LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Sette tesi sul Bigio
Monica Rovetta*
Corriere della Sera - Brescia 31/1/2019

* Monica Rovetta Consigliere comunale Pd

La discussione in corso sulla destinazione della statua di Arturo Dazzi LEra fascista invita ad alcuni chiarimenti concettuali, utili forse per ulteriori approfondimenti. 1) Un simbolo politico, come insegna Ernst Cassirer, è un mezzo per propagandare una ideologia. Unopera darte, al contrario, è una finalità senza scopo: in essa ci si riconosce indipendentemente dalle ideologie. 2) Un simbolo politico di unetà totalitaria è un mezzo per affermare una ideologia che, dividendo tra amici e nemici, annichila lumanità dellavversario. Le opere darte sono esattamente lopposto: sono luogotenenti dellumano. Utopicamente, volgono lo sguardo a una futura riconciliazione. 3) LEra fascista fin da subito fu giudicata una brutta opera darte e un riuscitissimo simbolo del regime. 4) Il suo abbattimento nel 1945 fu il gesto simbolico della rinascita della democrazia liberale a Brescia e per decenni non se ne è sentita la nostalgia. Riportarlo in pubblico non significa offendere la memoria di chi liberatosi, rischiando la vita, dalla dittatura voleva liberarsi dai suoi simboli? 5) A Brescia la violenza fascista è ritornata, in età democratica, con una strage imperdonabile. Ha senso che in città ritorni in auge un simbolo di quella ideologia? 6) Piazza Vittoria ha un coté metafisico che ricorda i quadri di Giorgio De Chirico e vive indipendentemente dalla statua di Dazzi. Anzi: il vuoto sul piedistallo non dà unulteriore tonalità metafisica? Un vuoto che invita alla creatività e alla immaginazione, non alla nostalgia restauratrice.
Tra gli interventi più recenti lintervista a DOrazio, Sgarbi e Caroli sulledizione bresciana del Corriere del 5 gennaio scorso. Prevalgono ampiamente i favorevoli a ricollocare la statua in piazza Vittoria. Tuttavia il tema posto in questi termini rischia di essere fuorviante e di riaprire ferite di una storia ancora non condivisa e nuove fratture allinterno di un tessuto civile, per altri versi già sufficientemente sfilacciato, su un tema che non ha caratteristiche di urgenza che giustifichino unattenzione così insistita. Sarebbe auspicabile, prima di ogni decisione, tornare a rileggere questa storia. Lo stesso Sindaco, daccordo con la Sovrintendenza, suggerisce di affrontare il tema dopo un percorso di approfondimento. Saggia opzione che non può non essere condivisibile anche dai gruppi consiliari di minoranza, specie dopo che tutti hanno unanimemente sostenuto la proposta di legge di iniziativa popolare per introdurre leducazione alla cittadinanza nelle scuole, convinti che sia urgente ricostruire una comunità coesa e una rinnovata coscienza civica. Tra gli argomenti a favore la ricostruzione filologicamente corretta del volto della piazza, arricchita durante il ventennio della presenza della statua, ragione a mio parere insufficiente pur essendo ineccepibile da un punto di vista accademico. Fino a quando rimarrà anche una sola voce, tra coloro che hanno pagato un pesante tributo personale o familiare alla liberazione dalloccupazione nazifascista, contraria a ripristinare una statua che suscita reazioni di rigetto , credo sia doveroso ascoltare e rispettare questa voce. Nei confronti delle persone, la cui autorevolezza si fonda sulla propria testimonianza personale o familiare, siamo tutti debitori. Sono quelli che hanno edificato una nazione pacificata creando le condizioni per una società libera e democratica, di cui godiamo i benefici. Le ragioni della storia sono più forti di qualunque altra legge astratta e la storia è dalla loro parte, perché in tempi di scelte difficili, loro hanno scelto di stare dalla parte giusta. Qui però occorre interrogarsi sul significato storico di quel periodo così controverso che va dallarmistizio alla conclusione del conflitto, giudizio non affatto condiviso. Varie le ragioni. Certe zone dombra che comunque ci sono state, esecuzioni sommarie, abuso di potere allorché si avevano a diposizione delle armi, vendette personali, gravi violazioni dei diritti umani nei campi di prigionia degli Alleati segnano fortemente questo cruciale passaggio storico, ma ancora si fatica ad ammetterlo. Giustificabile nel periodo più prossimo agli eventi, molto meno a distanza di circa settantanni. Di essi vi è stata a volte una lettura storica troppo manichea. Torniamo a rivisitare la nostra storia recente, perché diventi patrimonio anche di quella moltitudine oggi esclusa per i ricordi familiari di violenze subite a guerra finita al di fuori della legge. Come primo intervento preliminare a ogni discussione, perché non creare degli Stati generali, aperti a tutti, per una rilettura di questo periodo storico? Il dibattito sulla statua potrebbe trasformarsi in unazione volta a una rilettura partecipata della nostra storia. La prima tappa di tale recupero: il dato storico, per cui la statua, pur rimossa nellimmediato Dopoguerra durante lamministrazione Ghislandi, non fu distrutta sullonda di qualche pulsione iconoclasta ansiosa di cancellare anche materialmente il ricordo della recente dittatura. Quale migliore lezione di moderazione: se allora prevalse il rispetto sul moto di ripulsa, raccogliamo tale insegnamento, rispettando sì tale manufatto, ma nello stesso tempo astenendoci, al momento, dal proporne intempestive ricollocazioni, che rischiano di riesumare troppi significati simbolici ancora ad esso legati e generanti reazioni divisive.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news