LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. LEgizio? Serve il traino della città
Ilaria Dotta
Corriere della Sera - Torino 3/1/2019

Parla Evelina Christillin: stiamo crescendo ma Torino deve diventare più attrattiva

Il Museo Egizio non cresce più. A quattro anni dalla riapertura, i numeri del 2018 registrano una flessione dello 0,2 per cento. A un mese di gennaio disastroso, come lo definisce la presidente Evelina Christillin (meno 10,9 per cento rispetto al 2017) sono seguite una primavera e unestate altalenanti (meno 9,4 ad aprile, più 8,4 a maggio). Fino allexploit di fine anno, con un 36 per cento in più di visitatori a novembre e 13,8 a dicembre. La stragrande maggioranza dei nostri visitatori non è torinese, viene da fuori spiega Christillin . Se la città non offre altro, lEgizio può solo cercare di fare del suo meglio. Non dico che serva la grande mostra di Monet, ma dare limpressione di essere una città che offra poco oppure molto può davvero fare la differenza. A dimostrarlo sono i dati di gennaio, quando la città scontava la mancanza di iniziative legate al Capodanno, confrontati a quelli di novembre, con Artissima a fare da traino e attrarre turisti.

Certo, a quattro anni dalla riapertura una flessione dello 0,2 per cento non si può dire preoccupante. Ma i numeri registrati nel 2018 dal Museo Egizio spingono comunque a qualche riflessione. A un mese di gennaio disastroso, come lo definisce la stessa presidente Evelina Christillin (meno 10,9 per cento rispetto al 2017) sono seguite una primavera e unestate altalenanti (meno 9,4 ad aprile, più 8,4 a maggio). Fino allexploit di fine anno, con un 36 per cento in più di visitatori a novembre e 13,8 a dicembre. Risultato: lEgizio resta il museo torinese più amato dal pubblico, ma ha smesso di crescere.

Christillin, come mai questa frenata?

È sicuramente difficile mantenere i livelli di un museo appena aperto, o comunque appena rinnovato, per quattro anni. Noi, di fatto, a parte il boom del primo anno, il 2015, stiamo tenendo. E di questo siamo soddisfatti.

Come si spiega la crescita di novembre?

Ci sono stati tantissimi eventi sul territorio e il museo ne ha senza dubbio beneficiato. Senza voler fare i primi della classe, possiamo dire che chi arriva a Torino un salto allEgizio lo fa quasi sempre volentieri. A novembre, Artissima e Club to Club hanno attirato moltissima gente in città e cè stato un effetto traino. E ci sono state anche due partite di Champions League.

Davvero le partite di calcio portano visitatori al museo?

Da quando abbiamo riaperto, abbiamo mantenuto la buona abitudine di non chiudere il lunedì. E quando ci sono dei grandi incontri di calcio, non solo quelli di Champions che sono il martedì o il mercoledì, ma soprattutto quelli di campionato della domenica, spesso il mattino dopo troviamo nelle sale un gran numero di persone che non rappresentano il tradizionale pubblico dei musei.

Da una parte cè il buon risultato di dicembre, dallaltra il calo di gennaio. Cosè successo?

Il primo è sicuramente il risultato del fatto che sono stati annunciati degli eventi in città per il periodo delle feste. Cè stata limpressione che ci fosse voglia di fare e di ripartire. Lanno scorso, invece, eravamo stati massacrati dal fatto che ci fossero tanti timori legati ai divieti per la sicurezza e anche una comunicazione non felice sulla cattiva qualità dellaria. Per noi che abbiamo tra il pubblico tante scolaresche e famiglie con bambini, è stato un brutto colpo. Allo stesso modo, abbiamo vissuto un pessimo mese di gennaio 2018, perché non cè stato alcun tipo di traino da parte della città. Neppure la festa di Capodanno. È stato un mese drammatico.

Questa volta è andata meglio?

Sì, i dati di dicembre parlano di 82.451 presenze contro le 72.446 del 2017. E abbiamo buonissime previsioni per questo mese di gennaio. Oggi il museo è strapieno e abbiamo molte prenotazioni fino allEpifania. Ma questi numeri non dicono tutto.

Ovvero?

Questanno siamo riusciti ad arrivare a 4 milioni e 100 mila visitatori allestero. La ricerca e la produzione culturale sono una parte fondamentale dellattività del museo. In questo momento abbiamo cinque mostre in giro per il mondo: in Cina, Canada e Stati Uniti. Quindi, se proprio vogliamo contare le teste, dobbiamo contarle tutte, anche quelle di chi va a vedere le collezioni dellEgizio negli altri Paesi del mondo.

Un auspicio per il 2019?

La stragrande maggioranza dei nostri visitatori non è torinese, lo è solo un 3 o 4 per cento. Se la città non offre altro, il Museo Egizio può solo cercare di fare del suo meglio. Non dico che serva la grande mostra di Monet, ma dare limpressione di essere una città che offra poco oppure molto può fare la differenza. E poi, bisogna continuare a lavorare su un altro fronte. A settembre e ottobre abbiamo registrato un calo nelle presenze. Ma basta guardare i dati del turismo nelle Langhe, che nei mesi autunnali è andato benissimo grazie al food, per capire che è necessario fare rete per portare queste persone anche a Torino. E per farlo, bisogna trovare il modo di essere attrattivi.




news

03-04-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 aprile 2020

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

Archivio news