LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caravaggio e il Pio Monte. Il dipinto conteso e lantica sindrome di una città ormai pietrificata
Mariella Pandolfi
Corriere del Mezzogiorno - Campania 20/2/2019

Alcuni anni fa scrissi sempre sulle pagine del Corriere del Mezzogiorno un articolo che si intitolava Peccato che Napoli non è Tirana. Provocatorio di certo per raccontare il rapporto fra immobilismo napoletano e energie giovani e positive della nuova Albania. Ci riflettevo ieri, pensando di essere stata forse troppo critica sulla mia città, mentre la televisione mandava in onda le immagini dellassalto al palazzo del governo a Tirana e il primo ministro Edi Rama concedeva unintervista lucida e inquietante al Corriera della Sera . Ero, dunque, pronta ad un mea culpa incondizionato.

Ma poi si è abbattuto su Napoli un uragano dacqua stile Bill Viola: polemiche, scritti, raccolte di firme autorevoli e autoritarie contro lopportunità di spostare di un chilometro un quadro di Caravaggio dal Pio Monte della misericordia al museo di Capodimonte per una mostra prevista nellaprile 2019. Molte opere da musei europei sono già in arrivo a Napoli e una esigua parte della città cerca di impedirne la temporale migrazione. Vivacità democratica? Voglia di democrazia partecipativa di élite da sempre vigili a bloccare piuttosto che a dare mettendosi al servizio della città? Oppure antica sindrome di una città pietrificata con piccoli corti autoctone e in via di estinzione che si mobilitano solo per bloccare usando tutti gli strumenti possibili evocando un familismo amorale?

Linteresse per la città si trasforma in interesse tecnico-burocratico, diventa linguaggio apparentemente sapiente che non conosce mediazioni contemporanee e sociologiche su una diversa e condivisa visione di bene comune. Basterebbe riflettere su una visione forse troppo semplice di pubblico che mi è trasmessa dalla democrazia stile canadese, Paese dove vivo la maggior parte dellanno; si impara, si assorbe il linguaggio di un artista con un confronto ravvicinato, con la possibilità di usufruire in un sol luogo delle sue opere. Le mostre nel mondo contemporaneo mandano un messaggio chiaro dal punto di vista sociologico: a New York o a Parigi, a Berlino o a Madrid si produce una pedagogia capace di far sedimentare nellimmaginario individuale contemporaneo esperienze forti. La mia riflessione, se pur parte dal dibattito innescato in questi giorni dallevento-mostra del Caravaggio in aprile, è più ampia sociologicamente e va ben oltre il tentativo di bloccare la migrazione temporanea di unopera verso la sede naturale espositiva del museo di Capodimonte.

Cerco di interrogarmi sulla sindrome di una città che definisco pietrificata e che altri in un libro importante hanno identificato come città psicotica. Preferisco la mia definizione poiché nellambito della follia si nasconde sempre una ricerca di libertà che non mi sembra appartenere a questa polemica. Troppo nobile e dolorosa la psicosi: una parte imponente della società, trasversale socialmente, non ama rischiare, preferisce essiccare i rami fertili che appena appaiono vengono identificati come potenziali pericolosi negoziatori di poteri predeterminati. Oppure consuma le sue forze per ingannare e aggirare leggi come la moltiplicazioni dei cambi di residenza delle ultime settimane per poter accedere al reddito di cittadinanza. O ancora la barbarie di scagliare la rabbia e il dolore per una perdita umana, su beni pubblici come vendetta di un presunta gestione di malasanità.

Quel portone di Palazzo Serra di Cassano è un monito spesso dimenticato da tutte le enclavi sociali che agiscono sul territorio. Questa mia critica trasversale comprendo che possa creare indignazione: firme autorevoli e violenza distruttiva nellospedale messe sullo stesso livello. Allora suggerisco una rilettura attenta della città porosa di Walter Benjamin o del perturbante di Sigmund Freud per aiutarci a penetrare, con una riflessione più radicale, sulla città pietrificata. È evidente che non dimentico le numerose eccellenze , né le parti della società impegnate nel quotidiano e senza sindrome da attivismo in emergenza: la sinergia e collaborazione fra i vari musei di Napoli è un esempio preciso per sottolineare che rigore e vitalità esistono e resistono.

Ma il gioco del fare e disfare, la paura del poter innovare e ancora la mancanza di solidarietà verso chi fa nuove e audaci proposte o la mancanza di coraggio e eleganza nel dar spazio ad altri protagonisti nella città producono una perenne ambiguità e diffidenza: limmobilismo è il risultato di questa sterile resistenza ad osare.




news

25-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news