LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venaria, le mostre e i numeri dei turisti
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 1/3/2019

Laltro ieri alla Reggia di Venaria è andato in scena laddio del direttore Mario Turetta, chiamato a più alti incarichi ministeriali; con gran giubilo della presidente Paola Zini. I due erano in guerra da un anno per cause ancora da accertare e il promoveatur ut amoveatur di Turetta ha risolto la baruffa: sicché Mario & Paola sono ricomparsi insieme in pubblico, dopo mesi da separati in casa, in letizia e gaudio, per raccontare al colto e allinclita bilanci e progetti della Reggia.

Purtroppo, Turetta è incorso in alcune inesattezze o non detti che impongono qualche precisazione.

Turetta ha confermato che nel 2018 sono stati venduti 957.070 biglietti (vi ricordo ancora una volta che il dato della Venaria si basa sui biglietti staccati, non sulle persone fisiche dei visitatori: ogni singolo visitatore infatti stacca anche più di un biglietto a seconda delle mostre che intende vedere; secondo stime attendibili un milione di biglietti corrisponderebbe a circa 400 mila visitatori fisici entrati nellarea della Reggia).

Il direttore uscente ha anche riconosciuto con franchezza che i biglietti del 2018 sono meno di quelli venduti nel 2017, quando ne staccarono 1.039.657, record assoluto.

Ha però spiegato la pesante flessione con la rinuncia, questanno, al Villaggio di Babbo Natale che, sostiene Turetta, nel 2017 attirò alla Reggia almeno 100 mila persone. Una rinuncia causata da problemi burocratici che si spera siano in futuro superati, ha aggiunto Turetta rivolgendosi con sguardo fidente allassessore alla Cultura del Comune di Venaria, Antonella DAfflitto. Costei ha annuito compunta e partecipe del dispiacere turettiano. Stravagante siparietto, se si considera che i problemi burocratici in questione furono sollevati e propugnati giustappunto dallamministrazione comunale della quale la DAfflitto è autorevole esponente. Ad ogni modo: così lha raccontata Turetta. A me spiace puntualizzare, perché Turetta mi sta simpatico e lo stimo, ma con i numeri non si scherza. E i numeri dicono che i 957.070 biglietti del 2018 sono meno non soltanto del milione e rotti del 2017, ma anche dei 984.899 nel 2016: e bisogna ricordare che, se nel 2018 è mancato il Villaggio di Babbo Natale, nel 2017 la Reggia aveva scontato due settimane extra di chiusura per ospitare il G7.

In pratica, la Reggia di Venaria nel 2018 è ripiombata indietro di sette anni: nel 2011, infatti, toccò un suo primo record storico vendendo 951.617 biglietti.

Quindi: lanno passato la Reggia (senza il Villaggio di Babbo Natale) ha perso 82.587 biglietti rispetto al 2017 (quando ci fu il Villaggio ma ci furono anche le due settimane di chiusura extra); e ha fatto pure peggio del 2016, con ben 27.829 biglietti in meno rispetto a due anni fa (quando comunque il Villaggio di Babbo Natale non cera).

Linversione di tendenza è confermata dallandamento delle mostre: la più visitata nel 2018 è quella del fotografo Salgado, con 92.139 biglietti; al secondo posto si piazza Restituzioni-La fragilità della bellezza con 72.184 presenze; al terzo Easy Rider, che al 31 dicembre aveva totalizzato 68.483 visitatori, però prosegue e può ancora arrivare in alto.

Il confronto con lanno precedente è tristanzuolo: ai primi tre posti nel 2017 troviamo infatti Caravaggio Experience con 135.203 ingressi in 257 giorni dapertura; la mostra di Giovanni Boldini con 101.798 biglietti in sei mesi; e Lady Diana. Uno spirito libero che in 180 giorni ha richiamato 85.134 visitatori. Nel 2016 alla Venaria la mostra più vista fu quella di Steve McCurry (170 mila biglietti) seguita da Le meraviglie degli zar con più di 106 mila paganti.

Insomma: nellarco degli ultimi tre anni le mostre top della Venaria hanno avuto sempre meno visitatori.

Ora, Babbo Natale o non Babbo Natale, i numeri mi dicono che alla Venaria qualcosa va storto. Forse le mostre funzionano meno che in passato; forse si è esaurita la spinta propulsiva; potrebbe anche darsi che, semplicemente, a Torino arrivino meno turisti. Ma se lo scrivo, poi i barbapapà del Comune si dispiacciono e sindignano e tirano fuori i dati della questura per dimostrarmi che non capisco niente e che a Torino non ci sono mai stati così tanti turisti.

Propongo quindi uninedita spiegazione: a Torino i turisti non fanno che aumentare, però vanno tutti al Museo della Juve. Ricordate quando eravamo riconosciuti nel mondo come la città della Juventus e della Fiat? Peccato che adesso ci manchi la Fiat: sennò, il ritorno agli Anni Settanta sarebbe perfetto.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news