LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da Berlino lappoggio a Schmidt. Il quadro nel database Interpol
Paolo Valentino
Corriere Fiorentino 4/1/2019

Il governo federale in campo per recuperare lopera rubata dai nazisti. In passato altri tentativi

BERLINO. Il governo della Germania appoggia la richiesta e gli sforzi della Galleria degli Uffizi di riavere il Vaso di Fiori di Jan van Huysum, il quadro trafugato dai nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale e attualmente in possesso di una famiglia tedesca. Lo confermano al Corriere fonti della diplomazia federale, senza tuttavia specificare in che modo e in che termini lesecutivo federale intenda tradurre in pratica il suo sostegno allappello lanciato da Heike Schmidt.

Come risulta dalle nostre ricerche, il capolavoro di van Huysum è una vecchia conoscenza delle autorità tedesche e non solo. È infatti listato nella Lost Art Datenbank, la banca dati delle opere darte rubate, creata dal ministero federale della Cultura. Di più, come abbiamo verificato, il quadro è anche registrato nella Lost Art database dellInterpol, la polizia internazionale. In entrambi i casi esso è catalogato come bene culturale trafugato a causa della guerra.

Lattuale location dellopera tuttavia rimane ignota: si conosce infatti il nome della famiglia che lo possiede, come confermato implicitamente dallappello del direttore della Galleria fiorentina, ma non in quale delle sue proprietà venga custodita. Un ex ministro tedesco della cultura ci ha confermato che in passato emissari del governo sono stati in contatto con lavvocato della famiglia, chiedendo la restituzione del quadro, ma senza successo. È presumibile che adesso, sullonda delleco mediatica sollevata dallappello di Schmidt, ci sarà un nuovo tentativo.

Quali saranno gli sviluppi futuri è difficile prevedere. Il direttore degli Uffizi non ha chiarito in che modo il quadro è approvato in mani private. Una questione decisiva, per capire chi ha il potere di decidere della restituzione. Secondo lavvocato viennese Andreas Cwitkovits, esperto in materia di restituzioni, il diritto tedesco non prevede lacquisto in buona fede di opere rubate. Quindi in teoria il quadro potrebbe essere semplicemente sequestrato dalle autorità tedesche. Ma il legale ritiene improbabile questa ipotesi estrema, cui in genere si fa ricorso solo nel caso di una vendita imminente o del pericolo di trasporto allestero.

In ogni caso, lappello alla restituzione di Eike Schimdt e leco prodotta un effetto lo hanno già prodotto: il Vaso di Fiori è ormai radioattivo per il mercato. Gli attuali proprietari non possono più venderlo, nessuna casa daste lo accetterebbe. A meno che ovviamente la famiglia che lo possiede si rivolga al mercato nero, con tutti i rischi che questo comporterebbe.

La posizione di questultima è comunque molto debole. In altri casi di opere rubate dai nazisti, è successo infatti che proprietari attuali ed eredi dei derubati si siano accordati per mettere lopera allincanto e dividersi i proventi, da ultimo lo scorso novembre. Ma nel caso del quadro di van Huysum si confrontano un privato e una istituzione pubblica, gli Uffizi appunto, che rivendica lolio come sua diretta proprietà rubata. Come dire che non ci sono soluzioni di compromesso. Il Vaso di Fiori va restituito al legittimo proprietario senza condizioni.




news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news