LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Caravaggio resti dove èIl Pio Monte resista
Vincenzo Trione
Corriere del Mezzogiorno - Campania 21/2/2019

Pro o contro il trasferimento delle Sette opere di misericordia dal Pio Monte per la mostra a Capodimonte? Lo dico subito: sono contro. Il mio essere contro nasce, innanzitutto, da unesperienza personale. di Vincenzo Trione

Pro o contro il trasferimento delle Sette opere di misericordia dal Pio Monte per la mostra a Capodimonte? Lo dico subito: sono contro. Il mio essere contro nasce, innanzitutto, da unesperienza personale.

2010. Milano, Palazzo Reale. In collaborazione con la Fondazione Salvador Dalí di Figueras, stavo lavorando a una mostra dedicata al rapporto tra il controverso pittore surrealista e il paesaggio. Nel percorso critico che avevo disegnato, avevo scelto alcune opere poco viste insieme con quadri più celebri e iconici. Tra gli altri, avrei voluto esporre il Cristo di San Juan de la Cruz. Forse, molti lo ricorderanno: sullo sfondo, la spiaggia di Port Lligat; in primo piano, una crocifissione vista non dal basso ma dallalto, presentando la nuca e le spalle di Gesù inchiodato alla croce e quasi proiettato verso terra. Quellolio su tela non era mai uscito dal Kelvingrove Art Gallery and Museum di Glasgow. Anche in occasione di una delle più grandi antologiche daliniane tenutasi al Palazzo Grassi di Venezia nel 2004 non era stata fatta nessuna deroga. Una scelta che, in quel momento, mi era apparsa troppo rigida. Perciò avevo chiesto a diverse autorevoli figure istituzionali di aiutarmi per portare quel dipinto a Milano. La risposta del Direttore del museo scozzese fu netta: chi vuole vedere il Giovanni della Croce di Dalí deve venire in Scozia. Un po come chi vuole vedere La dama dellermellino di Leonardo è costretto ad andare al Museo di Cracovia.

A distanza di anni, posso dire di condividere posizioni radicali come quelle del Kelvingrove di Glasgow; e giudico in modo severo quelle istituzioni pubbliche e private (musei, fondazioni) che tendono a prestare con troppa leggerezza momenti significativi del proprio patrimonio (spesso, in cambio di cifre molto elevate).

La recente vicenda caravaggesca, dunque. Quando ho letto della prossima mostra su Caravaggio al Museo di Capodimonte, mi sono posto subito alcune domande. Perché ancora unesposizione su Caravaggio? Davvero se ne avvertiva il bisogno? Quali conoscenze ulteriori apporterà rispetto ad altre importanti mostre sullo stesso pittore (come quella curata da Nicola Spinosa sempre a Capodimonte nel 2004 o come quella curata da Carlo Strinati alle Scuderie del Quirinale di Roma nel 2010 o anche come quella curata da Rossella Vodret al Palazzo Reale di Milano nel 2018)? Poi, ho letto del trasferimento delle Sette opere della misericordia dal Pio Monte della Misericordia. Perché? Qual è il senso di questo prestito?

Qui non si tratta di appellarsi a cavilli giuridici o a legati testamentari seicenteschi (come qualcuno ha fatto su queste colonne). Occorrerebbe, invece, solo buon senso. Innanzitutto, unistituzione seria come il Museo di Capodimonte non dovrebbe neanche avanzare la richiesta di unopera custodita in un luogo pubblico come è la Chiesa del Pio Monte della Misericordia. Che, a sua volta, avrebbe il dovere di resistere a certe tentazioni.

Inoltre, bisognerebbe sempre cercare di evitare continui espianti delle opere darte, che sono come corpi fragili, da non sottoporre a stress né a rischi: perché ogni viaggio più o meno lungo espone quei corpi a possibili pericoli conservativi. Solo in rari casi i quadri dovrebbero uscire dalle case in cui sono conservati: quando quelle trasferte sono legate a occasioni uniche (non mostre-spettacolo ma mostre esito di lunghi studi); e possono favorire un aumento di senso o una crescita di conoscenza. Infine si sa mostre come quella promossa da Capodimonte sono anche eventi popolari, rivolti a un pubblico ampio. Molta parte di quel pubblico, probabilmente, è andata al Louvre o alla National Gallery di Londra, ma non ha mai visto i tanti capolavori nascosti nelle chiese del centro storico della nostra città. Mostre come quella che sta per inaugurarsi potrebbero essere unoccasione straordinaria per spingere tanti visitatori ad andare a cercare tracce di Caravaggio e dei caravaggeschi in giro per Napoli. Solo in questo modo quei visitatori potrebbero capire che Caravaggio non solo è vissuto qui, ma come pochi altri è riuscito a sentire le inquietudini e le ansie di questa metropoli involontaria. Che, poi, ha evocato proprio nelle Sette opere della misericordia , unopera disperatamente popolare (come sottolineò Roberto Longhi).

Coloro che si erano recati a vedere la grande mostra romana del 2010 erano stati invitati a vivere unesperienza simile: a compiere una sorta di caccia al tesoro delle opere di Caravaggio nascoste nelle chiese del centro storico della Capitale.

Per concludere, un piccolo appello: vorrei proporre un embargo (provvisorio) delle mostre su Caravaggio. Almeno per qualche anno. Ma so che il mio modesto appello è destinato a restare inascoltato.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news