LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caravaggio e il Pio Monte. Non ho firmato alcun appello. Ma preferirei che la tela rimanesse lì
Tomaso Montanari
Corriere del Mezzogiorno - Campania 20/2/2019

Caro direttore, ho letto con stupore il mio nome tra i firmatari dell’appello contro il nuovo, paventato spostamento delle Sette Opere di Misericordia di Caravaggio. Questa volta, infatti, non ho risposto alla richiesta di adesione dell’amico Guido Donatone (che, per una volta, ha praticato anche lui il silenzio-assenso imposto alle soprintendenze), per due motivi. Il primo è che sono stato designato dal Consiglio universitario nazionale a far parte del Comitato tecnico scientifico per le Belle arti, che è competente anche sulle richieste di prestiti e i conseguenti spostamenti.
Benché il comitato non sia ancora stato insediato, credo sia fin da ora più corretto che le mie opinioni su simili casi arrivino all’amministrazione non attraverso la stampa. Il secondo è che questa volta la richiesta del Caravaggio non è legata ad iniziative promozionali, ma giunge da un comitato scientifico impegnato in una ricerca di storia dell’arte.

Le mostre non si possono giudicare prima di vederle: non quelle che, almeno sulla carta (per sede e curatori), meritano un’apertura di credito. Quella di spostare le Sette Opere dalla chiesa del Pio Monte è una decisione grave, e carica di rischi. Dovrebbe essere presa molto di rado (una volta ogni mezzo secolo, per dire), e solo per occasioni scientificamente letteralmente straordinarie. Per dire se questa mostra lo sia, bisognerà aspettare che apra. Per questo, oltre a non poter sottoscrivere questo appello (le cui ragioni pure comprendo profondamente, e che comunque mi induce a rinnovare la mia stima per il suo promotore e per gli amici che hanno aderito), ho declinato la proposta di scrivere sulla mostra fin da ora, e quella (giuntami dal direttore di Capodimonte) di scrivere una guida alla Napoli caravaggesca associata alla mostra.

Come ho scritto a Sylvain Bellenger privatamente, non me la sento di affiancare il mio nome ad una esposizione di cui non sono in grado di giudicare necessità, coerenza, tenuta, rigore, efficacia. Credo che chi oggi si assume la responsabilità di spostare i quadri di Caravaggio, e specie le grandi pale d’altare ancora in contesto, abbia il dovere di tenere uno standard di qualità eccezionale. Non ho ragione di dubitare che la mostra lo farà: ma non ho nemmeno ragione di crederlo.

Tuttavia, visto che sono stato indotto a prendere la parola in pubblico sulla questione, mi chiedo se non sarebbe possibile immaginare che la sezione della mostra per la quale i curatori hanno giudicato indispensabile il diretto confronto con la pala, non possa essere allestita nella chiesa stessa del Pio Monte.

Il momentaneo stravolgimento dell’assetto di quest’ultima sarebbe ampiamente ripagato da tre importanti risultati: non strappare il Caravaggio dal suo contesto, e non metterlo a rischio; mantenere il nesso con la Liberazione di Pietro di Battistello, il cui prestito non è stato concesso; portare “in città” il Museo di Capodimonte, riannodando fili ancora slegati, o addirittura inesistenti. Spero che tutti i decisori — direzione di Capodimonte e curatori della mostra, governo del Pio Monte e direzione generale delle Belle arti — possano considerare seriamente questa soluzione .



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news