LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lucca. Da neuroscienze a beni culturali, bando per i dottorati a Imt
Lucca in diretta, 08/02/2019

Una laurea magistrale, un ottimo curriculum di studi, buona padronanza dell'inglese, intraprendenza, curiosità e spirito critico. Questi i requisiti per concorrere alla Scuola Imt alti studi Lucca dove nei giorni scorsi si è aperto il bando per lammissione al nuovo ciclo di dottorato di ricerca. Il corso di dottorato di quest'anno presenta due importanti novità: l'anticipo dell'uscita a gennaio e, soprattutto, la durata estesa a quattro anni. In questo modo gli allievi potranno conseguire una formazione più articolata, in linea con la struttura dei dottorati di molte Università nazionali e internazionali. Gli aspiranti allievi hanno tempo fino al 23 aprile per presentare la propria candidatura e concorrere a una delle 32 borse di studio che la scuola, una delle sei a ordinamento speciale presenti in Italia, mette a disposizione per lanno accademico 2019/20. Per essere ammessi, devono superare una selezione di livello internazionale, la cui valutazione si basa esclusivamente sul merito, quindi sul curriculum di studi, sulla lettera di intenti e la proposta di progetto che presenteranno.

"Di concerto con tutti i colleghi docenti e ricercatori, abbiamo riorganizzato il corso di dottorato secondo una formula innovativa 'Quattro meno uno' - spiega il docente Pietro Pietrini, direttore della scuola Imt - che permette agli allievi di avere un lasso di tempo più lungo da dedicare al progetto di tesi dottorale. Al contempo, viene mantenuta la possibilità di conseguire il diploma alla fine del terzo anno, così come prevede la legge. Questa duttilità del percorso risponde alle diverse esigenze degli allievi, da coloro che intendono intraprendere la carriera accademica a chi invece vuole perseguire una carriera nell'industria o nelle istituzioni pubbliche e private".
La Scuola Imt offre due programmi di dottorato, Cognitive and cultural systems, dedicato ai sistemi cognitivi e culturali, e Systems science, scienza dei sistemi. I dottorati sono articolati in quattro curricula tra loro complementari: Analisi e management dei Beni Culturali; Neuroscienze cognitive, computazionali e sociali; Informatica e ingegneria dei sistemi; Economia, reti e analisi aziendale. Una delle borse di studio del programma in System Science è finalizzata al titolo congiunto di dottorato in economia in co-tutela con la Katholieke Universiteit Leuven (Università Cattolica di Lovanio, Belgio), uno degli atenei più prestigiosi e antichi dEuropa. Oltre alla borsa di studio annuale, gli allievi hanno diritto allesenzione totale dal pagamento delle tasse di iscrizione e al vitto e alloggio nel Campus universitario della Scuola. In questi anni la Scuola Imt ha riscosso un costante interesse, con oltre 7400 domande negli ultimi tre anni. I candidati arrivano da tutto il mondo, dallEuropa come anche dallAsia, dallAfrica e dagli Usa, attratti dallofferta formativa basata su un modello multidisciplinare e integrato, nel quale le metodologie delle diverse discipline si fondono per dare vita a un sistema di ricerca innovativo e di grande qualità. Attualmente gli allievi presenti alla Scuola sono 148 e provengono da 28 paesi diversi.

https://www.luccaindiretta.it/dalla-citta/item/137186-dalle-neuroscienze-ai-beni-culturali-nuovo-dottorato-all-imt.html


news

15-02-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 15 febbraio 2019

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

19-05-2018
Sul contratto M5S - Lega vi segnaliamo...

17-05-2018
Cultura e Turismo: due punti della bozza Di Maio - Salvini

15-05-2018
Sulla Santa Bibiana di Bernini: intervento di Enzo Borsellino

13-05-2018
Premio Francovich 2018 per il miglior museo/parco archeologico relativo al periodo medievale

04-05-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni" abbiamo pubblicato un contributo di Franco Pedrotti sul depuratore della piana di Pescasseroli: una sconfitta del protezionismo italiano

01-05-2018
Archistorie: rassegna di films sull'architettura dell'Associazione Silvia Dell'Orso

30-04-2018
Nella sezione "Interventi e recensioni", abbiamo pubblicato un contributo di Vittorio Emiliani: Appena 11 giardinieri per Villa Borghese. Ma l'erba "privata" non è meglio

26-04-2018
Roma. Il nuovo prato di piazza di Spagna non regge, il concorso ippico migra al Galoppatoio

Archivio news