LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ragaglia: Museion, grandi numeri. Abbiamo puntato sullinclusione
Silvia M.C. Senette
Corriere dell'Alto Adige 9/1/2019

Tempo di bilanci per la direttrice Letizia Ragaglia, che a maggio lascerà il Museion: Ho visto crescere questo museo. Abbiamo puntato molto sullinclusione, rivolgendoci a pubblici diversi. I numeri ci danno ragione.

Dalla rana crocifissa al consenso internazionale fino alle mostre-mito
I miei artisti per me sono come dei figli

Archiviato un 2018 che ha segnato il decimo anniversario di Museion nella futuristica sede di cristallo affacciata sul Talvera, la direttrice del tempio dellarte contemporanea di Bolzano, Letizia Ragaglia, sta per concludere il suo mandato, che scadrà a maggio. Tempo di bilanci per lei e occasione per una sorta di lascito artistico al suo successore (su cui non trapelano indiscrezioni).

Come vive il momento in cui lascerà Museion?

Molto bene. Sarò di parte, ma Museion lho visto crescere. Linaugurazione del 2008 fatta con grandi aspettative rovinate dalla polemica della rana crocifissa di Martin Kippenberger. Cè chi sostiene abbia invece portato grande pubblicità, però ne abbiamo anche pagato molto lo scotto

È un conto con il passato ancora aperto?

Non dirigevo io Museion e ho scoperto il giorno prima che questopera esisteva e stava per essere esposta. Non è colpa nè merito mio. Al tempo cera ancora Corinne Diserens e io ero stata poco coinvolta nella mostra inaugurale che, comunque, aveva quasi 350 opere. Però ho dovuto gestire le polemiche del giorno dopo, eccessive e gratuite, e anche per questo per i nostri 10 anni ho deciso di riportare Kippenberger con diverse opere in dialogo tra loro. Ho trovato un pubblico molto maturo e questa ferita storico-artistica della rana crocifissa è finalmente stata sanata

Come è iniziato il suo percorso da direttrice?

Con fatica. Dovevamo rimboccarci le maniche per sanare i conti ma non ci siamo persi danimo. Parlo al plurale perchè ho svolto questo lavoro con un team eccezionale. Lidea di sviluppare un luogo dove poter fare esperienza di visioni diverse è riuscita

Cosè per lei un museo di arte contemporanea?

Di solito nei musei si espongono gli artisti morti, qui lavoriamo con artisti in vita. Avviare un museo di arte contemporanea non è semplice: non hai i mezzi, sei a Bolzano, non ti conoscono. Devi iniziare a lavorare bene con gli artisti che hai invitato, sperare che si rendano conto che cè una struttura professionale, che passino parola ad altri artisti che, a loro volta, si facciano venire la voglia di venire a Bolzano. Una terra non così facile da raggiungere, ma anche qui ci sono grandi collezionisti e una rete che sostiene la cultura

Il bilancio del suo mandato è positivo?

In questi dieci anni non ci siamo mai fermati, abbiamo lavorato bene. A chi dice che nonostante il riconoscimento internazionale non tutti vogliono bene a questo museo, replico che non è più così. Abbiamo puntato molto sullinclusione, rivolgendoci a pubblici diversi. Non siamo un museo per gli artisti e per il pubblico dellarte, ma per tutti, con diversi format e i numeri ci danno ragione

Se dovesse fare un mea culpa?

Non sono tecnologica. Mi rimprovero di non essere riuscita a mettermi in gioco con i social media come avrei voluto e alcune innnovazioni forse non le ho portate per questo. Nel futuro mi piacerebbe per Museion una direzione più social della mia

Di che cosa va fiera?

Della mostra di Carl Andre del 2010. Il filone della scultura in campo allargato è iniziato con lui, il primo a mettere le opere per terra, con sculture calpestabili: questa mostra ha dato il la a tante altre. Lartista è un mito: maschio, americano, bianco e di una certa età, invece Museion ha poi ospitato tante artiste donne. In primis Monica Bonvicini che nel 2009, quando non avevamo soldi , ha accettato di lavorare con poco, ha fatto una mostra strepitosa e ha aperto il filone delle artiste donne, impegnate senza essere femministe, a cui tengo tantissimo

Le donne lavorano bene insieme?

Io ho sempre lavorato molto bene, con tante artiste sono diventata e rimasta amica. Come Rosemerie Trockel, grandissima artista tedesca, con cui andai a passeggiare allAlpe di Siusi: siamo uscite insieme tutte le sere insieme, abbiamo parlato molto del fatto che entrambe non siamo diventate madri. Tante di queste artiste non hanno figli, i loro figli sono probabilmente le loro opere darte, così come per me lo sono i miei artisti. Anche con Tatiana Trouvé, creativa italo francese con cui mi sento spesso, così come lartista che esporremo adesso di Tel Aviv, Keren Cytter

E con le altre donne dellarte che rapporto ha?

Stimo molto Gabriella Belli che è un modello e parte della mia vocazione è dovuta al fatto che guardassi a lei con ammirazione per quello che è riuscita a fare al Mart. Unaltra donna di cui ho enorme stima è Palma Bucarelli, prima direttrice della Galleria nazionale di arte moderna di Roma. O, a Torino, Ida Gianelli. Abbiamo figure di calibro internazionale

Comè essere donna in un ruolo di vertice così importante?

Bisogna sapersi fare valere. Il giornale dellarte pubblica le classifiche di fine anno delle mostre e i nomi sono quasi solo di uomini. Questa è una storia che bisogna riscrivere, senza portare posizioni femministe, ma in questo mi sono voluta imporre e vorrei più condivisione




news

15-01-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 gennaio 2019

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

21-04-2018
Anna Somers Cocks lascia The Art Newspaper. Intervista su "Il Giornale dell'Arte"

Archivio news