LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Bastione, museo o casa per uccelli. La Pusterla dalle mille storie
Sara Bettoni
Corriere della Sera - Milano 21/1/2019

Il rilancio delle torri dimenticate

Porta dingresso, museo di armi antiche. Ma anche casa e ricovero per gli uccelli che non trovano dove nidificare. Mille vite che si incrociano nella pusterla di SantAmbrogio. Appartiene alla struttura difensiva della città, rimessa in piedi dopo che Federico I nel 1162 distrugge il primo tracciato. Attorno al 1167 si decide di ricostruire gli apparati difensivi per tenere lontani i nemici, con ponti e porte in pietra. In SantAmbrogio si sceglie di realizzare una struttura a doppio fornice, per dare importanza alla vicina basilica. A partire dal XVI secolo la pusterla scompare dalle carte di Milano: ha perso di importanza. Tantè che nel 1650 una delle due torri viene comprata e usata come abitazione.

Pian piano cresce una selva di edifici attorno alla porta, ma la torre sud, la più alta, rimane sempre visibile. La gemella a nord viene invece in parte demolita. Un altro balzo in avanti, arriviamo agli anni Trenta del Novecento. Il Comune dà il via a una campagna di scavo, oltre alla demolizione delle strutture addossate alla pusterla. Larchitetto Gino Chierici prende le redini del restauro. Della porta medievale rimane la torre sud, il pilastro, parte di un arco. Dai lavori emergono anche le fondamenta dellaltra torre e la base di un secondo pilastro. A partire da questi, si rimette in piedi lantica pusterla utilizzando molti mattoni di recupero delle mura originali. In cima si sceglie di collocare anche un tabernacolo con la statua di SantAmbrogio, insieme ai santi Gervasio e Protasio. I fasci littori (siamo in pieno fascismo) verranno invece rimossi a colpi di scalpello con la fine del regime.

Nel Dopoguerra subentra lassociazione degli Amatori armi antiche, che ottiene poi la gestione degli spazi. Così la porta difensiva si trasforma in museo della Criminologia e delle armi antiche fino al 2000. Poco dopo, nel 2006, un taglio alle tradizioni del quartiere: il mercatino natalizio degli Oh bej! Oh bej! saluta la pusterla e si trasferisce in piazza Castello.

Poi inizia la progettazione della linea blu del metrò e di pari passo i sondaggi sul terreno. Riemergono tracce del passato, tra cui le sepolture davanti alla basilica ritrovate un paio danni fa. Nel 2014 viene dato il via libera ai nuovi cantieri per dare una sistemata alle mura. Costo: 400 mila euro finanziati dal vicino parcheggio interrato. Lintervento predispone anche la riduzione delle buche pontaie (fatte per sostenere le impalcature), in modo che gli uccelli possano trovare riparo e nidificare. Nonostante le varie riqualificazioni, la pusterla non ritrova prestigio. La nuova uscita del metrò punta anche a ridare luce a questa pagina della storia milanese.




news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news