LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anche Siena può avere un piccolo palazzo Pitti (con opere preziose)
Marco Ciampolini*
Corriere Fiorentino 5/2/2019

* Marco Ciampolini Accademia di Belle Arti di Carrara

Una proposta per la collezione Spannocchi

Caro direttore, pochi lo sanno, ma la città di Siena, in Italia, nel campo della produzione artistica delle ere medioevale e moderna, viene subito dopo i grandi colossi di Roma, Firenze e Venezia. Ciò ha avuto riscontro in un illustre collezionismo, che ha visto i nobili senesi raccogliere opere dei maggiori maestri, non solo locali e non solo italiani, al pari, per qualità se non per quantità, delle grandi famiglie regnanti.

Molte di queste collezioni sono andate disperse, tanto che della presenza a Siena di dipinti di Raffaello o di Caravaggio resta solo il ricordo documentario. Ciononostante a testimoniare limportanza del collezionismo senese rimane la raccolta Spannocchi, che annovera, fra gli altri, quadri di Dürer, Altdorfer, Romanino, Lotto, Palma il Giovane, Cavalier dArpino, van Laer, Strozzi. Questo piccolo ma sceltissimo museo, costituito da circa 180 opere, passò al Comune di Siena nel 1835, che lo depositò nella locale Galleria dellAccademia (dal 1932 Pinacoteca Nazionale). Subito si palesarono problemi di esposizione, essendo la raccolta costituita da opere estranee al percorso dellarte senese, rappresentato dai dipinti di quella Galleria.

Infatti, la Collezione che oggi denominiamo Spannocchi dallultima famiglia proprietaria, si era formata nel Seicento a Trento e a Mantova, grazie a membri di vari rami della casata Piccolomini. Così la raccolta finì per essere sparpagliata in più edifici pubblici: oltre ai locali delle varie sedi della Galleria dellAccademia, gli uffici del Comune, quelli della Provincia, il Rettorato dellUniversità, e persino la Galleria degli Uffizi. Negli anni Settanta del secolo scorso, per la pubblicazione del nuovo catalogo della Pinacoteca Nazionale, lallora Soprintendente Piero Torriti e soprattutto Gabriele Borghini, iniziarono a recuperare i pezzi della raccolta, identificando quelli presenti nella Pinacoteca e segnalandone altri negli uffici comunali. Si apriva così una via per la ricerca che fu imboccata (1985) dallo scrivente e da Fabio Bisogni, i quali recuperarono i dipinti rimasti nelle sedi comunali, li tolsero dagli uffici, li musealizzarono nel percorso del Palazzo Pubblico e li resero noti attraverso due pubblicazioni.

Si fece strada così la speranza di veder riuniti i vari segmenti della raccolta, una speranza che oggi, a distanza di oltre trentanni, sembra incanalarsi nella giusta via. La meritoria mostra, aperta fino a maggio al Santa Maria della Scala, Una città ideale: Dürer, Altdorfer e i maestri nordici dalla Collezione Spannocchi di Siena, riunisce le opere Oltramontane già divise in varie sedi. Con la loro vivacità variopinta i quadri di Dürer, Altdorfer, König, Snayers, van Veen, van Balen, Damery, Witting, Vredeman de Vries, ecc., allietano le vaste cortine murarie dei bianchi saloni del vecchio ospedale.

Tuttavia quelle opere di piccole dimensioni, nate per ambienti domestici, si smarriscono nella vastità di quegli ambienti, finendo per perdere quel sapore dintimità che rappresenta il loro valore più autentico. Ogni opera darte ha la sua natura, determinata dal contesto per il quale è nata, così che quando cambia di destinazione è necessario che ritrovi una situazione equiparabile a quella originaria.

I quadri Spannocchi, sono quadri da casa, che riacquisteranno la loro piena godibilità solo quando saranno esposti nelle misurate sale di qualche dimora nobiliare. Ledificio che a Siena ha le caratteristiche più idonee per accogliere le opere della collezione Spannocchi è il Palazzo Chigi alla Postierla, un palazzo che fu acquistato dallo Stato nel 1959 proprio come sede museale. Nelle raccolte sale della dimora di Piazza Postierla, i dipinti di Dürer, Lotto, Mazzola Bedoli, Farinati, Bordon, Angiussola, Moroni, Cairo, Strozzi, Vianino, Furini, Carpioni, Maffei, disposti in numero contenuto sulle brevi pareti, troneggeranno a completamento della superba decorazione platica dellurbinate Matteo Sparti e pittorica dei fiamminghi Bernard van Rantwijck e Dirk de Quade van Ravesteyn, che già fanno delledificio un unicum in Italia e che contribuiranno a farlo divenire, il piccolo, ma preziosissimo, Palazzo Pitti senese.




news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news