LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. mpagnie: tassa di sbarco per metà crocieristi
f. b.
Corriere del Veneto 4/1/2019

Dal 20 gennaio salasso su VeneziaUnica: 100 euro per chi abita fuori regione

VENEZIA. Disponibili allintesa anche se la cautela è dobbligo, considerando che molte questioni rimangono aperte. Le compagnie di crociera aprono alla tassa di sbarco che però rischia di essere già dimezzata o quasi visto che Venezia è home port e il traffico di transito rappresenta solo il 13 per cento. Questo significa che molti dei turisti che arrivano o partono dalla Marittima si fermano per qualche giorno in città pagando già la tassa di soggiorno, escludendo così già in partenza il nuovo ticket introdotto dal governo con la Legge di Bilancio. Ecco che il contributo di sbarco non riguarderebbe più un milione e mezzo di crocieristi ma meno, forse solo la metà considerando che nel 2006 Ca Foscari stimava che il 40 per cento dei passeggeri saliva subito in nave o faceva un giro per la città.

Molto dipenderà dal regolamento che adotterà Ca Farsetti, qualsiasi previsione è prematuro farla anche se il tesoretto secondo le prime stime parte da 20 milioni di euro. La tariffa che potrà essere definita infatti varia da 2,5 a dieci euro, e probabilmente molto dipenderà dalla stagionalità. Fondamentale per le compagnie sarà lapplicazione della misura su tutti i vettori contemporaneamente, quindi non solo sulle navi ma anche sui treni (aspetto per ora complicato) per non creare disparità. Unaltro aspetto su cui gli armatori si stanno interrogando è lapplicazione: tutti i crocieristi pagheranno la tassa di sbarco o solo quelli che decideranno di visitare la città, perché se si verificasse la prima ipotesi le compagnie rischierebbero di diventare da sostituto dimposta ad oggetto dimposta. Tutte domande a cui nessuno ora pare poter dare una risposta.

Già la prossima settimana però il sindaco Luigi Brugnaro avrà una riunione di maggioranza per condividere alcuni passaggi, poi a ruota verrà realizzato un gruppo tecnico di approfondimento per poter realizzare una prima bozza da condividere con le categorie e con le altre istituzioni, a partire dalla Regione che ha già collaborato con il Comune ad esempio sulla limitazione di take away e alloggi turistici. Ca Farsetti punta a usare il contributo sia per pagare gli extra-costi (per esempio i rifiuti) che per regolare gli accessi. Il punto fermo è quello del 28 febbraio: quella è la data entro la quale i Comuni devono aver approvato il bilancio preventivo e Ca Farsetti, che già lo ha fatto senza contributo di sbarco, dovrà rispettare quella deadline per il nuovo regolamento e soprattutto per la variazione di bilancio. Sarà una corsa contro il tempo perché le difficoltà non mancano: il sindaco dovrà infatti trovare un accordo (potrebbe imporlo ma vuole condividere il piano facendo passare il contributo per un aiuto alla città e non per fare cassa) con le categorie, le compagnie di crociera, quelle di trasporto e con Trenitalia e Italo.

Intanto slittano gli aumenti sulla Veneziaunica. Dovevano partire dallinizio di gennaio, ma Avm ha deciso di modificare le tariffe dal giorno 20 in concomitanza con i nuovi abbonamenti. Per i veneziani e per gli abitanti della Città metropolitana non cambierà niente perché se avranno bisogno di cambiare la tessera continueranno a pagare 10 euro i primi, venti i secondi (ci sono anche gli studenti che così vedono dimezzarsi il costo). Le modifiche (salate) ci saranno per tutti gli altri, a partire dai veneti che anziché sborsare 20 euro ne dovranno pagare 40, ma soprattutto per i residenti fuori regione (sono stimate 20 mila tessere allanno) per cui la tariffa è passata da 50 a cento euro. Un aumento stimato in un milione di euro che andrà soprattutto nelle casse del Comune che ne beneficerà della percentuale maggiore.



news

23-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news