LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pedana di legno sugli scogliI giudici: sì alla demolizione. Marechiaro zona vincolata
Angelo Agrippa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 2/3/2019

NAPOLI. Una sentenza che farà discutere. Giacché affronta un tema comune agli stabilimenti balneari che affollano il tratto di mare che va da Mergellina a Posillipo. Ed è quella pronunciata dalla quarta sezione del Tribunale amministrativo regionale della Campania (Presidente, Anna Pappalardo; Consigliere, Ida Raiola; Consigliere estensore, Luca Cestaro) con la quale è stato respinto il ricorso proposto dai proprietari di un noto stabilimento di Marechiaro contro il Comune di Napoli per lannullamento, previa sospensione della efficacia, della ordinanza di demolizione di una pedana di legno, sorretta da tubolari in ferro, realizzata su una scogliera posta a mare innanzi alla sua proprietà con accesso dalla via Marechiaro, 90, nello specchio dacqua posto a fronte del complesso Villa Imperiale. Più in particolare si tratta di una pedana di circa 350 metri quadrati realizzata con tubolari in ferro in zona sottoposta a vincolo paesistico.

In particolare, il ricorrente ha addotto, tra i motivi a sostegno della propria richiesta di annullamento della ordinanza comunale, lomessa comunicazione di avvio del procedimento; lillegittima mancata considerazione della precarietà della struttura che, in quanto tale, è stata autorizzata dallo stesso Comune di Napoli per lesercizio della attività balneare, sebbene il Comune di Napoli insista, invece, affermando lirrilevanza delle autorizzazioni concesse per altri fini (commerciali) rispetto alla legittimità edilizia e paesistica dellopera.

Insomma, secondo quanto ha rilevato il giudice amministrativo resta controverso il regime edilizio e urbanistico dellopera, anche perché, per il passato, lufficio edilizia privata del Comune ha in qualche modo asserito che lintervento non necessitava di alcun titolo edilizio e il titolare dello stabilimento ha ottenuto la concessione demaniale per larea interessata e la licenza commerciale per lesercizio dello stabilimento balneare che contempla anche la pedana in questione. Ma allora, per quale motivo si respinge il ricorso avverso lordinanza di rimozione? Vi sono alcune pesanti inadempienze, secondo il tribunale, che hanno finito per invalidare le autorizzazioni: Trattandosi di zona sottoposta a vincolo paesistico, sarebbe occorso acquisire la prova della autorizzazione paesaggistica alla installazione del manufatto scrive il giudice , prova che manca. Dunque, in mancanza della prova della esistenza della autorizzazione paesaggistica non vè dubbio aggiunge che lopera debba essere qualificata come abusiva, senza che le autorizzazioni ottenute ad altri fini o, a maggior ragione, una errata valutazione operata incidenter tantum nel corso di un sopralluogo, possano condurre a mutare tale conclusione. Non solo, per il Tar Campania non può dubitarsi che le opere in questione, determinando una considerevole alterazione dello stato dei luoghi, e, conseguentemente, una potenziale lesione dei valori paesaggistici, siano bisognevoli della autorizzazione paesaggistica (...) il che induce ulteriormente a confermare la piena, e anzi, doverosa applicabilità del regime sanzionatorio.... Ovviamente anche sulle motivazioni addotte a favore del ricorso, il giudice amministrativo tiene a precisare che non vè alcun bisogno di una comunicazione di avvio del procedimento di demolizione trattandosi di una misura sanzionatoria per laccertamento della inosservanza di disposizioni urbanistiche che si ricollega allabuso di cui peraltro linteressato non può non esserne a conoscenza, rientrando direttamente nella sua sfera di controllo. E anche per la cosiddetta precarietà dellopera il Tar precisa che da un lato, essa non sembra avere tale caratteristica e, dallaltro, ciò non rileva per essere il manufatto edificato in zona sottoposta a vincolo paesistico.




news

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

25-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 agosto 2019

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

Archivio news