LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caravaggio e i nostri veri problemi
Mario Rusciano
Corriere del Mezzogiorno - Campania 17/3/2019

Chissà cosa direbbe Michelangelo Merisi se potesse intervenire nel dibattito sul trasferimento temporaneo delle sue Sette opere di misericordia dal Pio Monte al Museo di Capodimonte. Forse tacerebbe. O forse, pur di dire la sua, ne inventerebbe unottava e dipingerebbe in quale dei due siti? questa regola di civiltà: discutere sempre con pacatezza per scambiarsi idee, non insulti! Linterminabile querelle sul breve viaggio del capolavoro di Caravaggio rivela lattenzione di chi si è pronunciato: a favore o contro. Ma rivela anche poca capacità a trattare il problema misurando modi, tempi e limiti del confronto. Bene fa il Corriere del Mezzogiorno come rilevato da Paolo Grassi a dare spazio alle diverse posizioni, ma lo stile degli interventi non sempre è coerente con quello del dibattito. Scontato che tutti, purché competenti, possano parteciparvi chierici e laici del settore; giovani e anziani (checché ne pensi Bonisoli parlando di Muti) colpisce però che si discuta smarrendone il senso delle proporzioni. La questione, per carità, è importante, ma non tanto da slittare dalle sette opere di misericordia ai sette vizi capitali. Dei quali tre traspaiono, almeno in piccola dose: ira, superbia e invidia. Questo capita, magari senza volerlo, se in una discussione abbastanza autoreferenziale sintrecciano aspetti pratici, posizioni di principio, appartenenze e pregiudizi politici.
I quali ultimi non mancano mai quando si parla di cultura in Italia, specie al Sud. Dove si sa, quanto a risorse, la cultura dipende totalmente dalla politica. E non è un bene!

Per la verità il dilemma, se spostare o no il Caravaggio, riesce a scaldare gli animi fino a un certo punto, anche perché ormai risolto. Assai più preoccupa invece il conflitto interno al Ministero dei beni culturali: per la seconda volta in un breve arco di tempo Ministro e Sovrintendente si trovano in disaccordo. Prima le griglie al Plebiscito, poi il Caravaggio. Il disaccordo, tipico della proverbiale disarticolazione dellapparato burocratico italiano, è un rischio per il nostro territorio, ricco di monumenti, palazzi storici vincolati, chiese, musei, biblioteche, beni archeologici ecc...

Se ogni pietra da muovere facesse scoppiare un caso, quale speranza avremmo di tutelare e valorizzare il nostro patrimonio storico-artistico? Non sarebbe naturale che i responsabili delle istituzioni pubbliche preposte ai beni culturali dal Ministro ai Sovrintendenti; dagli assessori ai direttori dei musei e ai funzionari cominciassero a parlarsi di più e più di frequente tra loro? È francamente spiacevole assistere, dallesterno, a litigi continui su problemi che in qualsiasi paese civile trovano soluzione grazie alla semplice consultazione interna allamministrazione o se occorre anche esterna che deve venire prima e non dopo la decisione.

Come pure è giusto che si sappia in precedenza chi è titolare della competenza effettiva ed esclusiva.

A parte la pessima impressione di due uffici dello stesso ministero che non solo non si parlano, ma addirittura si contraddicono e figuriamoci che succede tra due ministeri diversi è intollerabile che il conflitto tra istituzioni culturali (pubbliche e private) diano luogo a dibattiti del genere, inutilmente lunghi e certamente stucchevoli.

Essi, tra laltro, ci distraggono dai problemi drammatici che affliggono la nostra città, la nostra regione e lintero mezzogiorno.

Meglio non osare nemmeno immaginare cosa succederebbe se, poniamo, i napoletani i quali, secondo il sindaco De Magistris, sono il vero motore del rinascimento napoletano decidessero di partecipare realmente ai problemi della città e cominciassero a discutere e a protestare per i suoi guai: dissesto del Comune e delle società partecipate; assenza dei trasporti pubblici; mancata manutenzione, disordine e sporcizia urbana; distruzione del verde pubblico; caos delle Universiadi ecc... (meglio lasciare aperta la lista).

Purtroppo i napoletani il cui vizio capitale è laccidia per ora hanno rinunziato ad accendere il motore. Difatti hanno la colpa del mancato rinascimento della città, ma hanno il pregio di non dare fastidio al sindaco. Il quale così, non avendo mezzi né voglia, non ha bisogno di sopportare con pazienza le persone moleste. Che, non si dimentichi, è una delle sette opere di misericordia spirituale!



news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news