LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Solo tavolini, via i dehors dal Duomo
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 13/1/2019

Anche gli ultimi tre dovranno essere eliminati: il Tar ha respinto il ricorso di commercianti

Via gli ultimi tre dehors da piazza Duomo (e gli ultimi due da via dei Renai). La scelta del Comune di Firenze ha resistito al ricorso presentato dagli esercenti al Tar. E così, entro il 2020, resteranno solo i tavolini, via le strutture coperte anche da piazza Duomo.

Si tratta delle ultime tre, appunto, i cui proprietari avevano vinto in prima battuta sempre davanti ai giudici amministrativi rispetto ad una prima ordinanza del sindaco Dario Nardella. Dopo di allora, però, lassessora allo Sviluppo economico Cecilia Del Re ha modificato limpianto del regolamento, motivando meglio la scelta, che peraltro derivava da una esplicita richiesta della Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio. Le bellezze di Piazza Duomo meritano di essere godute a pieno da tutti e siamo soddisfatti che il Tar abbia ritenuto equilibrate e ragionevoli le scelte del piano ha detto lassessore Del Re Siamo riusciti a bilanciare i vari interessi in gioco, che in questo caso erano quelli della tutela del patrimonio culturale, della libera fruizione del suolo pubblico e lattività economica privata: siamo riusciti a tenere tutto insieme.

È stato proprio questo bilanciamento di cui parla lassessore Del Re a convincere i giudici che, nelle loro motivazioni, hanno dato ragione allamministrazione comunale perché nella parte motivazionale (della delibera ndr) si evidenzia, con scelta ragionevole, che la protezione degli assi visuali e dei coni visivi debba avere la priorità e, nelle valutazioni strategiche e decisionali generali, si debba tenere conto anche della pressione turistica e quindi di spazio fisicamente occupato da turisti e residenti nei loro spostamenti. E così lAmministrazione, con obbligo di motivazione che ora è stato assolto, è libera di ritenere la prevalenza delluno o dellaltro interesse, pur nei limiti della ragionevolezza.

Una vittoria per il passato, ma anche per il futuro: con adeguate motivazioni, sarà quindi possibile intervenire in modo analogo. La scelta del Comune, nel dicembre del 2017 (poco dopo aver perso al Tar) era stata quella di cambiare il piano dehors, e prevedeva per piazza Duomo il passaggio dalla tipologia B di questo tipo di strutture (pedana e ombrellone) alla tipologia A (solo tavoli e sedie senza pedana) e per via dei Renai il passaggio dalla tipologia C (pedana con copertura fissa) alla tipologia B (pedana e ombrellone). Ma, oltre a questo, lassessora aveva firmato con la Soprintendenza un protocollo per ribadire i motivi paesaggistici ed architettonici della scelta. È la seconda vittoria al Tar in una settimana, dopo quella sui limiti alle slot machine e sale gioco.




news

02-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 2 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news