LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia, Piazza Vittoria controversa
Nino Dolfo
Corriere della Sera - Brescia 20/1/2019

Le dispute degli urbanisti, il dramma degli sfollati e il restauro del colosso di Dazzi

La piazza come baricentro del territorio urbano, vetrina di relazioni, e la piazza in cui il popolo abitante è sparito. La conservazione di un cuore storico e la sua riconversione alla modernità, il discrimine sottile tra scempio e riqualificazione, sullo sfondo di quella eterna lotta mitica tra il Kosmos, lordine, e Cronos, il tempo che divora i suoi figli. Dallagorà ai salotti-non luoghi senzanima di oggi, molta acqua è passata sotto i ponti, eppure il senso di una piazza interroga sempre la comunità. Piazza Vittoria, anche in seguito alle recenti polemiche sul Bigio, ha allestito una vera biblioteca intorno a sè. È una storia molto italiana, fatta di alternanze di assetti politici, di diatribe tra uffici tecnici, di competizioni tra il mondo imprenditoriale e professionale bresciano e quello romano, di concorsi irrituali, di distruzioni belliche e di rappresaglie, di simboli ingombranti, di memoria e diritto alloblio.

Un groppo di politica, affari, propaganda ed ideologia soggetto alla mutazione del divenire che conferma la fragilità anche dei valori coriacei. Solo un esempio che funge da metafora universale: rivelatrice la sequenza di un dimenticato film di Theo Angelopoulos (Lo sguardo di Ulisse, 1995) in cui, appena dopo la caduta del Muro, un gigantesco e smembrato Lenin marmoreo, guardacaso anche lì un colosso dismesso, scivola alla deriva su una chiatta lungo il Danubio chissà verso dove.

Piazza Vittoria a Brescia: un caso italiano. Arte, architettura e politica a confronto in uno spazio urbano controverso: questo il titolo del decimo quaderno dellAAB, che riunisce in silloge collettanea una serie di conferenze sul tema. Un libro per discutere (meglio), come suggerisce nellintroibo Massimo Tedeschi, presidente dellassociazione. Un libro che, senza prendere posizione sul Bigio, ricostruisce una anamnesi, fornisce materiale probatorio per un dossier prezioso, restituisce lo spessore complesso e multidisciplinare della storia con una leggibilità sostenibile.

La piazza nacque dalla demolizione del quartiere medievale delle Pescherie molti dei contributi ricorrono al termine sventramento, che rende bene lidea della radicalità dellintervento : era il cuore storico della città con il suo labirinto di vicoli angusti, definito una specie di villaggio semi-abissino, brulicante di tuguri inabitabili e di case da demolirsi perché orribili e contrarie alligiene: così la stampa dellepoca, prona al regime, che caldeggiò il risanamento come si trattasse della disinfestazione necessaria di un tessuto urbano avvertito come retrogrado e inadeguato alla vita dei tempi nuovi.

Inaugurata nel novembre del 1932 in tutta la sua grandigia fascista, a soli sei anni dallindizione del concorso per il nuovo piano regolatore tempistica frenetica, cantiere che impegnò circa 2500 persone Piazza Vittoria quel giorno, era l1 novembre, ospitò Benito Mussolini. Accanto a lui cera Marcello Piacentini, larchistar dellepoca, il dittatore edile che da giurato era diventato a sorpresa progettista, il docente universitario con la sua combriccola ma anche la sua fronda di architetti dissenzienti che pensavano che la purezza geometrica del razionalismo non avesse niente a che vedere con la retorica del monumentalismo.

Questo il perno del volume su cui si innestano come costole gli approfondimenti: la vicenda dellaffresco superstite di Lattanzio Gambara, i danni dei bombardamenti, lapparato scultoreo della piazza, la figura di Augusto Dazzi votato alla damnatio memoriae, il restauro della scultura denominata Bigio, il dualismo Dazzi-Zanelli per lAltare della Patria, lincredibile traversia degli sfollati dellOltre Mella, una sorta di operazione di pulizia sociale e politica (liberare il centro da presenze ostili), i casi di altre città europee coinvolte in patrimoni dissonanti, lesposizione di opere di Mimmo Paladino con la funzione di creare una nuova percezione di Piazza Vittoria, nella prospettiva che da archeologia di un passato ingombrante con i suoi fantasmi pesanti possa un giorno diventare luogo comune, nellaccezione primaria, senza derivati semantici. Straordinario il repertorio fotografico: documenti pietrificati dallo sguardo della Medusa che sono finestra sul cortile.

Carlotta Coccoli, Giuseppe Merlo, Paolo Nicoloso, Maria Paola Pasini, Francesco Baccanelli, Elisa Pedretti, Anna Vittoria Laghi, Massimo Tedeschi, Gianfranco Porta, Monica Felice, Francesco Florenzano, Patrizia Battilani e Fausto Lorenzi: questi gli autori dei saggi. Già un testo di riferimento imprescindibile.




news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news