LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lascio a Siena un museo, non un maxi contenitore
Giulia Maestrini
Corriere Fiorentino 7/2/2019

SIENA. Lavventura di Daniele Pittèri alla guida del Santa Maria della Scala è durata tre anni precisi. Era arrivato a febbraio 2016 primo direttore selezionato con un bando internazionale voluto dallex sindaco Bruno Valentini con un mandato chiaro: ricostruire lidentità storica dellex Spedale e portarlo verso una sostenibilità economica che non pesasse più solo sulle casse comunali o sulle erogazioni targate Mps. Ha lasciato il 1 febbraio 2019, senza passare il testimone: il suo successore non cè ancora, anche se dal Comune giurano che il bando uscirà a giorni. Nelle ultime settimane si era parlato di una trattativa tra lui e il neo sindaco Luigi De Mossi per uneventuale proroga dellincarico: pareva improbabile e, infatti, non cè stata. Insomma ha prevalso la discontinuità poiché, come dice lui, per la politica la discontinuità prevale su tutto.

Cosa è successo?

Il sindaco aveva detto di non voler fare una scelta affrettata ed io mi ero reso disponibile a restare fino a fine anno. Ma se a 15 giorni dalla scadenza mi proponi una proroga di due mesi, io rifiuto, perché professionalmente è poco dignitoso.

Si sente vittima dello spoil system?

No, ho sempre avuto chiara la scadenza del mio contratto. È solo un modo di fare la politica oggi; secondo me non è il migliore, ma unamministrazione può legittimamente preferire figure più inclini al progetto che ha in mente. Obiettivamente, il sindaco ha alcune idee sul Santa Maria che condivido e che sono anche nel piano strategico, ma su altre secondo me importanti la nostra visione è discorde.

Su cosa non siete daccordo?

Fondamentalmente sullidea che il Santa Maria della Scala sia un contenitore buono per qualunque cosa. Il Consiglio comunale e la giunta precedenti mi avevano dato il mandato di fare un museo e io ho lavorato per questo. È legittimo che la nuova amministrazione cambi indirizzo, ma questo non corrisponde al mio modo di vedere questo posto e, in generale, di valorizzare il patrimonio.

Il sindaco e lassessore al turismo vogliono aprire il museo agli eventi enogastronomici. E già si lavora per portarci la prossima edizione di Wine&Siena

Conosco bene la necessità di avere degli spazi in città dove svolgere eventi; infatti, insieme alla Fondazione Mps, abbiamo lavorato per il centro convegni a Palazzo Squarcialupi che sarà inaugurato a breve. Ma è necessario mantenere una rigida divisione tra luoghi deputatati alla fruizione museale e luoghi, invece, deputati ad altro.

Qual è stata la sfida principale di questi anni?

Far diventare il Santa Maria della Scala un museo: quando sono arrivato non lo era, mancavano tutti i requisiti minimi. Labbiamo vinta. Adesso una vacatio della direzione rallenterà la progettualità culturale o espositiva, ma questa oggi è una macchina complessa che funziona e non si fermerà.

E cosa invece lascia incompiuto?

Avrei voluto vedere e gestire gli importanti lavori di recupero della strada interna. Concludere la riunificazione, qui, della Collezione Spannocchi. Definire unimportantissima donazione privata di una collezione darte italiana del secondo Novecento: ci ho lavorato un anno e mezzo, lho lasciato in consegna al sindaco.

Quale deve essere, secondo lei, la visione futura della progettazione culturale di questa città?

Siena dovrebbe avere il coraggio di fare unoperazione radicale: andare oltre la messa a sistema delle tante realtà cittadine per creare un unico ente culturale che ne assorba la produzione di punta. Penso a una grande istituzione come la Biennale di Venezia, divisa per settori e discipline, che sia in grado di gestire i luoghi della cultura e determinare la produzione di contenuti. Per il senese lidea fa drizzare i capelli, ma aiuterebbe anche a evitare la programmazione schizofrenica e sovrapposta che abbiamo visto spesso.

E il Santa Maria come si inserirebbe in un contesto di questo tipo?

Il Santa Maria deve andare avanti in quel processo di autonomia che abbiamo disegnato nel piano strategico per arrivare a essere unistituzione di natura privatistica in grado di dialogare con lesterno e attivare fundraising.

Cosa ha fatto per attuare questo processo?

Abbiamo stretto relazioni importanti: con il Ministero, con lOpera del Duomo per la bigliettazione unica, con un gruppo di imprese che lavora in semiconcessione fornendo servizi e accollandosi una parte di costi. Abbiamo ottenuto laccreditamento regionale, ricominciato a produrre e co-produrre mostre (tra cui la monografica su Ambrogio Lorenzetti, ndr ), aumentato la capienza del museo da 180 a oltre 1.000 persone grazie a lavori strutturali: in tre anni gli incassi complessivi sono più che raddoppiati, i visitatori triplicati. Ma i numeri vanno consolidati: oggi il Santa Maria stacca 200 mila biglietti lanno, nel 2021 ne prevediamo 350 mila.

Cosa lascia a Siena?

Lauspicio che esca un po dal suo isolamento, costruendo un sistema relazionale forte che corrisponda alla sua notorietà nel mondo. Al Santa Maria della Scala auguro che continui questo percorso di rinascita perché è un patrimonio dellidentità senese, ma anche dellItalia intera. Spero che il prossimo direttore sia una figura di grande qualità e, soprattutto, che abbia un mandato per lavorare in piena autonomia.




news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news