LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli, piazza Plebiscito. Se manca il pubblico dibattito
Francesco Nicodemo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 6/2/2019

La vicenda delle griglie di Piazza del Plebiscito è paradigmatica di molte cose che accadono a Napoli. Innanzitutto, dà il senso di una città sempre più periferica in cui la discussione pubblica si esercita non su una Grande Opera, né sulla Tav e neppure su una visione strategica e progettuale della sua comunità, ma su interventi urbanistici, considerati assolutamente ordinari in qualsiasi parte del Paese. In secondo luogo, quando su unopera pubblica la mediazione, lascolto e il compromesso, sono sostituiti dal muro contro muro del ricorso in giudizio.

Insomma quando la politica soccombe alle carte bollate, a perdere siamo tutti noi napoletani, nessuno escluso.

Non mi interessa quindi discutere dei torti e delle ragioni della vicenda, piuttosto segnalare come ancora una volta le istituzioni avrebbero potuto agire in maniera diversa e non lhanno fatto. Forse per pressapochismo, forse per strafottenza, si è giunti al punto in cui il dialogo tra le parti aspro ma necessario, è morto sotto gli applausi scroscianti e il coro dei tifosi delle rispettive curve.

Ma se la discussione pubblica è preda delle curve, non assistiamo solo alla polarizzazione e allincomunicabilità delle posizioni, si allontanano anche tutti quelli che non vogliono vestire i panni dei tifosi e che normalmente sono la maggior parte dei cittadini. Daltra parte, non stiamo parlando di una piazza qualsiasi, ma della piazza più importante della città, una delle più importanti del mondo, simbolo della rinascita di Napoli, la piazza in cui i napoletani si riconoscono maggiormente. Insomma, mentre era scontato che ferire Piazza del Plebiscito avrebbe creato una frattura nellopinione pubblica napoletana, sorprende davvero che il sindaco, così attento alla sua immagine pubblica a difesa della città, abbia sottovalutato la mancata concertazione su Piazza Plebiscito, anzi sia andato dritto per la sua strada.

Certamente non sta accadendo solo a Napoli di ridurre ogni policy pubblica che impatta nella vita dei cittadini a una forzata dicotomia tra un Sì e un No. Come se, nella società dellopinione e al tempo della crisi dei corpi intermedi e della democrazia di rappresentanza, lunico modo per aggregare fosse un messaggio iper-semplificato che etichetta chi sei, definisce a chi appartieni, tagga quello in cui credi.

Ma come dice Giulio Andreotti nel Divo, interpretato dallo straordinario Toni Servillo, le cose non stanno esattamente così: la situazione era un po più complessa. Ecco anche sulle griglie la situazione era un po più complessa. E la complessità va affrontata con strumenti contemporanei.

Il 24 agosto dellanno scorso, ad esempio, è entrato in vigore il decreto sul cosiddetto débat public che individua le tipologie di opere per le quali è obbligatorio coinvolgere i cittadini nel dibattito pubblico, prima ancora che i progetti assumano la loro forma definitiva.

Questa consultazione fa perdere tempo? Tuttaltro, perché, sottoponendo unopera al dibattito pubblico, diventano più facili la comprensione e la condivisione delle opere da parte delle comunità, e soprattutto si evitano contestazioni nella fase di realizzazione. Cè un tempo per raccontare i progetti, un altro per ascoltare le critiche, un altro ancora per coinvolgere lopinione pubblica, e infine uno per decidere definitivamente dellopera.

Mi chiedo, se qualche stagione fa si fosse percorso questo metodo, non sarebbe stato più facile giungere a una conclusione positiva e condivisa delle griglie del Plebiscito? E poiché è ormai inutile discutere di quello che è stato, possiamo augurarci che le istituzioni della città tentino questa strada nella prossima opera che dividerà lopinione pubblica? Anzi che lopinione pubblica vorrà con-dividere, perché preferiamo essere cittadini consapevoli, invece che tifosi di parte.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news