LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Il Pala Nervi si arena unaltra volta. Per la shopville pratica archiviata
Gabriele Guccione
Corriere della Sera - Torino 6/2/2019

I costruttori ritirano la domanda, per la Regione non ci sono i requisiti commerciali

Lintoppo è soltanto lultimo di una lunga serie, una catena di errori, ostacoli, ricorsi e carte bollate che continua da dieci anni. Tanti quanti ne sono trascorsi da quando, nel 2008, la famiglia Ponchia comprò dal Demanio dello Stato il Palazzo del Lavoro, capolavoro di Pier Luigi Nervi, per trasformarlo in una cittadella dello shopping. E anche se lultima battuta darresto suona come definitiva pratica archiviata , la proprietà delledificio assicura che si tratta soltanto di un blocco temporaneo, lennesimo. La lettera con cui il settore commercio della Regione prende atto della rinuncia e archivia la pratica per lautorizzazione commerciale da 13 mila metri quadrati in via Ventimiglia è stata recapitata in Comune il 30 gennaio.

In teoria è come se del progetto non esistesse più nulla, a maggior ragione dopo il ritiro dei sauditi Fawaz Alhokair che avrebbero dovuto investire sulloperazione da 100 milioni di euro. In pratica, nelle intenzioni dei promotori, la società Pentagramma (che acquistò ledificio per 17 milioni di euro), si tratta di una strada obbligata per aggirare lultimo scoglio burocratico in cui si è incagliata liniziativa immobiliare. Per le norme regionali in quellarea non potrebbe sorgere alcun centro commerciale naturale, perché fa parte di una sezione di censimento della città che non annovera alcun abitante; e dove non ci sono abitanti non possono esserci negozi, tantomeno megastore. Per il regolamento del Comune, invece, ci sarebbe la possibilità di estendere idealmente il cosiddetto addensamento dellattigua zona censuaria di piazza Bengasi, per farvi rientrare anche il Palazzo del Lavoro. Questione di cavilli, certo, ma fino a un certo punto, per cui si è cercata, invano, una mediazione.

Per andare avanti con la pratica occorrerebbe cambiare la legge regionale, oppure ed è la strada che Palazzo Civico si prepara a percorrere ridisegnare i confini delle zone statistiche della città, in particolare di quellarea. Per farlo gli uffici dellassessorato allUrbanistica, guidati dal vicesindaco Guido Montanari (inizialmente ostile, ma poi convertitosi al progetto dopo linserimento di uno spazio da destinare al museo della tecnica), stanno lavorando a una variante urbanistica che ridefinisca la cartografia della zona, per ricomprendere la zona del Palazzo del Lavoro in quella di piazza Bengasi. Questo, almeno, è quanto si aspetta la proprietà del PalaNervi. Ma, comè ovvio che sia, lultima parola spetterà al Consiglio comunale, dove il M5S non è mai stato troppo tenero nei confronti del piano che prevede la trasformazione delledificio costruito per Italia 61.

Già nel marzo 2018, quella volta per evitare il diniego della conferenza dei servizi, i promotori ritirarono una prima volta la richiesta di autorizzazione; e allepoca, sul progetto, pendeva il secondo ricorso al Tar (non ammesso) della sua storia. Si vedrà, insomma, se liter potrà ripartire. Intanto, anche per agevolare larrivo di nuovi investitori, Pentagramma (nel cui capitale è entrata negli ultimi tempi anche la Cassa depositi e prestiti) si sta portando avanti con la valutazione ambientale prevista dal piano esecutivo. Una analisi che dovrebbe essere presentata entro marzo. Per andare avanti assicurano gli amministratori e chiudere.




news

27-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news