager Tap Gabriele Paolo Lanza; Luigi Romano fabbrication operation manager Saipem nonché Adriano Dreussi e Piero Straccini, offshore costruction manager della stessa azienda di San Donato Milanese; Lucio Mello dellomonima ditta di Carmiano; Massimiliano Greco della Cosimo Greco Snc di Monteroni; Antonio Vallone della Montaggi Industriali di Galatina; Yuri Picco e Fortunato Aniello responsabile di commessa e direttore tecnico di cantiere della I.Co,P. di Basiliano (Udine); Giuseppe Mariano della Sme Strade di Copertino; Giuseppe Cesario Calò della Geoambiente di Cavallino; Maurizio Luigi De Pascalis della De Pascalis Pietro di Galatina; Claudio Coroneo e Pantaleo Notaro della Nuova Montaggi di Galatina.

Tutti avranno venti giorni di tempo per chiedere di essere interrogati o presentare memorie difensive, poi i magistrati decideranno se chiedere il loro rinvio a giudizio o archiviare le loro posizioni. Le questioni al centro dellinchiesta riguardano lespianto di circa 400 ulivi dallarea Le paesane, sotto sequestro dallaprile scorso. Secondo la ricostruzione dei carabinieri del Noe, Tap avrebbe lavorato in una zona soggetta a vicolo paesaggistico e per la quale avrebbe dovuto ottenere ulteriori autorizzazioni.

Laltro problema in evidenza riguarda il presunto inquinamento della falda acquifera, causata dallincompleta impermeabilizzazione di alcune zone del cantiere di San Basilio, nelle quali sarebbero state scaricate acque reflue e depositai rifiuti, il cui dilavamento avrebbe contaminato la falda con sostanze pericolose, a partire dal cromo esavalente. Il 16 novembre i carabinieri del Nucleo operativo ecologico effettuarono perquisizioni e sequestri di documenti nelle sedi Tap di lecce e Roma e nel laboratorio di analisi "SGS Italia spa" di Villafranca Padovana, in cui sono state effettuate le analisi delle acque di falda sotto il cantiere di San Basilio.



news

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

16-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 agosto 2019

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

Archivio news