LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'ossessione di Salvini per l'Ambiente
Manlio Lilli
L'Espresso 21/1/2019

Non si può dire no al carbone, no al petrolio, no al metano, no alle trivelle, mica possiamo andare in giro con la candela e accendere i legnetti. Di tutto il resto si può discutere, ma di soli no non si campa. Matteo Salvini, ormai si sa, non sopporta proprio chi pensa che l'Ambiente sia una priorità. Non riesce a spiegarsi perché mai ci sia qualcuno che sostenga che ogni opera debba essere valutata. Non soltanto attraverso i costi economici, naturalmente. Il vice premier di questo contraddittorio governo giallo-verde ha probabilmente una chiusura ideologica nei confronti di chi tenta di farlo ragionare sulla pericolosità di certe scelte. Nei confronti di ogni questione che abbia a che fare, in qualche modo, con l'Ambiente.

Salvini ce l'ha con Tutti. Con Tutti quelli che, nelle scelte, rivendicano la necessità di guardare anche alla cosiddetta sostenibilità ambientale. Sulla Tav io tifo per il sì sempre e comunque, ha detto all'inizio dello scorso dicembre. Stessa indiscutibile posizione sulla Tap. I termovalorizzatori? Ne serve uno per ogni provincia perché se produci rifiuti li devi smaltire, ha decretato parlando della Campania. Avanti così! Fare e sempre fare! A testa bassa, naturalmente. Figurarsi se possono essere d'ostacolo i luoghi nei quali le opere progettate vanno realizzate. Figurarsi se montagne e pianure, mari e corsi d'acqua sono elementi in grado di arrestare la sua campagna d'Italia. La sua ricerca di consensi facili. Già perché non è improbabile che dietro la sua propensione a sposare ogni tipo d'opera, sia avviata che da avviare, non ci sia soltanto l'evidente disinteresse verso la Geografia e la Storia del Paese, ma anche altro. Forse il desiderio di allargare il suo consenso. Come? Mostrandosi come il decisionista che non arretra di fronte a nulla. Di fronte a qualsiasi contrarietà che abbia a che fare con l'ambiente. D'altra parte sono in molti a pensare che occuparsi di consumo di suolo, come di tutela del Paesaggio, siano questioni più che marginali. Siano questioni quasi sempre insufficienti a bloccare la realizzazione di un'opera. Sono in molti a pensare che prima di tutto sia necessario fare. A prescindere. Sempre e comunque.

Salvini conosce forse meglio di quanto si immagini gli italiani. Così quando parla in modo sprezzante di ambientalisti da salotto parla il linguaggio di molti. Diventa il megafono di una folta collettività, che in maniera forse inconsapevole pensa che l'ostacolo a molte opere sia davvero costituito da chi protegge i territori. Tenta di salvaguardarli. La verità è che quelle opere sono state irragionevolmente progettate e, proprio in nome di questi vizi iniziali, sono realizzabili soltanto sacrificando spazi naturali.

Insomma forse è vero. Il vicepremier ha una sorta di ossessione nei confronti dell'Ambiente. Ma ha anche capito che il suo atteggiamento piace. Certo non a chi combatte contro le opere che lui vorrebbe realizzare. Insomma ambientalisti e comitati che nei territori danno battaglia. Piace a chi crede che le spiagge debbano riempirsi di resort. Piace a chi crede che il turismo debba essere il traino dell'agricoltura. Piace a chi crede che lo studio dell'educazione civica debba essere ripristinato nelle scuole, ma dichiara guerra ai migranti. Piace a chi crede che in nome della legittima difesa sia possibile farsi giustizia da soli.

Inneggiando al tricolore, ma favorendo l'autonomia di alcune regioni, si rischia. Come inneggiando al prima gli italiani, ma rinnegando la Costituzione che tutela anche il Paesaggio. Si rischia di diventare un Paese nel quale Ambiente e Natura sono solo la location che fa da sfondo all'ennesimo selfie.

http://il-barone-rampante.blogautore.espresso.repubblica.it/2019/01/21/lossessione-di-salvini-per-lambiente/


news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news