LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Quartieri Spagnoli tra letteratura e disneyficazione
Fuani Marino
Corriere del Mezzogiorno - Campania 31/1/2019

Nel suo romanzo Perduti nei Quartieri Spagnoli, appena pubblicato da Giunti, Heddi Goodrich racconta di una studentessa americana di stanza a Napoli, in una delle zone più caratteristiche (e controverse) della città. Tralasciando la trama del libro, quello che emerge è, ancora una volta, uno sguardo etnografico sugli storici quartieri che sin dalla loro nascita si contraddistinsero per criminalità e degrado. Ora, dal Cinquecento a oggi, il dedalo di stretti vicoli che dal corso Vittorio Emanuele ridiscende fino a via Toledo è riuscito a conservare intatte le sue qualità nel corso del secoli. Se Achille Lauro, negli anni Cinquanta, dopo la costruzione del rione Carità, ne propose uno sventramento mai realizzato, oggi si urla addirittura al pericolo per le conseguenze negative che lo sviluppo turistico potrebbe comportare nel lungo periodo: aumento degli affitti, perdita di autenticità, gentrificazione.

A Barcellona, il quartiere difficile del Raval è stato oggetto di un piano di riqualificazione che ha visto abitazioni fatiscenti diventare boutique e ristoranti. Nei nostri quartieri qualcosa sembra iniziare a cambiare: solo fino a pochi anni fa erano considerati off limits, mentre oggi i turisti vi si addentrano senza grandi timori. Cappelle votive, ragazzini che sfrecciano in motorino o giocano a pallone incuranti di chi passeggia, gli immancabili panni stesi. E, naturalmente, i bassi. Allora il folklore diventa un business: nascono le prime associazioni di quartiere, percorsi gastronomici e visite alle chiese. Poi, per chi ha voglia di esperienze autentiche e un po estreme, ecco la notte nel basso: gli storici locali fronte strada posti al piano terra spopolano su airbnb. Si teme che la locazione degli immobili per brevi periodi finirà per espellere i residenti e in un recente articolo sullargomento si è paventata una disneyficazione del centro storico. Intanto, in tutte le grandi città, le cose funzionano così: i quartieri storici più centrali si consacrano al turismo, e se per questo motivo qualche autoctono si dovrà spostare, pazienza. Il processo di turistificazione, con tutti i suoi rischi, potrebbe rappresentare unopportunità di bonifica. Si tratta di un discorso complesso, che per certi versi prescinde dai Quartieri Spagnoli. Penso a un altro luogo caratteristico: Mappatella beach, ovvero il lembo di spiaggia del lungomare di via Caracciolo che il popolo occupa destate, facendo mostra di sé e immortalato qualche anno fa come un fenomeno da baraccone dal fotografo inglese Martin Parr. È davvero impossibile, per i napoletani, rinunciare a tanta impresentabilità? E se per il cambiamento e la crescita si dovesse rinunciare a una fetta di tradizione?



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news