LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il museo della Moda guarda al futuro. Asse con gli studenti del Polimoda
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 10/1/2019

Gli archivi aperti ai ragazzi, eventi insieme: così gli Uffizi aprono le porte alle nuove generazioni

Come sarebbe il Museo della Moda di Palazzo Pitti se tra i suoi archivi e tra le sue sale trovassero stimoli e spazi creativi i ragazzi delle scuole di moda fiorentina, il Polimoda tanto per partire? E come sarebbe e che eco avrebbe anche fuori da Firenze il Polimoda se nel suo piano di studio potesse vantare uno o più corsi fatti in tandem con il museo della Moda. Di più, se potesse offrire ai suoi studenti un archivio e uno spazio espositivo come quello custodito nei locali di Palazzo Pitti su cui studiare e imparare i primi rudimenti di museografia, ma anche su cui costruire progetti, eventi, modalità di comunicazione adatte a sedurre il mercato del fashion di domani o forse anche delloggi che poi è quello dei cosiddetti millennials che di questi tempi sono tra quanti fanno più gola a stilisti di ogni parte del mondo?

È su questo doppio quesito che il Museo della Moda di Eike Schmidt e il Centro di Firenze per la Moda Italiana di Antonella Mansi che del Polimoda è socio fondatore stanno stendendo un programma di collaborazione a tutto tondo per implementare il valore delle due istituzioni. Il progetto è ambizioso perché mentre a Firenze si studia questo accordo a Roma è da poco stato istituito dal ministro Alberto Bonisoli il cosiddetto secondo tavolo della Moda (di cui fanno parte anche i nostri Lapo Cianchi per Pitti Immagine, Stefania Ricci per il Museo Ferragamo e Maria Luisa Frisa per il Gucci Garden) che ha lobiettivo proprio di valorizzare il patrimonio della moda italiana. E soprattutto perché sul piatto cè la volontà di altre città italiane (Milano in testa) di aprire un loro museo della Moda candidato a diventare poi il Museo della Moda italiana di riferimento. Palazzo Pitti vanta una collezione e una storia di tutto rispetto, quella che fu la Galleria del Costume è stata fondata nel 1983 sotto la direzione di Kristen Aschengreen Piacenti ed ospita più di 6.000 pezzi, fra abiti e accessori di moda dal XVIII secolo a oggi. Ma il binomio fashion e musei fa gola a tanti. E questa è una delle ragioni per cui giocare danticipo qui a Firenze darebbe un vantaggio non da poco alla città.

Laccordo tra Palazzo Pitti e dunque Gallerie degli Uffizi da un lato e Centro per la Moda dallaltro è da formalizzare, ma sta prendendo forma in questi giorni sulla strada tracciata da Antonella Mansi, anche nellintervento firmato da lei sullo speciale Pitti di martedì 8 allegato al Corriere Fiorentino, in cui scriveva della sua volontà di legare le istituzioni sulla strada della formazione. Ecco che in questo senso il Museo della Moda con i suoi 6.000 pezzi e con le sue sale, al di là della sua attuale attività di catalogazione, digitalizzazione, ampliamento depositi e di mostre per ora è in corso la bellissima Animalia Fashion (foto) a cura di Patricia Lurati potrebbe essere una biblioteca-laboratorio dei futuri stilisti. Per ora come start-up, partirebbero quelli del Polimoda, ma in futuro anche gli iscritti alla Marangoni, allo Ied e insomma tutti quelli che in questo campo trovano spazio a Firenze. Gli studenti potrebbero non solo crescere anche dentro alle sale del Museo ma anche potenziarne le capacità di emergere nella grande competizione che segue anche i canali della comunicazione in forza di un linguaggio più adatto alle nuove generazioni. La strada è tracciata, ora spetta ai responsabili trasferirla in un programma che dovrebbe vedere la luce a brevissimo.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news