LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia come un museo: tassa di ingresso da 3 a 10 euro per i non residenti e sistema di prenotazione con costi variabili
Giuseppe Pietrobelli
Il Fatto Quotidiano 4/2/2019

La giunta del sindaco Brugnaro ha predisposto cifre e tempi di attuazione del progetto triennale: si parte subito con una quota iniziale di 3 euro. È dal gennaio dell'anno prossimo che scatterà un sistema a bollini che si basa su valori crescenti (fino a 10 euro) per regolare gli ingressi in base al flusso turistico previsto.

Venezia diventa come uno dei grandi musei mondiali. Come il Louvre o la Galleria degli Uffizi, come i musei Vaticani o il Prado. Per entrare e visitarla, non solo si pagherà una tassa di ingresso, ma addirittura bisognerà prenotare. Mentre la tassa sarà un obbligo, la prenotazione sarà facoltativa, ma funzionerà allo stesso modo di un museo. Consentirà di saltare le code e di accelerare i pagamenti. Il provvedimento ratifica, quindi, lannosa accusa a Venezia di essersi trasformata in un grande parco turistico, se non addirittura in un luna pak di isole, calli e campielli. È trascorso un mese dalla manovra finanziaria che, nelle pieghe del provvedimento, aveva autorizzato il Comune di Venezia a imporre una tassa daccesso. Adesso Ca Farsetti ha predisposto cifre e tempi di attuazione. Lesecutività non sarà immediata, ma graduale. Così prevede la proposta di delibera, predisposta dalla giunta, che riguarda il regolamento per la tassa sugli sbarchi turistici. Non si tratta solo di sbarchi dalle navi, ma di ingressi con qualsiasi vettore, alla Città antica del Comune di Venezia e alle altre Isole minori della Laguna. E quindi aerei (solo aeroporto Nicelli al Lido), pullman, treni, auto, imbarcazioni, taxi.

Si tratta di un punto di svolta rilevante nella gestione dei flussi turistici di Venezia ha dichiarato il sindaco Luigi Brugnaro ma soprattutto è un punto di partenza di un percorso triennale che porterà, nel 2022, alla prenotazione degli accessi in città in modalità completamente smart, attraverso una carta servizi, gestita da uno specifico software. Il sindaco ha aggiunto: Si vuole consentire di pianificare la visita a Venezia attraverso la prenotazione, ma non sarà impedito a nessuno laccesso, che sarà però più complicato per chi non prenota. Il 2019 è invece un anno di transizione, con una quota iniziale di 3 euro. È dal gennaio dellanno prossimo che scatterà un sistema a bollini che si basa su valori crescenti (fino a 10 euro) per regolare i flussi in base al flusso turistico previsto. Insomma, a Pasquetta è prevedibile che si paghi più che in un giorno infrasettimanale di novembre. I turisti che soggiorneranno presso le strutture ricettive sia di Venezia che del Veneto (escluse quelle adibite a locazione turistica) pagheranno una cifra differenziata in base ad apposite convenzioni che verranno stipulate.

Il provvedimento ha la benedizione del governatore Luca Zaia. È pronta la stipula di un protocollo che esenta tutti i veneti dal pagamento dellaccesso. Ci saranno poi categorie esenti che si recano a Venezia per studio, lavoro o esigenze sanitarie. Una nota del Comune spiega: Il contributo servirà a ridurre quegli extra costi ordinari che Venezia ha in base alla propria specificità, come ad esempio le operazioni di pulizia e asporto rifiuti, quantificati in oltre 41 milioni di euro allanno e garantire le manutenzioni tipiche, come quelle dei masegni, delle rive, dei ponti, del proprio patrimonio. Il regolamento verrà illustrato anche alla stampa estera. Il messaggio che vogliamo dare è che Venezia è accessibile, aperta, ma i visitatori devono comprendere che serve una programmazione per gestire al meglio lequilibrio tra residenzialità e turismo è il messaggio della giunta.

Unaltra rivoluzione è laccesso alla città attraverso lunica via stradale, il Ponte della libertà. Lha spiegata lassessore al Bilancio, Michele Zuin. La proposta conferma la Zona a Traffico Limitato (ZTL) per gli accessi alla Città antica che avvengono con mezzi motorizzati, assoggettandola al pagamento di una somma. Si tratta comunque di una questione complessa che investe i rifornimenti e gli accessi di persone via terra alla città. Le auto private non sono considerate vettori, ma il loro accesso sarà drasticamente ridotto. Una tassa su una città è una autentica innovazione mondiale. Lo ha spiegato lavv. Francesco Gianni dello Studio Legale Gianni, Origoni, Grippo, Cappelli & Partners, che è consulente del Comune. Si tratta di una disciplina particolarmente innovativa, unicum nel suo genere, derivante dalle peculiarità di Venezia. Si differenzia per natura e finalità sia dallimposta di soggiorno sia dai contributi di sbarco già previsti per alcune isole. E per chi non paga il ticket? Le sanzioni sono salate, vanno dai 100 ai 450 euro. Brugnaro ha anche spiegato: È ipotizzata una sanzione amministrativa dal 100% al 200% per lomessa, incompleta o infedele presentazione da parte del vettore obbligato alla riscossione e del 30% per lomesso, ritardato o parziale versamento del contributo sempre da parte del vettore.

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/02/04/venezia-come-un-museo-tassa-di-ingresso-da-3-a-10-euro-per-i-non-residenti-e-sistema-di-prenotazione-con-costi-variabili/4946713/


news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news