LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia, Bigio. Rimettere le cose a posto
Pierluigi Panza
Corriere della Sera - Brescia 5/1/2019

Aggiungere e non sottrarre è la regola aurea dellarte. Larte ha sempre avuto, tra le altre, due componenti: quella di essere unespressione estetica che innesca sentimenti di piacere o dispiacere e quella di essere una testimonianza. La prima dimensione è atemporale: possiamo amare oggi una statua greca più di una di Paladino. Dunque possiamo oggi detestare larte di regime, ma domani chissà. La seconda ci consente invece di documentare il passato, glorioso o inquietante che sia stato: lo abbiamo lì, sotto i nostri occhi, quando usciamo di casa: la città è un territorio della memoria.

Togliere, usare la gomma, nascondere in magazzino è un modo per rimuovere la storia non per fare i conti con essa. Rimuovere una statua significa ottenebrare la sua funzione di monumento, ovvero di memento, ricordo. Cosè stato il fascismo? Se ci sono dei segni in città un bambino si può fare unidea della sua estetica; se tutto è occultato si costruisce una mitologia.

A inizio secolo, a Chambery, rimossero la statua di Rousseau per il più nazionalista La Mettrie: anni dopo dovettero ritirarla fuori dal magazzino. Negli Stati Uniti, oggi, abbattono le statue di Cristoforo Colombo poiché per causa sua (?) iniziò la distruzione dei Nativi americani. Poi alla Georgetown University distruggono i busti dei fondatori perché nellOttocento erano schiavisti: ma va!
Naturalmente, nel gran falò del politically-correct ci può cadere chiunque, un po come ai tempi dellInquisizione: è lo stesso fuoco nel quale, un domani, potrebbero venir divorati coloro che oggi rimuovono le statue o le nascondono. Un errore è stato rimuovere il Bigio; ma nel fuoco della controversia ciò è naturale che accada. Tuttavia, poiché non è stato distrutto, credo che un po di relativismo estetico sia pratica saggia. Ritengo che proprio una giunta di sinistra potrebbe rimettere il Bigio di Arturo Dazzi al suo posto senza timore di essere tacciata di fascismo o cose del genere. Lestetica di Dazzi ci appare oggi fredda e lontana, che è poi ciò che la nostra sembrerà alle generazioni future. La sua attitudine di scultore capace di conciliare classicismo a forme moderne era anteriore al periodo fascista, che vide in lui un artista consono agli ideali di un retorico e magniloquente gigantismo. Così Dazzi divenne uno degli artisti cari al fascismo, come lo fu Piacentini. Ma che facciamo: abbattiamo gli edifici di Piacentini?



news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news