LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, il Tar dà ragione al Comune: ok a griglie metro in piazza Plebiscito. Mibac sorpreso
AgCult 4/2/2019

Il Mibac prepara il ricorso. Per i giudici, lambito del potere dellamministrazione dei Beni culturali non può dilatarsi fino a valutare la scelta in sé, ove per altro adeguatamente motivata dallente locale, di non realizzare le opere in un determinato contesto.

Il Tribunale amministrativo della Campania ha accolto il ricorso del Comune di Napoli contro limposizione da parte del Ministero dei Beni culturali (Direzione Archeologia, Belle arti e Paesaggio) del luogo in cui realizzare la camera di ventilazione della linea metropolitana 6 di Napoli, in corrispondenza di piazza Carolina (suggerita al posto di Piazza Plebiscito). Accogliendo le istanze dellamministrazione comunale, i giudici del Tar danno così il via libera al proseguimento dei lavori relativi alla tratta Chiaia-Municipio e alla realizzazione delle griglie in un angolo di Piazza Plebiscito. A dicembre, il Mibac aveva bocciato un primo parere favorevole rilasciato dalla Soprintendenza di Napoli per i lavori nella piazza, determinando in questo modo lo stop agli interventi con anche il rischio di perdere i fondi dellUnione europea.

Intanto dal ministero trapela, a quanto apprende AgCult, una certa sorpresa nei confronti della decisione del Tar e, in attesa di un confronto tra il Ministro Alberto Bonisoli e il Dg Gino Famiglietti, la certezza è che il Mibac a breve depositerà un ricorso contro la sentenza dei giudici campani.

OLTRE LE COMPETENZE
Secondo i giudici del Tar, il Mibac avrebbe ecceduto rispetto alle sue competenze che si sarebbero dovute limitare a concedere o meno lautorizzazione a realizzare le opere nella collocazione proposta dal comune. Infatti, lambito del potere dellamministrazione dei Beni culturali non può dilatarsi fino a valutare la scelta in sé, ove per altro adeguatamente motivata dallente locale, di non realizzare le opere in un determinato contesto, dovendo detta amministrazione limitarsi ad autorizzare o non autorizzare la realizzazione delle opere nel contesto prescelto dallente stesso.

LA SCELTA DEL LUOGO
Secondo i giudici amministrativi, la decisione su dove collocare le griglie di ventilazione non spetta alla Soprintendenza perché tale scelta non può che essere effettuata dallente locale, in quanto essa implica e presuppone valutazioni di natura eterogenea nonché bilanciamento di interessi che sono di sua esclusiva pertinenza, poiché attengono alla durata dei lavori necessari, ai costi degli stessi, allincidenza di essi sulla vivibilità urbana nonché alla possibile perdita di finanziamenti dovuta alla dilatazione dei tempi di realizzazione.

IPOTESI GRIGLIE A PIAZZA PLEBISCITO
Il Tar campano ricorda pure come la Soprintendenza avesse anche espresso un parere favorevole di massima sulla collocazione delle griglie a Piazza Plebiscito (avendo ritenuto le opere da realizzare compatibili con il vincolo di tutela monumentale che attualmente grava sullimmobile in argomento), a dimostrazione che la Soprintendenza ha valutato gli aspetti rientranti nella sua competenza (impatto archeologico e impatto visivo delle opere da realizzare) e ne ha dato conto, sia pure in modo sintetico.

ECCESSO DI POTERE
Inoltre, proseguono i giudici nelle motivazioni della sentenza, la Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio ha motivato lannullamento dufficio dellautorizzazione soprintendentizia in termini di mera possibilità/impossibilità, senza per nulla considerare le serie difficoltà rappresentate in particolare nella Relazione tecnica di confronto fra le due soluzioni (piazza Carolina e piazza Plebiscito) del 19 novembre 2018, che espone pro e contro delle due opzioni relativamente alla cantierizzazione, allimpatto archeologico, ai tempi di realizzazione.

Così facendo, la Dg Archeologia, Belle Arti e Paesaggio non ha espresso alcuna motivata considerazione, con ciò incorrendo nel denunciato vizio di eccesso di potere per irragionevolezza, difetto di istruttoria e motivazione.

LINTERESSE PUBBLICO
I giudici, motivando la loro decisione, notano infine che se linteresse pubblico alla conservazione dellintegrità della piazza Plebiscito è stato esaminato dallamministrazione, non altrettanto può dirsi degli interessi facenti capo al Comune di Napoli e alla collettività di cui esso è ente esponenziale, i quali non sono stati comparativamente valutati dalla Direzione Generale; nel decreto impugnato, a questo proposito, si rinviene soltanto limmotivata negazione dellesistenza di elementi tecnici ostativi tali da impedire la realizzazione della camera ipogea e dei relativi apprestamenti di carattere strutturale in piazza Carolina e lo scarno, generico e non documentato richiamo alla valutazione congiunta (della Direzione Generale e della Soprintendenza) circa le osservazioni presentate dal Comune di Napoli.

https://agcult.it/2019/02/04/napoli-il-tar-da-ragione-al-comune-via-libera-alle-griglie-della-metro-a-piazza-plebiscito/


news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news