LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pedana di legno sugli scogliI giudici: sì alla demolizione. Marechiaro zona vincolata
Angelo Agrippa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 2/3/2019

NAPOLI. Una sentenza che farà discutere. Giacché affronta un tema comune agli stabilimenti balneari che affollano il tratto di mare che va da Mergellina a Posillipo. Ed è quella pronunciata dalla quarta sezione del Tribunale amministrativo regionale della Campania (Presidente, Anna Pappalardo; Consigliere, Ida Raiola; Consigliere estensore, Luca Cestaro) con la quale è stato respinto il ricorso proposto dai proprietari di un noto stabilimento di Marechiaro contro il Comune di Napoli per lannullamento, previa sospensione della efficacia, della ordinanza di demolizione di una pedana di legno, sorretta da tubolari in ferro, realizzata su una scogliera posta a mare innanzi alla sua proprietà con accesso dalla via Marechiaro, 90, nello specchio dacqua posto a fronte del complesso Villa Imperiale. Più in particolare si tratta di una pedana di circa 350 metri quadrati realizzata con tubolari in ferro in zona sottoposta a vincolo paesistico.

In particolare, il ricorrente ha addotto, tra i motivi a sostegno della propria richiesta di annullamento della ordinanza comunale, lomessa comunicazione di avvio del procedimento; lillegittima mancata considerazione della precarietà della struttura che, in quanto tale, è stata autorizzata dallo stesso Comune di Napoli per lesercizio della attività balneare, sebbene il Comune di Napoli insista, invece, affermando lirrilevanza delle autorizzazioni concesse per altri fini (commerciali) rispetto alla legittimità edilizia e paesistica dellopera.

Insomma, secondo quanto ha rilevato il giudice amministrativo resta controverso il regime edilizio e urbanistico dellopera, anche perché, per il passato, lufficio edilizia privata del Comune ha in qualche modo asserito che lintervento non necessitava di alcun titolo edilizio e il titolare dello stabilimento ha ottenuto la concessione demaniale per larea interessata e la licenza commerciale per lesercizio dello stabilimento balneare che contempla anche la pedana in questione. Ma allora, per quale motivo si respinge il ricorso avverso lordinanza di rimozione? Vi sono alcune pesanti inadempienze, secondo il tribunale, che hanno finito per invalidare le autorizzazioni: Trattandosi di zona sottoposta a vincolo paesistico, sarebbe occorso acquisire la prova della autorizzazione paesaggistica alla installazione del manufatto scrive il giudice , prova che manca. Dunque, in mancanza della prova della esistenza della autorizzazione paesaggistica non vè dubbio aggiunge che lopera debba essere qualificata come abusiva, senza che le autorizzazioni ottenute ad altri fini o, a maggior ragione, una errata valutazione operata incidenter tantum nel corso di un sopralluogo, possano condurre a mutare tale conclusione. Non solo, per il Tar Campania non può dubitarsi che le opere in questione, determinando una considerevole alterazione dello stato dei luoghi, e, conseguentemente, una potenziale lesione dei valori paesaggistici, siano bisognevoli della autorizzazione paesaggistica (...) il che induce ulteriormente a confermare la piena, e anzi, doverosa applicabilità del regime sanzionatorio.... Ovviamente anche sulle motivazioni addotte a favore del ricorso, il giudice amministrativo tiene a precisare che non vè alcun bisogno di una comunicazione di avvio del procedimento di demolizione trattandosi di una misura sanzionatoria per laccertamento della inosservanza di disposizioni urbanistiche che si ricollega allabuso di cui peraltro linteressato non può non esserne a conoscenza, rientrando direttamente nella sua sfera di controllo. E anche per la cosiddetta precarietà dellopera il Tar precisa che da un lato, essa non sembra avere tale caratteristica e, dallaltro, ciò non rileva per essere il manufatto edificato in zona sottoposta a vincolo paesistico.




news

31-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 31 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news