LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Giuliano Volpe: "Il no al quadro di Caravaggio, un danno a Napoli e alla cultura
CONCHITA SANNINO
Repubblica- Napoli, 09/3/2019

L'ex presidente del Consiglio superiore del Mibac: "In azione oligarchie nefaste di piccoli Torquemada, Famiglietti braccio armato del no, killeraggio verso il direttore di Capodimonte Bellenger"


Dovrei dire che sono senza parole, per il blocco che la burocrazia ministeriale del Mibac ha decreato contro il trasferimento del dipinto Sette Opere di Misericordia del Caravaggio: dal Pio Monte al museo di Capodimonte. Ma, purtroppo, tre paroline le ho: piccole oligarchie nefaste.
È netto Giuliano Volpe, docente universitario e già presidente della Sami, la società italiana degli archeologi medievisti. Di battaglie analoghe ne ha fatte, dice, anche da presidente del Consiglio superiore del ministero per i Beni culturali - ruolo in cui è rimasto fino al 2018, voluto dallallora ministro Franceschini . Allora come oggi - sottolinea - una delle sfide è combattere i signorotti del no.

Professor Volpe, perché la sorprende tanto il divieto imposto dalla direzione generale del ministero, contro il temporaneo prestito dellopera?
Intanto, perché quel trasferimento non poteva comportare alcun rischio di danneggiamento o di mancata tutela per lopera, come evidentemente avevano già accertato sia la Soprintendenza, prima di esprimere il suo responsabile parere, sia i vertici del Pio Monte, che si può immaginare quanto abbiano a cuore la conservazione di quel capolavoro. E poi sono sconcertato perché tale scelta si traduce in un danno enorme per la mostra, e per città di Napoli. Infine, a firmare un tale divieto è un direttore che purtroppo conta precedenti, per così dire, specifici.

Si riferisce al direttore generale Famiglietti? Ma non è il suo lavoro?
Diciamo che si tratta di un braccio armato della visione dei no. Prima le griglie ostacolate in piazza Plebiscito, addirittura contro una sentenza del Tar, e ora il Caravaggio: sempre a Napoli. A Foggia ha bloccato un grande parco archeologico urbano già approvato dalla soprintendente; a Ferrara, ha fatto lo stesso con Palazzo Diamanti; a Milano ha imposto alla soprintendente il vincolo di un intero quartiere. E non parliamo dei lavori bloccati a Castel del Monte, patrimonio Unesco, ad Andria.

Il ministro Bonisoli ha rintuzzato il sindaco parlando di parere tecnico. Si riferiva a quel direttore?
Qui è il bello. In realtà quel direttore è un avvocato. Quindi, le competenze specifiche tanto auspicate, in questo caso, sono soppiantate. I tecnici, cioè la Soprintendenza, aveva detto sì. Lavvocato ha detto: vade retro.

Ed esiste un comun denominatore, una linea o una legge che giustifichino i no?
Dal mio punto di vista, esiste una visione chiusa, e retriva della gestione del patrimonio artistico e culturale. Non dovrei dirlo ma, ciò che è avvenuto a Napoli con questa vicenda, fa assomigliare certi presunti paladini della purezza, che poi magari non sono insensibili alle sirene del mercato a quelle di una bella nomina, a dei Torquemada.

Vede metodi da Inquisizione, insomma.
Sì, ma piccoli Torquemada, beninteso. È lavventura umana di chi, dicendo qui non si passa, ostacolando un processo, crede di poter contare di più, o di accreditarsi di più, o spera magari eternamente di diventare qualcosa di più, di agguantare qualche ruolo istituzionale magari a lungo corteggiato. Sono medievista e non dovrei dirlo ma qui siamo di fronte a condotte che ci fanno precipitare in secoli bui. Ed io penso ci sia un disegno.

Con quale obiettivo?
Lobiettivo è screditare il sistema culturale Italia. E non capisco, lo dico con sincero rammarico, come questo atteggiamento di piccole lobby possa non turbare un ministro come Alberto Bonisoli: che invece viene anche da unesperienza aperta e vitale, di economia della cultura, da unAccademia di belle arti privata dal mondo di moda e design che dovrebbe avere anche una visione più dinamica. In fondo il mondo dei 5 Stelle si è sempre presentato come interprete della cittadinanza attiva, dellapertura il più democratica possibile. E ora, si fa esecutore di questa visione salottiera e ripiegata? Se si vanno a guardare gli ultimi concorsi ci si accorge che gli stranieri sono sempre meno....

Non sorprende, però. In Italia alcuni intellettuali, veri o presunti, gridarono allo scandalo dopo la nomina dei cosiddetti stranieri. Era un sovranismo che precedeva Salvini.
Certo, era già assurdo come atteggiamento. Ma adesso , appunto, sono gli stranieri che ci considerano meno affidabili. La verità è che certi atteggiamenti ci isolano. Anche culturalmente.

E ora cè, addirittura, chi si spinge a chiedere al ministro Bonisoli di non confermare i direttori in scadenza. Per unipotesi di leso Caravaggio o solo per lesa maestà?
Seguo ogni giorno da tempo le attività portate avanti a Napoli da direttori come Bellenger, a Capodimonte e Giulierini al Mann. Stanno facendo un lavoro eccellente, nonostante difficoltà e ostacoli. Quindi ci sarebbe da ridere di tali richieste, da prenderli come vaneggiamenti. In realtà si tratta di un vero killeraggio: svolto con cura, premeditato, e portato avanti con alleanze di vari organi.

https://napoli.repubblica.it/cronaca/2019/03/09/news/giuliano_volpe_il_no_a_caravaggio_gesto_da_piccoli_torquemada_-221067102/?refresh_ce


news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news