LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La cultura è stata emarginata dalla politica
Erica Ferro
Corriere del Trentino 8/1/2019

È un compito importante quello che Domenica Primerano, direttrice del museo diocesano tridentino e presidente dellassociazione dei musei ecclesiastici italiani, ritaglia per enti museali: Devono stimolare al confronto e ricreare il senso di comunità perduto afferma perentoria.

Per la direttrice, che da anni organizza progetti formativi con un gruppo di detenuti nella casa circondariale di Spini di Gardolo, tante situazioni difficili che stiamo vivendo adesso nascono dal fatto che la cultura è messa in secondo piano: anche nei programmi dei partiti politici non è mai al primo posto. È quellelemento che fa aprire la mente e vedere le cose da più punti di vista, perché il pregiudizio nasce dallassenza di conoscenza. Il confronto dovrebbe essere il filo conduttore di un rapporto sano allinterno della società. Invece si cercano solo i nemici, lodio, linvettiva. Primerano è la prima donna ad avere assunto la presidenza dellassociazione musei ecclesiastici italiani, il segnale di una chiesa sempre più aperta al gentil sesso: Dare maggiore responsabilità alla componente femminile è anche uno degli obiettivi di papa Francesco.

È la prima donna e anche la prima laica a ricoprire la carica di presidente dellassociazione dei musei ecclesiastici italiani: Domenica Primerano, direttrice del museo diocesano tridentino in scadenza a febbraio, guarda con soddisfazione al 2018 appena concluso e ritaglia con certezza un ruolo agli enti museali in un presente travagliato. Devono stimolare al confronto e ricreare il senso di comunità perduto sostiene.

Direttrice, che 2018 è stato per il museo?

Un anno di ripensamento, per certi aspetti: ci siamo concentrati su una revisione dei siti didattici e soprattutto della basilica paleocristiana e abbiamo organizzato alcune iniziative espositive, dalla mostra Re-velation a Non solo ombre. Persone, esito conclusivo del nostro consueto percorso in carcere, che hanno riscosso un buon successo. Siamo soddisfatti perché il lavoro svolto ha confermato, da un lato, la fidelizzazione dei nostri visitatori, circa 50.000, dallaltro lampliamento delle persone che ci conoscono.

Ha citato la casa circondariale di Spini di Gardolo, dove organizza progetti formativi con un gruppo di detenuti: qual è secondo lei il valore della cultura come veicolo di emancipazione sociale?

Io credo che tante situazioni difficili che stiamo vivendo adesso nascano dal fatto che la cultura è messa in secondo piano: anche nei programmi dei partiti politici non è mai al primo posto. È quellelemento, tuttavia, che fa aprire la mente e vedere le cose da più punti di vista, perché il pregiudizio nasce dallassenza di conoscenza. Mi colpisce molto, ad esempio, il modo in cui i carcerati capiscono limportanza dellistruzione e della formazione continua: la cultura consente di affrontare il quotidiano riuscendo a distinguere il vero dal falso, in un momento in cui linformazione è veloce, manca lapprofondimento e i social sono il terreno di confronto.

In questo contesto i musei che ruolo ricoprono?

Quello di stimolare le persone a confrontarsi, perché il confronto dovrebbe essere il filo conduttore di un rapporto sano allinterno della nostra società. Invece ci si scontra e basta, si cercano solo i nemici, lodio, linvettiva, la parola pesante. Io insisto sempre molto sullimportanza delle competenze e delle conoscenze: per me sono la base di una società civile che vuole recuperare i valori che dovrebbero fondarla.

Pare, tuttavia, che il mondo stia andando nella direzione opposta e anche il Trentino, per il quale il 2018 è stato un anno di cambiamento importante dal punto di vista politico.

Sì, questa ondata sta arrivando anche da noi ed è preoccupante. È ovviamente presto per dare giudizi, ma spero che nella nuova situazione nella quale ci troviamo si possa recuperare la capacità di sedersi attorno a un tavolo e riuscire a trovare un punto di incontro nonostante la diversità di opinioni, perché il rispetto nasce dalla capacità di mettersi in dialogo ed è questo che un museo deve favorire, anche uno come il nostro che raccoglie testimonianze del passato. Alla base del nostro lavoro, soprattutto in quanto museo ecclesiastici, cè la necessità di ricreare quel senso di comunità che si è un po perso.

Un compito difficile, considerando anche il mutamento e levoluzione della società trentina.

Certo, anche perché ormai il cristianesimo è diventato per certi versi residuale, lo ha detto anche monsignor Gianfranco Ravasi, la comunità non si riconosce più totalmente nei suoi valori. Ci sono pregiudizi anche nei confronti dei musei ecclesiastici, che spesso non vengono visitati perché si pensa che entrando si sia obbligati a abbracciare una certa fede: al contrario, i nostri musei, e lo dico anche in qualità di presidente di Amei, possono essere luoghi di incontro e confronto anche tra fedi diverse.

A proposito dellassociazione dei musei ecclesiastici italiani, lei è la prima donna ad averne assunto la presidenza e allinterno del consiglio direttivo non è sola: è il segnale di una Chiesa sempre più aperta al contributo fattivo femminile?

Dare maggiore responsabilità alla componente femminile nella Chiesa è anche uno degli obiettivi di papa Francesco. Non voglio dire che le donne siano meglio degli uomini, ma noi siamo state educate al senso del dovere, a occuparsi degli altri prima che di noi stesse, quindi anche ad accettare di fare cose che non ci competerebbero perché probabilmente siamo meno preoccupate di apparire e più di portare a casa risultati. Cinque membri del consiglio direttivo di Amei sono donne e in questi anni abbiamo lavorato molto a tutti i livelli: credo siamo riuscite a dare una svolta, perché abbiamo continuato a ragionare sullidea di apertura e sulla necessità di basarsi sulla competenza, indispensabile anche nei nostri musei per riuscire ad allestire una programmazione sensata e ad abbattere quel pregiudizio che ci vede sempre come musei polverosi, sacrestie chiuse e isolate.

Quando scadrà, invece, il suo mandato alla guida del museo di palazzo Pretorio?

Nel mese di febbraio. Spetta allarcivescovo Lauro Tisi decidere se rinnovare o meno il mio incarico, che ha avuto durata quinquennale. Nel frattempo la programmazione per il 2019, che spero di portare fino in fondo, è già stata approntata: l8 febbraio sarà inaugurata la mostra Terra mala, viaggio nella terra dei fuochi con le fotografie di Stefano Schirato. Poi porteremo a Trento Intrecci di seta, la mostra visitabile a Cles fino al 24 febbraio, per collegarla allesposizione estiva di Sidival Fila, artista brasiliano trasferitosi in Italia nel 1985 e diventato frate, che recupera tessuti antichi per comporre opere darte contemporanea, metafora della necessità di trovare un senso al quotidiano ricucendo legami e relazioni. Toccherebbe, poi, allesito del percorso in carcere, che la direzione ha già approvato, ma che siamo ancora in attesa di capire se partirà dopo la rivolta delle scorse settimane. A dicembre, infine, una mostra molto impegnativa con luniversità di Trento dedicata allo spinoso caso del Simonino nel centenario della nascita di monsignor Iginio Rogger, tra i più qualificati protagonisti della revisione critica della vicenda da parte della Chiesa.

Come giudica lintenzione dellassessore Mirko Bisesti di rivedere limpianto della riforma della cultura?

In maniera positiva, se significa rimettersi attorno a un tavolo per ottenere risultati migliori ascoltando i diretti interessati e non semplicemente solo per smontare quanto fatto. Dobbiamo ancora capire cosa debba essere un sistema museale e personalmente trovo assurda la separazione fra musei provinciali e non: ben venga, dunque, un surplus di dibattito.




news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news