LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Peggy , 40 anni dopo. Karole Vail: Mia nonna ha creato a Venezia uno spazio di libertà
Fabio Bozzato
Corriere del Veneto 19/1/2019

La nonna era una donna schietta, diretta, non amava molto mostrarsi affettuosa. Forse dipendeva da una educazione rigida, chissà. Il ricordo più vivido che ho di lei è quando giravamo in gondola. E stata lultima persona a Venezia ad avere una gondola privata. La nonna in questione è Peggy Guggenheim, scomparsa 40 anni fa e le cui ceneri riposano proprio nel giardino del suo Palazzo Venier dei Leoni. Chi ne parla è Karole Vail: suo padre, Sindbad, era nato dal primo matrimonio della collezionista americana con Laurence Vail. Studi a Londra e a Firenze, storica e curatrice darte, Karole Vail dal 2017 dirige la celebre casa-museo veneziana, che dal 1979, alla scomparsa di Peggy, appartiene alla Solomon R. Guggenheim Foundation.

Che cosa ha convinto sua nonna a trasferirsi a Venezia?

Forse era già venuta da bambina, di sicuro glielha fatta conoscere il marito Laurence Vail. Prima di venire qui, Peggy aveva vissuto ventanni in Europa e poi a New York durante la guerra. In Europa è tornata nel 1947 e lanno dopo è invitata ad esporre la sua collezione alla Biennale di Venezia, con un successo clamoroso. Era completamente affascinata dalla città.

Eppure era anche una città provata, povera, fuori dai grandi circuiti.

Tutta lEuropa usciva dalla guerra. Lei ha portato le novità europee e americane e a sua volta ha incontrato grandi artisti come Santomaso, Vedova, Bacci. La sua presenza in città è stata una ventata di contemporaneo. La sua collezione era già famosa e in tanti venivano a conoscerla.

Aveva rapporti con il mondo accademico?

Non credo e immagino fosse un mondo molto conservatore. Aveva rapporti con singoli, ad esempio con il grande critico Rodolfo Pallucchini o con collezionisti come Carlo Cardazzo, di cui era anche amica, entrambi interessati alle nuove avanguardie.

E come reagiva la Venezia del tempo alla sua presenza?

Peggy portava qualcosa di incredibilmente nuovo: ebrea, americana, con uno stile tutto suo, innamorata del contemporaneo. Molto diversa dal mondo borghese e nobile veneziano che sicuramente la guardava con sospetto. Eppure è riuscita a conquistare tutti: negli anni 50 -60 le sue feste attiravano chiunque, dal mondo dellarte alla politica, gli affari e la cultura. La casa era un punto di riferimento per gay e lesbiche, che lo sentivano come uno spazio di libertà

E per i veneziani più comuni, chi era Peggy? Unamericana stravagante?

Stravagante, sì. Ma vedere ogni giorno questa signora passeggiare con i suoi cani per le calli deve aver creato un rapporto di affetto. Lei apriva la sua casa e il suo giardino a tutti durante la settimana. E questo è stato il suo più grande regalo alla città.

È anche il lascito a chi lha gestita dopo la sua morte.

Sì, credo sia rimasto uno spazio intimo. Questa dimensione di casa-museo è importante, ma non può essere un mausoleo, non possiamo rimanere intrappolati nella storia. Così ha fatto il precedente direttore, e così voglio fare anchio. Deve restare uno spazio vivo.

Il fatto di essere la nipote di Peggy rende più difficile lincarico?

Certo è uno spazio di famiglia, ma io non cho mai vissuto. Mi appartiene fino a un certo punto. Devo andare oltre, devo essere molto obiettiva. So che con quel legame familiare devo farci i conti: ci sarà sempre una sensazione di tenerezza o di critica Ma questo è un museo di tutti, non è mio.

Dai tempi di Peggy, oggi a Venezia ci sono altri collezionisti-mecenati.

Lei è stata una sorta di modello per quello che sarebbe avvenuto molto dopo. Oggi Pinault, Prada e altri hanno collezioni straordinarie, ma sono visioni diverse: lei non voleva essere considerata una gallerista o una mercante darte, ma solo una mecenate. Peggy rimane unica.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news