LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vercelli. Lex chiesa di San Marco svela nuovi tesori
Massimiliano Muraro
TG Vercelli, 09/03/2019

Lex chiesa di San Marco non finisce di stupire. Ledificio, che dopo essere stato chiuso al culto nel 1799 è stato adibito agli usi più svariati, passando in due secoli da cavallerizza a mercato coperto, ha svelato nuovi affreschi che si vanno a unire a quelli già riportati alla luce durante la campagna di restauri avviata nel 2008.

Merito del Comune di Vercelli, della Fondazione CittàItalia che ha finanziato i lavori, della Soprintendenza e naturalmente del Centro Restauro di Venaria Reale, i cui tecnici hanno dovuto sudare le proverbiali sette camicie per rendere di nuovo fruibili i dipinti murali. Questo perché i continui cambiamenti di destinazione duso della chiesa hanno fatto sì che lintonaco originale subisse dei deterioramenti molto spesso irreversibili.

Chi frequentava il mercato coperto (il serraglio per i vercellesi) mai avrebbe immaginato che sotto quel color crema omogeneo, utilizzato per tinteggiare tutte le pareti, comprese le volte, potessero nascondersi simili capolavori. Dando una rapida occhiata alla storia del complesso non cè da stupirsi, poiché esso era gestito dallOrdine Eremitano di SantAgostino, uno tra i più influenti fin dal XIII secolo, il periodo in cui fu costruito il primo nucleo che ben presto andò incontro a una florida espansione.

Il cantiere nellex chiesa di San Marco è iniziato nel 2008, con una prima fase conoscitiva e di documentazione diagnostica. Il paziente e puntuale restauro ha scoperto dapprima lAlbero di Jesse, allegoria che illustra la discendenza di Maria, sulla parete alla destra dellentrata, e subito dopo la volta dipinta con le storie della Vergine. La datazione riguarda gli ultimi ventanni del XV secolo ed è tuttora materia di discussione per gli storici dellarte.

Nel 2017 i lavori si sono spostati sul fondo delledificio, nellottava campata nord. In particolare sulla parete della navata di sinistra è apparso un SantAntonio Abate del 1400, la cui singolare iconografia rimanda alla Madonna della Misericordia, cioè la grande figura che apre il suo mantello e protegge i fedeli, inginocchiati al suo cospetto (si ricordi quella celeberrima di Piero della Francesca). Il SantAntonio proteggeva la cappella a lui dedicata, poi murata, dove era posta una pala di Gaudenzio Ferrari del 1530, purtroppo andata perduta.

La parete è delimitata da una decorazione con archetti rossi realizzati a mano libera e intervallati da oculi neri, sulla quale sono stati eseguiti motivi geometrici a stencil, neri su fondo bianco e bordure rosse. La pellicola pittorica originale si presentava assai lacunosa a causa di umidità ed efflorescenze saline. Lintervento ha permesso il recupero della volta, con i costoloni a ventaglio, ornata di giallo, verde e rosso.

Nel 2018 il ponteggio del restauro è stato quindi spostato nellottava campata sud dove, anche in questo caso, sono state ripristinate le decorazioni a bugne diamantate nel sottarco e le ricche cromie, similari a quelle della volta a nord. Il degrado, causato dagli agenti atmosferici e da interventi riconducibili al secolo scorso, quando cioè la chiesa era diventata un mercato coperto, ha dato diversi grattacapi ai tecnici del Centro di Venaria Reale.

Interessante nel sottarco di accesso al presbiterio, il capitello di arenaria scolpito con lo stemma del casato dei Visconti. Due serpenti si attorcigliano inghiottendo il Moro infedele. Restano i segni della policromia blu e rossa, ovvero i colori dello stemma dei Visconti, e le iniziali visibili nel cartiglio centrale: IO/LV.

Potrebbe trattarsi di Giovanni e Luchino Visconti, nominati insieme Signori di Milano nel 1339, dopo la morte di Azzone Visconti. Lelezione di Giovanni ad Arcivescovo di Milano nel 1342 permette di datare il capitello entro questi due termini cronologici. In quel momento a capo dellOrdine Agostiniano cera Guglielmo Amidani, confessore dei Visconti e, si crede, committente della campagna pittorica oggetto dei restauri.

Proseguendo nella lesena sottostante, ecco quel che resta di una Madonna in trono con il Bambino che porta al collo un rametto di corallo, prefigurazione della passione. Stesso discorso per il lacerto dellaffresco di San Gregorio Magno. Si può vedere la colomba che gli sussurra in un orecchio e la mitra papale che gli cinge la testa, un tempo arricchita da una preziosa lamina in oro.

Sono ormai più di dieci anni che lex chiesa di San Marco è stata adibita a spazio espositivo. Come è noto, lungo la navata centrale, ospita Arca, il contenitore progettato dallarchitetto Fagnola. In principio furono le mostre della Fondazione Peggy Guggenheim di Venezia. Poi, dopo un breve periodo di pausa, in cui comunque è rimasta attiva, ha ripreso il suo ruolo.

Ricordiamo la Biennale Italia-Cina, passata un po sotto traccia, sebbene ospitasse uninstallazione dellartista contemporaneo più celebrato al mondo, il cinese Ai Weiwei; la mostra su Gaudenzio Ferrari e quella, appena conclusa, 100% Italia con le opere del Museo Ettore Fico. A breve Arca avrà lonore di custodire la Magna Charta, per la prima volta in Italia, nellevento che celebra gli 800 anni della Basilica di SantAndrea.

I visitatori avranno quindi lopportunità, non solo di vedere coi loro occhi limportante documento, ma di ammirare anche la chiesa e soprattutto il ciclo pittorico che la decora. Ci sarebbe ancora molto da scoprire: come ci ha confidato il funzionario della Soprintendenza Elena Frugoni, con ogni probabilità sotto lo spesso strato di pittura si celano altri affreschi che non vedono lora di tornare a splendere dopo secoli di oblio.

https://tgvercelli.it/lex-chiesa-san-marco-svela-nuovi-tesori/


news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news