LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Campania. Politiche del territorio. Urbanistica, un disastro trasversale
Matteo Cosenza
Corriere del Mezzogiorno - Campania 5/2/2019


Se non si avesse un po di memoria storica si resterebbe impressionati, meglio ancora, scandalizzati dai dati presentati allAcen dalla Scuola di Governo del Territorio sullo stato dellurbanistica in Campania. Lo scandalo non è di oggi, viene, come si dice, da lontano e solo in parte è stato mitigato dalle leggi nazionali, poche e non tutte andate in porto, nel corso della storia della Repubblica. Andò bene con la legge Galasso del 1985 per la tutela dei beni paesaggistici e ambientali e con la Legge ponte del 1967 di Giacomo Mancini che fu un argine alla cementificazione selvaggia. Portò male allirpino Fiorentino Sullo la cui innovativa riforma urbanistica nel 1964 fu impedita mediante una provvidenziale crisi di governo. Solo per inciso, e non credo sia una coincidenza, i tre provvedimenti portano la firma di tre meridionali, un napoletano, un irpino e un calabrese, proprio a significare che qui, in questo nostro martoriato Mezzogiorno, dove lo scempio del suo peraltro incomparabile territorio è ordinaria amministrazione, sono i meridionali stessi, per quanto mosche bianche, quelli più avvertiti e determinati a combatterlo. E per restare alle eccezioni, non dimentichiamo Vezio De Lucia e la sua variante generale urbanistica per Napoli, probabilmente il provvedimento amministrativo più importante delle giunte Bassolino. Le eccezioni e la regola! Purtroppo la pianificazione urbanistica, vale a dire il progetto di futuro e la cornice entro la quale calare gli interventi edilizi, è un oggetto misterioso, per lo più fatto di carte e documenti a cui faticosamente segue un iter attuativo.
Lo studio sulla Campania di cui parliamo ci racconta che quasi tutti i Comuni adottano strumenti urbanistici obsoleti e non in linea con la legge regionale 16 del 2004 e che solo 71 sono i Comuni che hanno approvato un Piano Urbanistico Comunale, mentre i restanti 479 (l87 per cento circa) hanno adottato un Piano Regolatore Generale, un Programma di Fabbricazione o sono addirittura privi di uno strumento urbanistico. Della serie cè pure chi si risparmia la finzione di uno strumento cartaceo che vale a poco se manca quello di gestione aggiornata del territorio. Amen!

Terrificante poi ma non sorprendente la classifica per Comuni della percentuale di difformità dagli strumenti urbanistici: oscillazioni tra il 30 e il 60 per cento. Il che spinge Federica Brancaccio, presidente dellAcen, a dire che imperversa il disordine. Altro che disordine se si pensa ai cinquantamila abusi edilizi censiti senza tener conto del passato finito in cavalleria con la manna dei condoni e dello stillicidio dei piccoli abusi che deturpano le città e ne abbassano la vivibilità. Champagne!

Questo disastro, va detto, non ha colore. Trasversale è la responsabilità. A conti fatti il rispetto del luogo in cui si vive (i cittadini) e che si governa (gli amministratori) è merce rara, a destra, a centro, a sinistra; ieri, oggi e, temiamo, domani. Laltra sera a Avellino abbiamo ricordato un collega che è stato sindaco della città, Antonio Di Nunno. La sua idea di città giardino e lopera quotidiana per realizzarla sono state sottolineante ripetutamente. In un filmato (lintervista che nel 1997 gli fecero Paolo Mieli e Marco Demarco) Di Nunno diceva che lui amministrava senza pensare alle elezioni future e che, per questo, aveva le mani libere per attuare il suo programma. Chissà, forse questa è la chiave che consente di aprire la porta del buon governo: non agire esclusivamente in vista di un guadagno elettorale e, quindi, salvaguardare linteresse generale. Perché le nostre penose vicende urbanistiche e non solo quelle come il nostro presente ci ricorda raccontano non solo una storia di bassa qualità degli amministratori ma anche il pesante e asfissiante condizionamento elettorale quando non cè di peggio che ha determinato il criminale saccheggio del nostro tanto decantato e, a parole, amato territorio. Allegria!



news

16-07-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 16 luglio 2019

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

Archivio news