LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Ventitrè milioni in tre anni dal ticket
Francesco Bottazzo
Corriere del Veneto 1/3/2019

Venezia, i soldi in più nelle casse del Comune usati per ridurre la tassa sui rifiuti

VENEZIA. Tre milioni per il 2019, dieci per i successivi due anni. E’ la prova che Ca’ Farsetti dal contributo di accesso non si aspetta i denari per fare cassa, tanto meno per avviare quei lavori di manutenzione rimasti fermi per anni. Questa volta è stato messo nero su bianco, nella delibera di variazione di bilancio e in quella del bilancio triennale approvate ieri dalla giunta. «Sette milioni li metteremo per abbassare la Tari a famiglie e imprese», dice l’assessore Zuin.

VENEZIA. Questa volta è stato messo nero su bianco, nella delibera di variazione di bilancio e in quella del bilancio triennale: tre milioni per il 2019, dieci per i successivi due anni. E’ la prova che Ca’ Farsetti dal contributo di accesso non si aspetta i denari per fare cassa, tanto meno per avviare quei lavori di manutenzione rimasti fermi per anni. Anzi, gli incassi del ticket serviranno per ridurre le tasse sui veneziani. Detto fatto, perché ad esempio sette dei dieci milioni previsti a regime serviranno per ridurre le bollette dei rifiuti (Tari) di cittadini e imprese. «Il sindaco è stato chiaro — spiega l’assessore al Bilancio Michele Zuin — gli introiti del contributo potranno essere impiegati per la salvaguardia della città, per aumentare la sicurezza e per tagliare i costi a famiglie e aziende veneziane. E così faremo, dopo aver già dato un primo segnale quest’anno con un taglio delle bollette. Abbiamo fatto delle stime, e molto dipenderà se verranno confermate, ma vogliamo continuare in questa direzione anche nei prossimi anni: la Tari è la tassa che pagano tutti e che incide sul bilancio famigliare». Grazie alla tassa di soggiorno (4 milioni) ad esempio la riduzione media nel 2019 sarà del 2,7 per cento, anche se per le famiglie sono state introdotte ulteriori «sconti».

La delibera di assestamento è stata approvata ieri dalla giunta (adesso dovrà avere l’ok del consiglio comunale) dà già delle indicazioni su quello che sarà il ticket di accesso, perché se nemmeno a regime (con i quattro bollini da tre a dieci euro) Ca’ Farsetti stima di incassare più di dieci milioni, allora davvero il contributo serve soprattutto a gestire meglio i flussi e a limitare gli arrivi nei giorni più «caldi» dell’anno.

Del resto il sindaco Luigi Brugnaro lo ha ripetuto anche ieri: «Vogliamo fare qualcosa per difendere il centro storico. I soldi non saranno tanti, ma l’effetto culturale nel mondo sì». Proprio in questi giorni ad esempio il New York Times ha dedicato un articolo al biglietto d’ingresso «per sostenere la manutenzione del tanto visitato Patrimonio dell’umanità», descrivendo con curiosità e approvazione il provvedimento. Per ora l’unico dato certo è quello dei crocieristi (un milione e settecentomila l’ultimo anno), per gli altri vettori i problemi non mancano: da chi arriva in treno a chi utilizza i lancioni granturismo fino ai turisti «mordi e fuggi» che giungono a Venezia in autobus con Actv (lasciando l’auto a Mestre) o Atvo che ogni anno trasporta in centro storico dalle località balneari circa tre milioni di visitatori. Un capitolo a parte meritano le auto che saranno soggette alla zona a traffico limitato (già prevista nel Piano della Mobilità) che dovrà essere autorizzata (con tanto di omologazione delle telecamere) dal ministero delle Infrastrutture. Un provvedimento inevitabile per non rischiare di avere un aumento di traffico sul ponte della Libertà per evitare di pagare il ticket.

La differenza tra i primi sei mesi di sperimentazione (da fine maggio a dicembre) e il contributo a regime sta tutta nelle tariffe modulate a seconda della stagionalità fino a dieci euro e all’introduzione della ztl anche per le auto. Intanto Ca’ Farsetti aspetta di definire le modalità tecniche e operative con l’aiuto di Venis, per far partire i sessanta giorni previsti dalla legge prima di poter introdurre il contributo. «Tutto sarà modificabile e migliorabile, da qualche parte dovevamo partire, più che al ticket puntiamo al messaggio culturale al mondo. Venezia è una città viva». Dei dieci milioni previsti dal 2020 in poi, oltre ai sette per la riduzione della Tari, uno e mezzo è previsto per la manutenzione della città, altrettanto per la gestione del sistema.



news

22-07-2021
Corte costituzionale: sentenza su beni paesaggistici

20-07-2021
Piano strategico grandi progetti beni culturali: raccomandazioni sul decreto per la rimodulazione 2020

18-07-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 Luglio 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

Archivio news