LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Col premio dell'Eredità giovane archeologo reggiano scopre il Teatro dell'ultima tragedia di Euripide
La Repubblica - Bologna 27/1/2019

Il ritrovamento a Pella in Grecia: "So dov'è l'arena, spero che i greci mi aiutino a scavare".

REGGIO EMILIA - Coi soldi vinti all'Eredità in tv un giovane archeologo precario reggiano ha scoperto il teatro dove Euripide mise in scena la sua ultima tragedia.

Nel gennaio 2018 Paolo Storchi, 33 anni, aveva vinto 10 mila euro nel programma di Raiuno condotto allora da Fabrizio Frizzi. "Li voglio utilizzare per far tornare alla luce Tannetum, un centro di origini galliche risalente al 280 a.C" aveva detto in trasmissione. E così è stato.

Esattamente un anno dopo - racconta la Gazzetta di Reggio - il plurilaureato con master Paolo ha fatto la scoperta che verrà annunciata tra qualche giorno sullAnnuario della Scuola archeologica italiana di Atene: lindividuazione del teatro di Pella, in Grecia, la città in cui è nato Alessandro Magno. Proprio qui, in questo teatro che da secoli si trova a chissà quante decine di metri sotto terra, nella collina accanto a quella del palazzo reale, pare che Euripide abbia messo in scena il suo ultimo dramma.

"È un ritrovamento molto importante, perché per molti secoli si è pensato che questo teatro neanche esistesse - ha dichiarato alla Gazzetta - , poi tra il 1700 e il 1800 coloro che viaggiavano in Grecia per il Grand Tour, ai fini di ricevere una educazione completa, andavano a Pella e lo cercavano, certi che una città di quel tipo dovesse per forza averlo. Ma non hanno mai trovato nulla, semplicemente perché guardavano nel posto sbagliato: a differenza di tutte le altre città dellepoca, a Pella il teatro non si trova sulla stessa collina del palazzo reale, ma su quella accanto".

"Del teatro di Pella parla Plutarco raccontando che Alessandro Magno lo voleva con un proscenio di bronzo e che dovette desistere perché gli architetti temevano una terribile acustica. E poi ovviamente ne troviamo traccia anche con Euripide, che proprio a Pella morì nel 407 a.C.".

Per verificare la sua scoperta Storchi è andato sul posto. "Anche se è ancora tutto sotto terra, è rimasta la struttura che si può vedere anche a occhio nudo. Ora mi piacerebbe collaborare con le autorità greche per scavare larea e far emergere il teatro, che doveva essere piuttosto grande, visto che secondo i miei rilevamenti e calcoli poteva avere una lunghezza di 120 metri e una profondità di 31".

https://bologna.repubblica.it/cronaca/2019/01/27/news/col_premio_dell_eredita_giovane_archeologo_reggiano_scopre_il_teatro_dell_ultima_tragedia_di_euripide-217575664/


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news