LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palermo. La Sicilia potrebbe vivere di turismo. Ma non ci prova
Tina Lepri
Il Giornale dell'Arte numero 395, marzo 2019

Nonostante qualche eccellenza, i visitatori non crescono

Da anni si ripete un ritornello avvilente al quale danno voce molti politici: La Sicilia, prima Regione in Italia, al pari della Lombardia, per numero di siti Patrimonio Unesco (9), potrebbe vivere di solo turismo, soprattutto culturale. Un sogno che nasconde una deludente realtà: lantico, inarrestabile degrado rappresentato in modo evidente dai 300 luoghi darte dellisola sempre sbarrati, negati al turismo. Palazzi storici, giardini, aree archeologiche, tutti inaccessibili.

Difficile visitare anche i musei aperti. Perfino i più importanti, come Palazzo Abatellis di Palermo, riducono lorario proprio nei giorni festivi: regola avvilente che riguarda, in realtà, anche buona parte dei musei italiani. Nellelenco impressionante delle 868 opere incompiute in tutta lisola, in restauro a passo di lumaca o a lavori bloccati senza un perché, un numero cospicuo riguarda proprio il patrimonio culturale siciliano invisibile.

A queste realtà si aggiungono le tante aree archeologiche inaccessibili (il 30%, distribuite in tutta la Sicilia) perché abbandonate e chiuse o da anni in perpetuo restauro. Altra carenza davvero penalizzante: oltre la metà di tutti i musei e siti archeologici siciliani non sono accessibili ai portatori di handicap: barriere architettoniche, montascale fuori uso, carenza di ascensori.

Perfino la celeberrima Villa romana del Casale a Piazza Armerina, sito Unesco dal 1997, non ha ancora un percorso completo per i disabili. E pare davvero inconcepibile che al Teatro greco di Siracusa un portatore di handicap debba chiedere la chiave allingresso o al custode per andare alla lontana toilette.

Nonostante tutto, grazie anche a Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018, nei primi sei mesi dello scorso anno il turismo culturale in Sicilia è cresciuto del 9,37%. Un passo avanti ma insufficiente se consideriamo i dati delle presenze nei 77 siti culturali regionali siciliani: in 6 mesi, da gennaio a luglio 2018, hanno avuto 2.489.510 presenze tra paganti e ingressi gratuiti, per un introito di 12,7 milioni di euro (nella sola Pompei, in tutto il 2018, i visitatori sono stati 3,6 milioni con un incasso di circa 30 milioni).

I numeri della Sicilia risultano ancora più negativi se si confrontano con altri musei o siti italiani, come il Museo Egizio di Torino che nel 2017 ha superato gli 850mila visitatori, in aumento nel 2018, o la Galleria degli Uffizi di Firenze, con oltre 2,2 milioni di ingressi nel 2018 e 30 milioni di introiti. Il problema in Sicilia non sono tanto i siti archeologici più famosi anche allestero, come Valle dei Templi di Agrigento, Teatro antico di Taormina, aree archeologiche di Siracusa, Selinunte, Segesta. Non cresce o diminuisce, invece, la frequentazione dei musei, vittime di scarsa cura e di una promozione e valorizzazione inadeguate.

Un altro elemento negativo per il turismo è la difficoltà di muoversi nellisola: strade e trasporti pubblici sono spesso un vero disastro. Così accade che nella straordinaria Villa del Casale a Piazza Armerina nel 2018 siano arrivati appena 300mila visitatori, 100mila in meno del 2007.

Ma anche arrivare in Sicilia è un problema: lalta velocità ferroviaria si ferma a Salerno, le tariffe aeree sono elevate, treni locali e prezzi dei pernottamenti non concorrenziali. Le spiagge e le bellezze della Tunisia o del Marocco costano meno delle eccellenze dei 9 siti Unesco siciliani e delle tante altre meraviglie trascurate dellisola.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/la-sicilia-potrebbe-vivere-di-turismo-ma-non-ci-prova/130773.html


news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news