LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino sia capitale della cultura
Gabriele Guccione
Corriere della Sera - Torino 21/1/2019

Il Pd lancia lidea della candidatura europea per il 2033. E i Cinquestelle sono favorevoli

Chiara Appendino lavora per fare di Torino la Capitale italiana della cultura 2021, anno in cui i torinesi torneranno alle urne per scegliere il nuovo sindaco. Ma cè chi punta più in alto e guarda a una scadenza ancora più ambiziosa: al titolo di Capitale europea della cultura e al 2033. Vedere sbucare dagli schermi televisivi, che in questi giorni stanno raccontando la rinascita della città dei Sassi, il volto di Paolo Verri, direttore di Matera 2019, ma prima di tutto torinese trapiantato armi e bagagli in Basilicata dopo essere stato ai vertici del Salone del Libro, dei Giochi olimpici di Torino 2006 e di Italia 150, deve aver suscitato in qualcuno una certa nostalgia per i bei tempi andati, quando il capoluogo piemontese era la principale fabbrica italiana di eventi culturali.

Ed è così che ieri il capogruppo del Pd, Stefano Lo Russo, ha deciso di mettersi a scrivere una mozione che presenterà nei prossimi giorni in Consiglio comunale, per impegnare la città e la sua attuale amministrazione ad avviare il progetto di Torino Capitale europea della cultura 2033. Un modo, sostiene Lo Russo, per uscire dalle secche in cui è precipitata la città.

Da qualche tempo la sindaca Appendino lavora a una analoga proposta, ma più in piccolo e, soprattutto, a breve scadenza: il 2021. Lidea è emersa lo scorso luglio, quando con lallora neo ministro pentastellato dei Beni culturali, Alberto Bonisoli, la prima cittadina ha parlato della possibilità di candidare Torino per il titolo italiano istituito dal ministero nel 2014, proprio in seguito alla vittoria del rinascimento europeo da parte di Matera. Il bando per partecipare alla competizione, che finora ha visto premiate città come Ravenna, Mantova, Pistoia e Palermo, verrà pubblicato questanno. Ma certo si tratta di unaltra cosa rispetto alla qualificazione europea, sia in termini economici sia in termini di risonanza internazionale: anche se la sindaca Appendino, presentando liniziativa, ne parlò in termini entusiastici dicendo di essere pronta a giocare unaltra carta per il rilancio di Torino.

Ora, però, cè chi vuole giocare al rialzo e puntare dritto allEuropa. E così mentre il Pd lancia lidea, il M5S accoglie la sfida, pur con tutti i distinguo del caso. La candidatura a Capitale europea della cultura 2033 è un obiettivo condivisibile dichiarano allunisono lassessora Francesca Leon e la capogruppo Valentina Sganga . Potrebbe impegnare seriamente lamministrazione che seguirà alla nostra per arrivare, come da cronoprogramma, a presentare la domanda nel 2027. E però, secondo i 5 Stelle, una candidatura europea non si improvvisa. Occorre lavorarci con 6 anni di anticipo. E proprio per questo sottolineano assessora e capogruppo diventa strategica unaltra importante sfida: quella di Capitale italiana del 2021, ritenuta, in questo senso, un banco di prova. Il M5S non si lascia scappare, però, loccasione per polemizzare con il Pd, che accusa di aver lasciato in eredità ad Appendino, con tutti gli imbarazzi che linchiesta sul Salone del Libro sta procurando al centrosinistra piemontese, un sistema culturale fragile e gravato da debiti. Non proprio la premessa migliore attacca Sganga per chi vorrebbe ora dettare lagenda culturale di Torino.

Non ha dubbi, invece, il mondo delleconomia sulla necessità di fare quadrato perché sotto la Mole si ricominci a sognare in grande. Credo che sarebbe un bel progetto per il nostro territorio commenta Vincenzo Ilotte, presidente della Camera di Commercio . Se poi pensiamo che lorganizzazione di Matera 2019 è nelle mani di un torinese.... Unimpressione condivisa dal numero uno della Confesercenti, Giancarlo Banchieri: Spero che possa diventare una proposta di tutta la città. La cultura è identità e motore di sviluppo. E così ci spera anche la presidente dei commercianti dellAscom, Maria Luisa Coppa: Io sarei felicissima, qualsiasi cosa per Torino ragiona con una punta di amarezza in questo periodo può essere un ricostituente, un modo per guardare al futuro sia delle imprese sia della città. Certo aggiunge se fosse prima del 2033. Un traguardo lontano anche per il presidente dellUnione industriale, Dario Gallina: Per questo avevamo proposto a giugno un obiettivo più vicino: la candidatura a città italiana della cultura nel 2021 ricorda . Certo, la candidatura europea è più prestigiosa e adatta alla caratura di Torino. Saremmo entusiasti, quindi, di guardare al 2033, più o meno come allobiettivo Tav previsto in quello stesso periodo. Ma cè bisogno anche di azioni e politiche immediate, altrimenti la città rischia di arrivare a quella data economicamente e demograficamente declassata.



Chiara Appendino lavora per fare di Torino la Capitale italiana della cultura 2021, anno in cui i torinesi torneranno alle urne per scegliere il nuovo sindaco. Ma cè chi punta più in alto e guarda a una scadenza ancora più ambiziosa: al titolo europeo e al 2033. La proposta arriva dal capogruppo dem, Stefano Lo Russo: un modo, sostiene, per uscire dalle secche in cui è precipitata la città. E così mentre il Pd lancia lidea, il M5S raccoglie la sfida, pur con qualche distinguo. È un obiettivo condivisibile dichiarano allunisono lassessora Francesca Leon e la capogruppo Valentina Sganga . Ma non è una cosa che si improvvisa. Proprio per questo diventa strategica la sfida del 2021.



news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news