LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

S. Maria Capua Vetere. La culla di Spartaco è in rovina. Ecco come muore lAnfiteatro
Marco Molino
Corriere del Mezzogiorno - Campania 7/2/2019

È in rovina ma ancora imponente lingresso dellanfiteatro di epoca romana che sinnalza nel cuore di Santa Maria Capua Vetere.

Tra la fine del primo e linizio del secondo secolo dopo Cristo, il pubblico affluiva attraversando queste arcate monumentali per assistere alle cruente sfide dei gladiatori. Puntiamo affascinati la fotocamera, quando un sordo ringhiare ci paralizza col dito sul pulsante di scatto. Abbassando lo sguardo, scopriamo di essere circondati da numerosi amici a quattro zampe visibilmente infastiditi dalla nostra presenza. Larea archeologica è deserta, inutile chiedere aiuto. Indietreggiamo dunque lentamente tra gli alti cespugli fino ad eclissarci nella selva di erbacce, procedendo poi senza indugio tra gli antichi blocchi. Comincia così il nostro viaggio nel moderno sfascio dellarena che duemila anni fa era seconda, per sfarzo e dimensioni, solo al Colosseo. In attesa di una riqualificazione con fondi europei da tempo annunciata.

Per fortuna il branco non ci segue, nonostante lincauta invasione di territorio. Quei cani infatti sono di casa, come conferma poco dopo la scoperta di due teneri cuccioli allinterno di una sepoltura di epoca sannita ai margini del parco storico. Vorremmo carezzarli, ma il dubbio che la madre possa far parte del precedente comitato di accoglienza ci invita a proseguire speditamente. Anche se avanzare tra le piante infestanti non è facile. Buona parte delle gallerie di accesso allarena sono inoltre sbarrate da vecchi tubi innocenti e tabelle di divieto per i visitatori. Quelle si leggono chiaramente, mentre alcuni pannelli con (presumibili) notizie sul sito, sono imbrattati o corrosi dallumidità. Tra le colonne spezzate troviamo gli attrezzi e i resti di lavori che erano in corso qualche mese o decenni fa. Sbarre, carriole, secchi e reti di plastica che sembrano più antichi dei capitelli romani.

Con i suoi quattro piani e i 165 metri di lunghezza sullasse maggiore, lanfiteatro campano poteva ospitare fino a 60 mila spettatori. Fu realizzato in età imperiale in sostituzione di quello più piccolo nel quale si era esibito due secoli prima anche Spartaco, il guerriero trace che dal 73 al 71 avanti Cristo, partendo proprio da Capua, capeggiò la rivolta degli schiavi che fece tremare Roma.

Erano uomini abituati a combattere e uccidere, non come si battono i soldati e gli animali, ma come si battono i gladiatori, il che è affatto diverso, scrisse Howard Fast in un celebre romanzo degli anni Cinquanta: Spartacus . Dal libro fu tratto un film di successo diretto da Stanley Kubrick e interpretato da Kirk Douglas. Basterebbe rammentare questi trascorsi letterari e cinematografici per comprendere, oltre allimportanza storica, il potenziale turistico e culturale dellanfiteatro di Santa Maria Capua Vetere. Se adeguatamente valorizzato.

E invece quando emergiamo sugli spalti, rimaniamo in perfetta solitudine con le cupe fantasie di sudore e sangue, di secutor e reziari impegnati nella lotta mortale. Gli spettatori urlanti di un tempo sono sostituiti dagli arbusti rigogliosi che spaccano le gradinate superstiti con le loro radici. Si consolida nel nostro animo unimmagine decadente da Grand Tour settecentesco, che però la direttrice del polo museale dellantica Capua, Ida Gennarelli, ritiene eccessiva.

Prima di tutto spiega eviterei di chiamare erbaccia la vegetazione che cresce allinterno del sito. Qui ci sono alcune piante ed essenze rare che emergono tra terreno e pietra e vanno tutelate. Certo, troppi cespugli possono danneggiare le strutture, ecco perché gli addetti procedono ad una periodica ripulitura. Il problema dei cani pare invece legato alla bassa recinzione che circonda larea. Ma questo ed altri inconvenienti assicura la direttrice saranno risolti con gli interventi previsti grazie ai sette milioni di euro stanziati con fondi Fesr 2014-2020. Restaureremo anche larea antistante dove ci sono i resti del piccolo e più antico anfiteatro, dove combattè Spartaco.

Aspettando la riqualificazione, speriamo almeno che le simpatiche bestiole incontrate allentrata, ci lascino tornare indenni a casa.



news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news