LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Bigio, gli esperti si dividono
Alessandra Troncana
Corriere della Sera - Brescia 5/1/2019

Ecce homo nero (modello cubo-futurista): se cavalli e cavallieri, scudi, specchi ustori e guardiani silenti sparsi da Mimmo Paladino in città sono stati imballati e rispediti al mittente (la mostra Ouverture è stata smontata il 15 ottobre scorso), la Stele resta immobile sul piedistallo del Bigio, in piazza Vittoria.

Tumulato nel sarcofago di via Rose e rimpiazzato dalla controfigura part-time dellartista di Paduli, il maschio fascista continua comunque a fare notizia. Il Bigio-gate e il suo trasloco in un luogo neutro saranno allordine del giorno di un nuovo round tra Loggia e Soprintendenza: lidea del sindaco Emilio Del Bono sarebbe di riesumarlo in uno spazio urbano in trasformazione (si pensa al Musil), ma la statua di Arturo Dazzi non si sposterà di mezzo centimetro finché non sarà trovata una linea comune con lente. Ipse scripsit: in una lettera inoltrata al Comune e pubblicata sul Corriere, il soprintendente Giuseppe Stolfi aveva fatto presente che si deve rammentare che la collocazione temporanea (per otto mesi, poi divenuti sedici con la proroga e infine diciassette) dellopera in questione in piazza Vittoria (la Stele di Paladino, ndr) è stata a suo tempo condivisa con questo Ufficio, attraverso intese preventive e atti formali di autorizzazione, solo nellambito del progetto Brixia Contemporary-Paladino Ouverture, di grande e riconosciuta rilevanza per la politica culturale della città. La posizione della Soprintendenza in merito alla controversa questione concernente la ricollocazione del Bigio in piazza Vittoria è da anni ben conosciuta, e contraria a ogni surrettizia sostituzione della statua di A. Dazzi con altra opera contemporanea. Il sollecito e costruttivo riscontro chiesto da Stolfi prima dei cordiali saluti cè stato: da quella mail sono scaturiti incontri preliminari per la ricerca di una soluzione condivisa. Il maschio fascista potrebbe tornare alla mondanità, ma non sul podio di piazza Vittoria: a quanto sembra, ma ancora nulla è stato deciso, per la musealizzazione della statua sarà scelto un luogo neutro (cit), lontano da polemiche e strumentalizzazioni.


SGARBI
Paladino un ossequio al mercato. La vostra preoccupazione è eccessiva
Vittorio Sgarbi e il suo ciuffo mistico, incluso il seguito di erinni incollato alla giacca sartoriale, ha visto la reliquia sacra alla Galleria dellIncisione proprio qualche giorno fa: Chiara Fasser (la gallerista, ndr) mi ha mostrato un modellino del Bigio: è più presente non vedendolo che vedendolo. Sono del parere che la preoccupazione di Brescia sul ritorno della statua di Dazzi sul piedistallo di piazza Vittoria sia eccessiva. Per conto di un sindaco del Pd, ho appena curato una mostra al Museo civico Cremona, Il regime dellarte: una ricostruzione del concorso pittorico voluto da Roberto Farinacci nel 1939 con lintento di sostenere lidea dellarte come celebrazione dei valori e delle imprese del fascismo che è stata recensita su ogni giornale, inclusi quelli progressisti.
Ergo: Trovo singolare che una città del Nord come Brescia abbia problemi con la Storia. Con i morti non si combatte. Lopera in sé non è particolarmente interessante e non ha valori politici, ma piazza Vittoria rappresenta uno stile architettonico fascista che viene riconosciuto: il ritorno del Bigio potrà creare polemiche nei primi dieci giorni, fine. Persino il mio amico Paolo Corsini, che pure è di sinistra, già nel 2007 si dichiarava disponibile ad aprire un dibattito sul ritorno della statua in piazza Vittoria. Ma mi viene in mente anche uno scritto di Leonardo Sciascia. Prego? Con Invenzione di una prefettura. Le tempere di Duilio Cambellotti nel Palazzo del Governo di Ragusa, nel 1987, cioè 32 anni fa, sdoganava larte fascista. E, un anno prima, anche il mio amico Giorgio Lombardi, un grande architetto, aveva dimostrato sensibilità sulla necessità di superare le distanze del tempo.
Per il critico, in sintesi, il ritorno del Bigio in piazza Vittoria è necessario, e ogni polemica strumentale risulta inutile.

BIANCHI
La Storia non è stata dimenticata. Il luogo ideale? Il parco archeologico
Premessa: Ho studiato piazza Vittoria, e la ritengo una delle più belle dItalia in quel periodo. Ma se larchitettura fascista sui libri di storia è ormai diventata architettura del Novecento, le statue possono ancora essere evocative.
Per Alessandro Bianchi, docente al Politecnico di Milano e tra i massimi studiosi di Marcello Piacentini e delle sue visioni urbane austere, il Bigio è lopera darte di un autore discreto, e dovrebbe tornare sul suo piedistallo. Il problema è che quando le vicende storiche non si sono chetate, è difficile vincere le resistenze. Dalla fine della Seconda Guerra Mondiale sono passati ormai più di 70 anni, ma la Storia non si è sedimentata a sufficienza: forse ci vorrà un centinaio di anni. Lo dimostra quello che è accaduto con certi simboli del Medioevo, ma anche il suo curriculum: È pieno di casi simili a quelli del Bigio: avendo fatto attività politica a Milano, ho accertato quanto sia difficile toccare la sensibilità di una parte della popolazione. Le strumentalizzazioni dovrebbero concludersi, ma per chetare la sensibilità dei cittadini credo che la musealizzazione in un luogo neutro sia una buona idea. Con una data di scadenza: Almeno una decina danni. Poi, la statua potrebbe tornare in piazza Vittoria.
Riesumato dal sarcofago di via Rose, il maschio fascista potrebbe trovare la sua alcova nel parco archeologico: esporlo in uno spazio aperto, accanto ai suoi modelli di riferimento, i reperti romani, potrebbe preparare il pubblico a vederlo sul piedistallo originario quando i tempi saranno maturi e la distanza storica avrà sortito i suoi effetti.
Lindirizzo del trasloco, il Capitolium, non viene suggerito a caso: Il Bigio devessere mostrato in un ambiente che susciti analogie culturali evocative: Arturo Dazzi si era ispirato allarte romana. In Italia ci sono esempi simili, anche se con altri significati: penso al David di Michelangelo. La copia della statua è fuori da palazzo Vecchio,a Firenze. Loriginale, invece, resta nel museo dellAccademia.

D'ORAZIO
No alle foglie di fico e allipocrisia. Ma lasciate che decidano i ragazzi
Il profeta dellArte in sei emozioni, infaticabile flaneur, storico dellarte, scrittore e conduttore televisivo Costantino dOrazio dice che Brescia dovrebbe aver maturato sufficiente distacco storico. Ma, del resto, per me che non vivo nella vostra città, esprimere un giudizio sul Bigio è più facile che per voi.
Di piazza Vittoria conosce ogni centimetro (è un collezionista di conferenze sold out anche qui): a suo parere, la decisione sul nuovo (o vecchio) indirizzo del maschio fascista, dovrebbe essere presa dal pubblico under 30. Mi riferisco ai giovani: chiederei a loro cosa vogliono, perché se ne fregano di certi significati storici o sedicenti tali, e possono avere una visione più aperta e distaccata rispetto alle generazioni più anziane. Il loro è uno sguardo più sereno: quello del futuro.
In ogni caso,per dOrazio, la presenza di unopera così importante come quella di Arturo Dazzi può mantenere viva la memoria: per questo motivo, non vedo perché non dovreste collocarla sul piedistallo di piazza Vittoria.
È contro le censure e le foglie di fico che coprono certe zone osè (come quella applicata al Bigio): Posso capire chi sta prendendo in considerazione lidea della musealizzazione, ma a me sembra una foglia di fico, una scelta un po ipocrita.
Lo storico sottoscrive fino allultima virgola la mail inviata dalla Soprintendenza alla Loggia: Lo scopo dellente è la valorizzazione dei beni culturali del territorio. Dal punto di vista storico, si tratta di restituire unopera al pubblico nella sua identità. Metterla altrove ha poco senso, è contro natura: sarebbe come se prendessimo lElefante di Bernini e lo spostassimo alla Galleria Borghese. Senza il Bigio piazza Vittoria è nuda: Brescia deve dimostrare di aver acquisito maturità e il distacco storico verso il Ventennio. Non possiamo leggere la storia dellarte solo dal punto di vista politico: la statua di Dazzi ha tuttaltro valore, non è lera fascista.

CAROLI
Entrambe le linee sono condivisibili purché si dia la priorità alla cultura
Ha passato notti randagie con Mario Schifano in pelliccia di scimmia, sostenuto conversazioni con Peggy Guggenheim sulla zuppa di cozze e allestito mostre con Kounellis che quasi soffocava in un sacco collegato a una fiamma ossidrica: Flavio Caroli, luomo che ha vissuto e continua a vivere larte contemporanea da protagonista, sostiene che Mimmo Paladino sia un nome più che degno della generazione dei maestri.
Ma quando si parla del Bigio, lo storico, critico darte e scrittore (Larte italiana in quindici weekend e mezzo, il suo ultimo libro, è un must have che si divora in senso quasi letterale) sostiene che non ci sia una scelta giusta o sbagliata, se si adotta il criterio: Le dico subito la premessa che non posso esprimere un parere politico, bensì scientifico. Siamo di fronte a due possibilità.
La prima: La scelta filologica, che poi penso sia quella che guida il pensiero della Soprintendenza: il ritorno della statua di Arturo Dazzi sul piedistallo di piazza Vittoria. La seconda: La modernità. Ed è in questo senso che le dico che Paladino sia un nome più che degno per occupare quel podio con unopera.Premesso questo, Caroli non si scandalizza in nessun caso: Va bene sia che si scelga luna o laltra linea. Del resto, nel 1981, insieme a Barilli, ero tra quelli che avevano voluto una mostra sullarte di regime. Tuttavia, capisco anche la volontà moderna di rilanciare le cose verso unimmagine del futuro.
Che lo si metta in un luogo neutro o sul piedistallo che gli è stato tolto dai piedi nel 1945, sulla riesumazione del maschio fascista, quindi, non cè una strategia più giusta (o sbagliata) dellaltra: Sono entrambe rispettabili sostiene lo storico e critico darte. A una condizione, però: La linea filologica deve essere perseguita in modo esatto. E in primis, bisogna pensare alla cultura. La politica va messa in un secondo piano.

PEZZETTI
Le scelte vanno sempre spiegate. Il problema? Le polemiche politiche
Saturday 6 aprile 2013, pagine 14 e 15 del Guardian: a sinistra, un pezzo sul contestatissimo neoallenatore del Sunderland Paolo Di Canio (al suo ingaggio, lex ministro laburista David Miliband aveva lasciato la società). Accanto, una foto del maschio fascista known as Bigio. Titolo dellarticolo, che riferiva ai sudditi di sua maestà del gate italico sul maschio fascista e sul suo possibile ritorno in piazza Vittoria (era una notizia già allepoca): Statue symbolises battle with the past (tradotto: una statua simbolo della battaglia con il passato). Dopo aver letto il pezzo fino allultima riga, Marcello Pezzetti, direttore del Museo della Shoah di Roma, aveva lasciato questo virgolettato al Corriere: Tutti i miei colleghi, soprattutto i tedeschi, mi dicono Comè possibile? Mi sembra normale che ci si mobiliti per ostacolare il ritorno di simboli che danno una visione positiva di quello che è successo (nel Ventennio, ndr).
Sei anni dopo, un copia e incolla della polemica, ma stavolta la risposta è diversa: Sono passati ottantanni dalle leggi antiebraiche dice lo storico e direttore : credo che la statua abbia ormai acquisito un significato neutro. Per questo motivo, non sarei contrario al suo ritorno in piazza Vittoria. Penso si possa tranquillamente fare.
Con il condizionale, però: Le cose vanno sempre spiegate quando si parla di unopera di propaganda, o comunque assimilata al Fascismo: la gente deve conoscere la Storia e i suoi simboli per poterli superare. Se la statua fosse rimasta lì, al suo posto, sarebbe un caso diverso. Ma se non è più sul piedistallo dal 1945, perché questo innesto? Bisogna spiegarne le ragioni. Il problema è anche un altro. Arrivi al dunque: Penso alle polemiche politiche che purtroppo si innestano sempre in questi casi. Se il ritorno del Bigio diventa lo strumento di una campagna elettorale, o di una qualsiasi tensione politica, allora è meglio lasciarlo dove si trova ora, nei magazzini. O spostarlo in un luogo neutro.



news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news