LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Falsificate le opere di De Dominicis. Odore di vernice su tele di 20 anni fa
Ilaria Sacchettoni
Corriere della Sera - Roma 11/3/2019

Vittorio Sgarbi tra i 23 indagati. Le motivazioni del riesame

Nè i celebri teschi con naso di cartone, né le altrettanto famose silouette con colori a olio: la maggior parte delle opere contraffatte di Gino De Dominicis riguarderebbe soggetti come Urvasi e Gilgamesh più altri su pannelli laminati in oro, classici della produzione dellautore anconetano del Novecento.

Secondo i carabinieri del nucleo di Tutela del patrimonio artistico, coordinati dalla pm Laura Condemi e dallaggiunto Angelantonio Racanelli, si tratta di una truffa del valore di circa 30 milioni per la quale sono indagate 23 persone fra cui Vittorio Sgarbi (avrebbe certificato i falsi consapevolmente), Duccio Trombadori e lex allieva dellartista, Marta Massaioli.

Ora, nel confermare la validità delle misure disposte dal gip, le motivazioni dei giudici del Riesame, rivelano nuovi dettagli su una vicenda che rischia di travolgere la reputazione di storici, intellettuali e mercanti darte.

Ad esempio le indagini tecniche sul gallerista Pio Monti che avrebbe commercializzato falsi De Dominicis, facevano emergere scrivono i giudici del riesame sospetti di altre condotte di ricettazione o falsificazione di opere di importanti artisti contemporanei quali, oltre De Dominicis, De Chirico, Capogrossi, Carlo Carrà, Lam, Balla, Lucio Fontana, Carla Accardi e altri. Il sospetto è che si sia diffuso un mercato parallelo di maestri del Novecento sostenuto da falsi expertise. Non solo De Dominicis insomma.

Quanto allautore di Ancona, la contraffazione sarebbe stata abbastanza grossolana: quando uno dei compratori, per fugare dubbi, si rivolge alla ditta Pavia restauro trova che i suoi peggiori sospetti sono confermati e che il restauratore, al momento di intervenire su tre opere, constatava che il colore bianco presente sui manufatti era databile a circa un anno fa. É lo stesso Alessandro Pavia, lartigiano, a far mettere a verbale una serie di circostanze importanti e, fra tutte, il fatto che in effetti le tre opere presentavano un forte odore di vernice fresca incompatibile con opere databili a 15 anni, 20 anni fa.

La Massaioli si difende parlando di ritocchi alloriginale, ma la consulente tecnica del pm le valuta come (opere, ndr) false ed esclude che siano state oggetto di un semplice restauro o di interventi di ritocco.

Altre risposte vengono, per gli investigatori, dallindividuazione di un capannone a Cerreto dEsi, in provincia dAncona dove alcuni falsi De Dominicis venivano custoditi e realizzati. E dalla testimonianza di Sandro Mentuccia, factotum della Massaioli che si presta a trasportare i quadri al festival di Spoleto organizzato da Sgarbi come pure a ravvivare i colori delle opere: Il retro di alcune opere che ho pitturato di nero dice le ho solo ravvivate nella densità del colore ma non so se fossero le stesse che avevo pitturato quando erano grezze o altre. Mentuccia riferisce anche un altro dettaglio: Mi ricordo che quando le rivedevo, magari mentre le trasportavo da qualche parte con Massaioli, sulle stesse opere cera unetichetta con le misure e il titolo dellopera. Ricordo questo dettaglio per esempio anche nelloccasione delle opere che ho portato a Spoleto nel 2012 al Festival.



news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news