LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. «Sì allo spostamento delle Sette Opere». Social divisi sul prestito a Capodimonte
Gimmo Cuomo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 20/2/2019

La polemica infuria anche sul web. C’è chi grida allo scandalo e chi parla di «movimento di idee»

NAPOLI. Il dibattito sul trasferimento temporaneo delle Sette Opere di Misericordia del Caravaggio dalla cappella del Pio Monte in via dei Tribunali al Museo di Capodimonte per una mostra dedicata all’artista lombardo, in programma da aprile a luglio, si sviluppa parallelamente anche sui social network.

Più informale e diretto il linguaggio, che ben evidenzia la passione che gli intellettuali napoletani stanno profondendo nella vexata quaestio : è meglio lasciare in situ la grande tela, finita dal Merisi nel gennaio del 1607 o acconsentire alla trasferta in collina per consentire la visione d’insieme di numerose opere del genio? A dare il là al dibattito l’intervento dell’ex soprintendente Nicola Spinosa sul Corriere del Mezzogiorno di domenica scorsa. Su Facebook, invece, è stata Mariella Pandolfi, laurea in Filosofia a Napoli attualmente in cattedra (di Antropologia) all’Università di Montreal, autrice del contributo che potete leggere in pagina. Ecco il succo del suo ragionamento favorevole allo spostamento a Capodimonte delle Opere. «...l’eterna querelle fra il vecchio e il nuovo in una città pietrificata. Basta. I quadri viaggiano, si muovono nel mondo globalizzato. E invece a Napoli ancora firme su firme contro un breve naturale viaggio per una mostra importante, internazionale e nella stessa città». Naturalmente, c’è chi non è d’accordo e lo dice senza mezzi termini, come Fabio Pignatelli che replica: «Non capisco perché tutta questa foga, chi vuole può andare ai Tribunali a vedere le Sette Opere» . Ironica la Pandolfi. «Carina la parola foga da minuetto... un due tre...». Tra i firmatari della petizione promossa da Italia Nostra Napoli destinata al ministro per i Beni culturali Alberto Bonisoli per chiedergli di impedire il trasferimento del dipinto, c’è anche la presidente di Napoli 99 Mirella Barracco che, coerentemente, dà ragione a Pignatelli. Ma contro la petizione si scaglia Gianpaolo Leonetti che plaude all’iniziativa di Pandolfi. «Brava Mariella, In questa levata di scudi dei talebani del no la verità non ha cittadinanza. Povera Napoli con questi intellettuali». Tra le voci favorevoli alla trasferta a Capodimonte c’è anche quella dell’artista Marisa Albanese. Che in un post sottolinea: «Non si possono alzare muri anche per la cultura. Qualsiasi confine per me è assolutamente da eliminare. Oggi è possibile spostare capolavori inestimabili con mezzi sicuri, come abbiamo visto fare ovunque. Napoli è una città d’arte e questo è un vanto per noi napoletani. Il movimento delle idee, delle persone e delle opere d’arte ci garantisce la vita, il desiderio e i sogni».

Tra gli argomenti portati avanti dai contrari al viaggio della tela, quello riguardante la fusione tra l’opera stessa e la sua storica location. Ma ancora Leonetti interviene per confutare tale tesi. «Per inciso, scrive, l’attuale chiesa risale alla fine del Seicento. Il quadro è stato concepito per la chiesa del 1604 che poi fu sostituta dal capolavoro di Picchiatti in cui furono sistemati sei dei quadri originali con la Deposizione di Luca Giordano al posto di quella del Baglioni. Caravaggio non ha dipinto per la attuale chiesa». Tante teste, tante sentenze. L’architetto Bernardino Stangherlin si schiera per far rimanere in sede la tela. «Non credo che sia un grosso problema se l’opera si vede al Pio Monte, anzi può essere interessante questo rimando tra il Museo e il luogo di elezione dell’opera». E alla proposta di una «consultazione preventiva» dice no la psicologa Gabriella Ferrari Bravo. Che aggiunge: «Sono in totale disaccordo con i firmatari».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news