LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Ferrara. Architettura viva. Parla lo Studio Labics
Maria Claudia Clemente e Francesco Isidori
Art Tribune, 01/02/2019

Gli ideatori del tanto discusso progetto di restauro e riqualificazione del Palazzo dei Diamanti a Ferrara dicono la loro. Sottolineando la necessità di mantenere larchitettura una materia viva, che dunque può, e deve, essere modificata.


Caro Direttore,
ci sentiamo in obbligo di intervenire nel dibattito scaturito negli ultimi mesi sul concorso per il restauro e la riqualificazione di Palazzo dei Diamanti. Gli argomenti sono molteplici: dal tema più generale dei concorsi in Italia, fino al caso specifico del presunto ampliamento. Vediamo di analizzarli uno a uno.

IL CONCORSO DI PROGETTAZIONE

Il tema del concorso, che alcuni nel dibattito hanno definito pretestuoso, non si può risolvere con poche battute come fosse argomento rilevante solo per gli addetti ai lavori; viceversa è un tema di grande importanza per tutti coloro i quali hanno a cuore la qualità dellarchitettura e del paesaggio in Italia.
Ci battiamo da anni insieme a molti altri colleghi per avere una legge per la tutela e la valorizzazione dellarchitettura in Italia; una legge che identifichi lattività progettuale come una attività intellettuale e non una fornitura di servizi come invece accade oggi nel codice degli appalti; una legge che identifichi nel concorso di progettazione la via maestra per la scelta del progetto migliore, così come accade negli altri paesi europei.
La scarsa qualità delle nostre periferie, luogo dove illustri esponenti di Italia Nostra hanno recentemente indicato debba risiedere larchitettura contemporanea, è dovuta alla mancanza di architettura di qualità, oltre che a una pianificazione spesso sbagliata. Per troppo tempo ci siamo impegnati a preservare i centri storici dimenticandoci i disastri che si compivano poco più in là. In un atteggiamento miope che ha portato alla distruzione di gran parte del paesaggio italiano, fondato sul rapporto organico tra paesaggio naturale e paesaggio antropico.
Dovrebbe essere interesse di tutti tutelare e promuovere listituto del concorso come unico strumento che la società civile si può dare per promuovere larchitettura di qualità; metterlo in discussione è dunque cosa molto grave.

LA FORMA DEL DIBATTITO

Il dibattito scaturito in questi mesi è quantomeno singolare nella forma, oltre che nei contenuti. Non si può infatti condurre un dibattito serio su un argomento tanto delicato attraverso slogan riduttivi, spesso offensivi, urlati sui giornali, sulla rete, alla radio o in televisione. Non è questa la forma e la sede giusta, oltre che il momento opportuno. Se qualcuno avesse voluto fare opposizione, si sarebbe dovuto interessare due anni fa, al momento dellannuncio del concorso pubblico.
Sui destini del Palazzo dei Diamanti è giusto dibattere, anzi doveroso! Ma non è lecito fermare il processo oggi in atto: non si può annullare il lavoro prezioso svolto per anni dallamministrazione che ha organizzato il concorso (con soldi pubblici), il lavoro dei settanta progettisti che vi hanno partecipato, il lavoro dei professionisti che hanno sviluppato il progetto vincitore.

Ecco dove sarebbe stato realizzato il padiglione, non avrebbe turbato la "unicità" di Palazzo dei Diamanti ma avrebbe riqualificato un prato abbandonato e adibito a cantiere, che quindi resterà così...

LA PROPAGANDA

Ci sembra necessario a questo punto fare chiarezza su alcune argomentazioni addotte contro il progetto e i progettisti per dimostrarne linfondatezza:

Lintervento soffoca il rapporto delledificio con lo spazio aperto della città Falso!
Il luogo dove insiste il progetto, il brolo, ovvero lantico frutteto di pertinenza del Palazzo, non ha nessun rapporto con lo spazio aperto della città. Si configura oggi come un luogo chiuso da un alto muro più alto del progetto in questione che lo separa dal resto della città.

Il progetto costituisce lampliamento del Palazzo dei Diamanti Falso!
Il nuovo padiglione si configura come una addizione che non può essere definita ampliamento. Perché? Per la dimensione, per il linguaggio utilizzato, per la materia con cui è fatto. Insomma, non è possibile confondere, per chi si intende di architettura, un padiglione con un ampliamento.

Il codice dei beni culturali ‒ D.lgsl. 42/04 ‒ vieta la realizzazione del progetto Falso!
Nessuno degli articoli del Codice dei Beni Culturali vieta la realizzazione di un intervento moderno in prossimità di un bene tutelato. Riportiamo solo quello più pertinente tra quelli citati, lart. 20: comma 1. I beni culturali non possono essere distrutti, danneggiati o adibiti ad usi non compatibili con il loro carattere storico e artistico oppure tale da recare pregiudizio alla loro conservazione.
Il nuovo padiglione non distrugge, né danneggia, né infine reca danno al Palazzo dei Diamanti in alcun modo. È completamente staccato da esso rispettando i principi di base del restauro: reversibilità (non perché smontabile ma perché consente il ritorno allo stato precedente senza alterazioni al monumento), riconoscibilità, minimo intervento, compatibilità.

Gli architetti non conoscono il nome dellarchitetto autore del palazzo Falso!
Larticolo a cui fa riferimento lon. Sgarbi non è stato scritto da noi, ma è apparso su un sito web professionearchitetto ‒ che ha provveduto, ormai da tempo, ad assumersene pubblicamente la paternità.

ARCHITETTURA VIVA

Infine veniamo al cuore della discussione: il rapporto tra i monumenti (antichi o moderni) e larchitettura contemporanea. È possibile intervenire accanto a un capolavoro? Non solo crediamo sia possibile, ma in alcuni casi anche auspicabile, perché larchitettura è visione del futuro, è unarte viva, che per sua stessa natura e soprattutto a differenza delle altre arti ben accetta la possibilità di essere modificata, riscritta, riutilizzata.
Non possiamo essere daccordo con il prof. Cervellati che stimiamo e rispettiamo quando afferma che il Palazzo dei Diamanti debba rimanere monumento di sé stesso; non è mai stato così nella storia del nostro Paese e in generale nella storia dellarchitettura. Crediamo invece che Palazzo dei Diamanti debba continuare a vivere ed essere fruito dal pubblico; debba continuare a essere utile, poiché lutilitas, insieme alla firmitas (solidità) e alla venustas (bellezza) sono componenti imprescindibili dellarchitettura, come già affermava Vitruvio. Ridurre il Palazzo a puro monumento di sé stesso equivarrebbe a degradarlo a opera scenografica, a pura immagine.
Numerosi sono gli esempi, passati e recenti, di interventi di architettura dettati dalla necessità di rendere più fruibili monumenti antichi o moderni. Lelenco è davvero lunghissimo, ci limitiamo in questa sede a ricordarne solo alcuni: dalla sopraelevazione di Baldassarre Peruzzi al Teatro di Marcello a Roma fino, in tempi più recenti, alladdizione di Gwathmey Siegel al Guggenheim di New York di Frank Lloyd Wright, lampliamento della National Gallery di Londra di Robert Venturi, la nuova torre scenica disegnata da Mario Botta (stranamente uno dei firmatati della famosa petizione) per la Scala di Milano del Piermarini (Scala di Milano che sarà peraltro nuovamente ampliata, sempre con Mario Botta, con una torre alta ben 36 metri!!). In modo diverso sono sempre stati dettati da esigenze duso anche gli interventi di Renzo Piano vicino alla cappella di Ronchamp, di Mario Bellini allinterno del Louvre, gli ampliamenti del Prado di Rafael Moneo, del British Museum e molti molti altri ancora.
Ci domandiamo: queste addizioni hanno modificato limmagine originale? Sono stati deturpati i monumenti? Non vi è una risposta univoca ovviamente. Possiamo solo ricordare che per ciascuno degli interventi citati ci furono lunghissimi e accesi dibattiti, ma gli interventi si sono fatti.
Peraltro Palazzo dei Diamanti, a differenza di tanti altri esempi citati nel corso delle polemiche, è già un palinsesto, un edificio che ha subito nella storia una crescita disorganica facilmente riscontrabile nel complesso.
In questo momento ci troviamo dunque di fronte a un nuovo bivio della sua storia: come poter collegare le due ali in modo che sia garantita una circolazione anulare.
In passato, probabilmente durante il XVII secolo, come testimonia una stampa di Andrea Bolzoni del 1747, il problema fu risolto attraverso la costruzione di un corpo di fabbrica (oggi rimosso) lungo il muro che separa il cortile principale dal giardino retrostante. Ora, crediamo sia necessaria una risposta differente rispetto alla riproposizione tout court di questo schema come suggerito da alcuni. Crediamo che lipotesi migliore, quella maggiormente rispettosa del monumento e della sua logica strutturale, sia quella vincitrice del concorso: un padiglione staccato dal Palazzo, che lascia un vuoto dietro al muro di separazione del cortile, rigoroso nella struttura e nella geometria.
Pensiamo non sia giusto nascondersi dietro lidea di fare lennesimo temporaneo, fintamente effimero, padiglione ma cercando di fare Architettura.
Questo è il nostro dovere!

https://www.artribune.com/progettazione/architettura/2019/02/labics-palazzo-dei-diamanti-ferrara/


news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news