LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. La Sala Ferri deve seguire il Vieusseux? Quattro sì, a malincuore. E un no, secco
Ivana Zuliani
Corriere Fiorentino 4/1/2019

Acidini: arma a doppio taglio lasciarla a Palazzo Strozzi. Givone: storia e significato, resti dovè

Il trasloco del Gabinetto Vieusseux nellex caserma di Santa Maria Novella mette daccordo tutti. Lo spostamento della Sala Ferri, la sua sala più particolare e bella, no. Tra i fiorentini cè chi è favorevole allipotesi lanciata dal sindaco Dario Nardella di lasciare la sala così come è a Palazzo Strozzi, e chi invece appoggia lidea della direttrice Alba Donati, che vorrebbe smontare gli scaffali di legno (già riadattati negli anni Cinquanta per quel luogo usando arredi secenteschi) e portarli nella nuova casa.

Non mi scandalizzo a smontarla e rimontarla altrove afferma lo storico Giovanni Gozzini, direttore del Gabinetto dal 2000 al 2007: per lui non ci sarebbe nessuna obiezione a spostare la Sala Ferri. Per due motivi: Larredo, che è il suo fascino, è già stato spostato e poi sarebbe complicato logisticamente se rimanesse a Palazzo Strozzi. Ben venga il trasloco, quindi, ma a due condizioni: che la nuova sistemazione sia più grande e che venga fatto un buon lavoro. Per Gozzini il Gabinetto può continuare a svolgere la funzione che ha avuto fin dallinizio: quella di allargare la testa delle persone. Lì cè qualcosa di prezioso che va conservato: la sede originaria era in piazza Santa Trinita, il Gabinetto nei suoi anni di storia ha girato, ed è giusto che la cultura si muova. Non deve essere la montagna ad andare da Maometto, ma Maometto ad andare alla montagna: in questo caso i tanti Maometti-intellettuali che non amano spostarsi ma è bene che vadano a raggiungere le persone.

Favorevole, ma a malincuore, Antonia Ida Fontana, ex direttrice della Biblioteca Nazionale oggi presidente del Centro Carlo Betocchi: Dovremo abituarci con rammarico al Gabinetto Vieusseux in un altro posto, ma è giusto che abbia spazi adeguati che gli permettano di rinascere. A una persona come lei che ama la conservazione e ama Firenze, piange il cuore a pensare al trasferimento della Sala Ferri e del Gabinetto. Ma se è necessario, meglio farlo, limportante è che sia fatto bene afferma. La nuova collocazione scelta sembra positiva, è facilmente raggiungibile e ha locali adeguati: spero che il Gabinetto lì possa rinascere. E se la Sala Ferri, nel nome di questo scopo, deve essere smontata e rimontata altrove, che si faccia pure, ma bene.

Il filosofo Sergio Givone è decisamente contrario: La sala Ferri deve restare dove è: ha una storia e un significato troppo importanti, non si può trasferire. Quando fu assessore alla cultura del Comune di Firenze, propose di unire le biblioteche del Gabinetto, quella a Palazzo Strozzi e quella in via Maggio, e portarle alle Oblate. Oggi lo spostamento del Gabinetto allex caserma dei Carabinieri, può avere un senso. Ma non quello della Sala Ferri che deve rimanere a Palazzo Strozzi. Anche la capienza non è un limite: Il pubblico del Vieusseux non è quello delle grandi masse, se la sala è piccola va bene lo stesso.

Per la storica dellarte Cristina Acidini, sarebbe bello che la sala rimanesse a Palazzo Strozzi ma siamo di fronte a unarma a doppio taglio: non appartiene a quel luogo, è stata a sua volta riadattata, ma potrebbe valer la pena lasciarla come sede permanente a Palazzo Strozzi. Daltra parte è stata destinata al Gabinetto e avrebbe senso anche che lo seguisse, in un secondo riadattamento . Così comè, è un luogo, né grande né piccolo, in legno, che favorisce il dialogo e unaccoglienza raffinata.

Quando fu inaugurata, Giorgio Bonsanti, figlio di Alessandro Bonsanti (il direttore che la Sala Ferri lha voluta) era un bambino. Ricordo che mio padre quellanno non fece vacanze per seguire i lavori. Preferisce non dare un parere personale sul trasferimento. Voglio prima consultare la normativa sui beni culturali, per vedere se contiene elementi di protezione della sala. Qualora dovessi prendere una posizione lo farò non seguendo lemozione e i sentimenti ma il bene della città. Dal punto di vista tecnico è possibile smontarla e spostarla, ma se il nuovo ambiente non è identico a quello precedente non si può fare. È vero che quella a Palazzo Strozzi, non è la sede originaria, i mobili furono riadattati. Ma è un riadattamento che ha raggiunto ormai i 66 anni di età.



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news