LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

S. Maria Capua Vetere. La culla di Spartaco è in rovina. Ecco come muore l’Anfiteatro
Marco Molino
Corriere del Mezzogiorno - Campania 7/2/2019

È in rovina ma ancora imponente l’ingresso dell’anfiteatro di epoca romana che s’innalza nel cuore di Santa Maria Capua Vetere.

Tra la fine del primo e l’inizio del secondo secolo dopo Cristo, il pubblico affluiva attraversando queste arcate monumentali per assistere alle cruente sfide dei gladiatori. Puntiamo affascinati la fotocamera, quando un sordo ringhiare ci paralizza col dito sul pulsante di scatto. Abbassando lo sguardo, scopriamo di essere circondati da numerosi “amici” a quattro zampe visibilmente infastiditi dalla nostra presenza. L’area archeologica è deserta, inutile chiedere aiuto. Indietreggiamo dunque lentamente tra gli alti cespugli fino ad eclissarci nella selva di erbacce, procedendo poi senza indugio tra gli antichi blocchi. Comincia così il nostro viaggio nel moderno sfascio dell’arena che duemila anni fa era seconda, per sfarzo e dimensioni, solo al Colosseo. In attesa di una riqualificazione con fondi europei da tempo annunciata.

Per fortuna il branco non ci segue, nonostante l’incauta invasione di territorio. Quei cani infatti sono di casa, come conferma poco dopo la scoperta di due teneri cuccioli all’interno di una sepoltura di epoca sannita ai margini del parco storico. Vorremmo carezzarli, ma il dubbio che la madre possa far parte del precedente comitato di accoglienza ci invita a proseguire speditamente. Anche se avanzare tra le piante infestanti non è facile. Buona parte delle gallerie di accesso all’arena sono inoltre sbarrate da vecchi tubi innocenti e tabelle di divieto per i visitatori. Quelle si leggono chiaramente, mentre alcuni pannelli con (presumibili) notizie sul sito, sono imbrattati o corrosi dall’umidità. Tra le colonne spezzate troviamo gli attrezzi e i resti di lavori che erano “in corso” qualche mese o decenni fa. Sbarre, carriole, secchi e reti di plastica che sembrano più antichi dei capitelli romani.

Con i suoi quattro piani e i 165 metri di lunghezza sull’asse maggiore, l’anfiteatro campano poteva ospitare fino a 60 mila spettatori. Fu realizzato in età imperiale in sostituzione di quello più piccolo nel quale si era esibito due secoli prima anche Spartaco, il guerriero trace che dal 73 al 71 avanti Cristo, partendo proprio da Capua, capeggiò la rivolta degli schiavi che fece tremare Roma.

«Erano uomini abituati a combattere e uccidere, non come si battono i soldati e gli animali, ma come si battono i gladiatori, il che è affatto diverso», scrisse Howard Fast in un celebre romanzo degli anni Cinquanta: Spartacus . Dal libro fu tratto un film di successo diretto da Stanley Kubrick e interpretato da Kirk Douglas. Basterebbe rammentare questi trascorsi letterari e cinematografici per comprendere, oltre all’importanza storica, il potenziale turistico e culturale dell’anfiteatro di Santa Maria Capua Vetere. Se adeguatamente valorizzato.

E invece quando emergiamo sugli spalti, rimaniamo in perfetta solitudine con le cupe fantasie di sudore e sangue, di secutor e reziari impegnati nella lotta mortale. Gli spettatori urlanti di un tempo sono sostituiti dagli arbusti rigogliosi che spaccano le gradinate superstiti con le loro radici. Si consolida nel nostro animo un’immagine decadente da Grand Tour settecentesco, che però la direttrice del polo museale dell’antica Capua, Ida Gennarelli, ritiene eccessiva.

«Prima di tutto – spiega – eviterei di chiamare erbaccia la vegetazione che cresce all’interno del sito. Qui ci sono alcune piante ed essenze rare che emergono tra terreno e pietra e vanno tutelate. Certo, troppi cespugli possono danneggiare le strutture, ecco perché gli addetti procedono ad una periodica ripulitura». Il problema dei cani pare invece legato alla bassa recinzione che circonda l’area. «Ma questo ed altri inconvenienti – assicura la direttrice – saranno risolti con gli interventi previsti grazie ai sette milioni di euro stanziati con fondi Fesr 2014-2020. Restaureremo anche l’area antistante dove ci sono i resti del piccolo e più antico anfiteatro, dove combattè Spartaco».

Aspettando la riqualificazione, speriamo almeno che le simpatiche bestiole incontrate all’entrata, ci lascino tornare indenni a casa.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news