LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, l'assessore scavalcato
Gabriele Ferraris
Corriere della Sera - Torino 16/3/2019

Ieri, nel corso di una stravagante seduta della Commissione cultura, i consiglieri della maggioranza cinquestelle hanno affossato un progetto.

Trasformare la Fondazione Torino Musei in Fondazione Piemonte Torino Musei, includendovi per cominciare il Museo Regionale di Scienze chiuso dallagosto 2013 e che, dopo infiniti rinvii, garantiscono che riaprirà entro la fine del 2019 (ma io, ammaestrato da infinite delusioni, ci credo quando lo vedo).

La faccenda è surreale perché i consiglieri cinquestelle che siedono in Commissione cultura (il cui presidente è adesso Massimo Giovara, e prendete nota di questo non trascurabile particolare) hanno bocciato le modifiche allo Statuto della Fondazione Torino Musei, atte a trasformarla giustappunto in Fondazione Piemonte Torino Musei. Tali modifiche erano state concordate dallassessore Leon con i vertici e con gli altri soci della Ftm (in particolare la Regione), e avallate dalla giunta comunale il 27 dicembre scorso. Ma non hanno soddisfatto i commissari grillini, che si sono appellati alle prerogative del Consiglio e per bocca della consigliera Pollicino hanno presentato una lunga lista di contromodifiche, di fatto rinviando sine die lapprovazione dellatto.

Ora. Il Testo unico per gli enti locali attribuisce al Consiglio comunale la competenza esclusiva in alcune materie, fra cui per lappunto la stesura e la modifica degli statuti delle fondazioni. Quindi, per la legge la posizione dei cinquestelle è più che fondata.

In concreto, tuttavia, prassi e praticità vogliono che sia lassessore competente (nel caso specifico, quello alla Cultura) a trattare le modifiche statutarie con gli altri soci, tenendo conto delle indicazioni della propria maggioranza consiliare: così, quando il testo dello statuto così modificato viene firmato dallassessore competente e dal sindaco per essere sottoposto allapprovazione del Consiglio comunale, tale testo dovrebbe rispondere - per quanto politicamente possibile - anche alla volontà del Consiglio stesso.

Qui invece è successo che il 27 dicembre Chiarabella e Maiunagioia hanno firmato un testo concordato con gli altri soci; ma ieri, 15 marzo, il Consiglio comunale nella fattispecie la Commissione cultura quel testo lo ha demolito. E già questo, sul piano politico, è quantomeno singolare. Aggiungi che a quel punto la Leon ha immediatamente calato le brache, dichiarandosi perfettamente daccordo con le modifiche pretese dalla sua maggioranza.

Ora, la domanda sorge spontanea: ma Francesca, spiegami, se la pensi così perché hai firmato un testo che non andava bene neppure a te? Lo avevi concordato con gli altri soci, si presume su mandato della tua maggioranza: e adesso la tua maggioranza ti smentisce, e tu dici che hanno ragione, e che il testo che tu e il sindaco avete firmato è una gran minchiata?

Che dovesse finire così sera già capito a inizio febbraio, quando la questione era stata affrontata in una seduta congiunta delle commissioni cultura di Comune e Regione: allora i consiglieri regionali M5S Frediani e Bono avevano eccepito sulla modifica dello Statuto con una delibera di giunta, anziché con il voto del Consiglio; e Giovara aveva dichiarato che la commissione comunale si prenderà tutto il tempo necessario per valutare le modifiche allo statuto. E stato di parola, non cè che dire.

Quanto accaduto ieri in Commissione ha due conseguenze immediate. La prima è che la Regione ritira la sua proposta di legge sulla nuova Fondazione Piemonte Torino Musei: se ne riparlerà, semmai, dopo le elezioni. Seconda conseguenza, viene congelato almeno in parte il contributo regionale extra che un anno fa la Parigi aveva stanziato per salvare la Fondazione Torino Musei azzoppata dal taglio dei finanziamenti comunali: almeno 150 mila euro - ma sarebbero stati in realtà 250 mila - erano destinati nei fatti al varo della Fondazione allargata. Niente Fondazione, niente soldi.

Ma laspetto tragicomico della pantomima è tutto interno ai cinquestelle. Giovara e la sua maggioranza commissariale hanno sconfessato Chiarabella e Maiunagioia e il loro accordo avallato dalla giunta comunale e dalla giunta regionale su proposta delle rispettive assessore alla Cultura.

A questo punto, unanimaccia malignazza potrebbe considerare lesito della commissione odierna come lennesimo avviso di sfratto che i consiglieri cinquestelle duri e puri - presieduti dallambizioso e onnipresente assessore supplente Giovara recapitano a un assessore esterno sempre più nellangolo; e pure un richiamo neppure troppo indiretto a Chiarabella, perché non devii dallortodossia.

Certo, simili illazioni sono infondate: lo giurano i diretti interessati, e non mi permetto di dubitare delle loro dichiarazioni. Ma ragioniamo un attimo: se un assessore viene smentito dalla sua stessa maggioranza, può ancora essere considerato un assessore? E dora in poi, chiunque vorrà discutere con il Comune di qualsiasi argomento riguardante la cultura potrà ancora considerare Francesca Leon un interlocutore affidabile? O non riterrà più logico e sicuro rivolgersi direttamente al consigliere/assessore supplente Giovara?



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news