LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dieci domande sulle Regioni
Dino Martirano
Corriere della Sera 1/3/2019

Il governo continua a trattare con Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna per mettere a punto singole intese Stato-Regioni finalizzate a concedere ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia. Sanità (trattamento di medici e infermieri), infrastrutture (autostrade, ferrovie, porti, aeroporti, reti), istruzione (assunzione dei docenti), beni culturali (musei), politiche per il lavoro (centri per limpiego), costituiscono solo alcune delle funzioni di questa partita.

1 Autonomia differenziata: come funziona?

Trattenendo le risorse finanziarie ora destinate allo Stato, la Regione chiede il trasferimento di funzioni (ambiente, tutela della salute, istruzione, tutela del lavoro, rapporti internazionali e con lUnione europea, tutela beni culturali, etc.) da esercitare direttamente.

2 Come si finanziano i servizi regionali?

Il Veneto, per esempio, chiede che le risorse necessarie a finanziarie le sue nuove funzioni corrispondano ai 9/10 del gettito riscosso nel territorio della regione delle principali imposte erariali (Irpef, Ires e Iva). Tuttavia, ogni Regione ha una differente capacità fiscale per cui le minori entrate per lo Stato dovrebbero poi essere compensate dal fondo perequativo.

3 Cosa stabilisce la Costituzione in materia?

La Costituzione, infatti, prescrive che lo Stato garantisca le prestazioni a tutti i cittadini a prescindere dalla capacità fiscale dei territori.

4 Chi concede lautonomia alle Regioni ordinarie?

Il Parlamento, approvando a maggioranza assoluta un disegno di legge del governo. Il testo che recepisce lintesa Stato-Regione non sarebbe, secondo uninterpretazione della Costituzione, emendabile dalle Camere che dovrebbero solo recepire i contenuti dellaccordo. Invece, unaltra scuola di pensiero sostiene che i ddl del governo sulle intese Stato-Regione sono emendabili perché si chiede al Parlamento di spogliarsi di una potestà legislativa.

5 Quante Regioni hanno chiesto più autonomia?

Alle tre regioni di testa, che nel 2018 hanno sottoscritto accordi preliminari con il governo Gentiloni, si aggiungono 5 consigli regionali: Campania, Liguria, Marche, Piemonte e Umbria che hanno dato mandato ai rispettivi presidenti di attivare un negoziato con il governo. Basilicata, Puglia e Calabria sono alla fase preliminare.

6 Quali materie sarebbero trasferite alle Regioni?

Veneto e Lombardia hanno chiesto più autonomia su 23 materie (tre della quali di esclusiva competenza statale: giustizia di pace, norme generali sullistruzione e tutela dellambiente) mentre lEmilia-Romagna si è limitata a 15. Per la sanità, il Veneto chiede di poter legiferare su personale e acquisti. La Lombardia vuole controllare le concessioni autostradali e le ferrovie regionali; arretrare i beni pubblici dal demanio statale a quello regionale; regionalizzare musei statali (con relativo personale) come la pinacoteca di Brera e il Palazzo ducale di Mantova.

7 Come avviene il trasferimento delle funzioni?

Ogni funzione acquisita dalle Regioni deve però essere ceduta dai ministeri competenti che già stanno facendo resistenza.

8 Cosa sono Lep, Lea e costi storici?

Per quantificare le risorse da trattenere dalle regioni, si considerano alcuni parametri: i costi storici (quanto è costato un determinato servizio); i Livelli essenziali di prestazione (Lep) che riguardano tutti i servizi esclusa la Sanità; i Livelli essenziali di assistenza (Lea) dedicati agli ospedali. Solo dopo aver calcolato Lep e Lea, si potrà giungere a valutare i fabbisogni standard. Cioè i costi del servizio differenziato in ogni regione.

9 Chi decide i fabbisogni standard?

Esiste già una commissione per i fabbisogni standard (Ctfs) composta da tecnici di livello ma senza presidente da 9 mesi. Ora il governo prevede commissioni paritetiche di 18 membri (9 della regione interessata e 9 dal ministero per gli Affari regionali) che procederanno al calcolo dei fabbisogni standard.

10 Le Regioni con poca capacità fiscale?

Per i governatori del Nord le intese Stato-regione sono unopportunità per tutti gli italiani. Però, dal Mezzogiorno si moltiplicano le preoccupazioni di chi teme un federalismo fiscale ostile alle compensazioni tra regioni ricche e povere. È vero infatti che, se il Veneto tratterrà i 9/10 dellIva incassata nel suo territorio, i suoi servizi saranno più efficienti. Ma il gettito rimanente (1/10) sarà sufficiente a soccorrere le Regioni con capacità fiscale limitata?



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news